Corte di Cassazione, sezione quinta penale, sentenza 3 gennaio 2018, n. 106. Sequestro preventivo dell’albergo se esiste un rischio che possa essere venduto malgrado l’ipoteca e il rilevante valore economico

4

Sequestro preventivo dell’albergo se esiste un rischio che possa essere venduto malgrado l’ipoteca e il rilevante valore economico. Nel reato di bancarotta il sequestro è giustificato per impedire la dispersione dei proventi a danno dei creditori

Sentenza 3 gennaio 2018, n. 106
Data udienza 19 ottobre 2017

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PALLA Stefano – Presidente

Dott. GORJAN Sergio – rel. Consigliere

Dott. SCOTTI Umberto Lui – Consigliere

Dott. DE GREGORIO Eduardo – Consigliere

Dott. PISTORELLI Luca – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS) nato il (OMISSIS);
(OMISSIS) nato il (OMISSIS) nel procedimento a carico di questi ultimi;
avverso l’ordinanza del 09/02/2017 del TRIB. LIBERTA’ di POTENZA;
sentita la relazione svolta dal Consigliere SERGIO GORJAN;
lette/sentite le conclusioni del PG.
RITENUTO IN FATTO
Il Tribunale di Potenza,quale Giudice del riesame della misura cautelare reale, con l’ordinanza impugnata, resa il 9.2.2017,in riforma della decisione assunta dal G.i.p. presso il medesimo Tribunale, ha accolto l’istanza del P.M. di disporre il sequestro preventivo in relazione al complesso alberghiero denominato ” (OMISSIS)” in proprieta’ alla srl (OMISSIS) e contenente l’azienda della srl (OMISSIS) concorrendo i requisiti di legge in correlazione a reati fallimentare, in tesi accusatoria riferibili ad (OMISSIS) ed altri.

[…segue pagina successiva]