Annunci

Archivi autore

Avv. Renato D'Isa

Ho scelto la professione forense per vocazione spontanea derivatami da una tradizione familiare di generazioni di laureati in legge (VI^ in linea retta), in particolare di notai (bisnonno), avvocati (trisavolo e quadrisavolo) e magistrati (padre).
Conseguita la laurea in giurisprudenza presso la Federico II di Napoli nell'anno 2004, dal periodo post laurea finalizzato anche alla partecipazione al concorso notarile, accomunato alla successiva pratica di avvocato ed allo svolgimento della professione di avvocato ho raggiunto uno studio approfondito nella materia civile oltreché in determinate branche del diritto penale.
Attualmente ricopro anche la carica di curatore fallimentare presso i Tribunali di Nocera Inferiore e Torre Annunziata, di mediatore professionale e di amministratore di condominio (arduo lavoro).
Inoltre lo Studio D'Isa effettua consulenza legale in Diritto Penale, Diritto fallimentare, Diritto Amministrativo, Diritto del Lavoro, Diritto Tributario, Diritto della Navigazione e Diritto dei Marchi e dei Brevetti.
Il presente blog, che non costituisce una testata giornalistica, è nato da un'idea di condivisione del continuo aggiornamento professionale, sia per gli operatori del diritto e sia per gli utenti, attraverso la pubblicazione di ultime sentenze della Suprema Corte nonché del Consiglio di Stato e di saggi da me redatti in continua evoluzione, in virtù dei collegamenti ipertestuali tra gli stessi e le sentenze pubblicate.
Condivisione spinta anche al fine di raggiungere una nuova interazione tra Avvocato e cliente e la creazione di un vero e proprio network giuridico

Corte di Cassazione, sezione seconda penale, sentenza 13 ottobre 2017, n. 47064. Il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, di cui all’art. 316-ter cod. pen., differisce da quello di truffa aggravata ai sensi dell’art. 640, secondo comma, n. 1, cod. pen.

Il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, di cui all’art. 316-ter cod. pen., differisce da quello di truffa aggravata ai sensi dell’art. 640, secondo comma, n. 1, cod. pen., per la […]

Annunci

Corte di Cassazione, sezione seconda civile, sentenza 17 ottobre 2017, n. 24479. Ove ci si trovi di fronte a comodato di alloggio ad uso abitativo, il comodato stesso costituisce una detenzione, e non quindi un possesso ad usucapionem

Ove ci si trovi di fronte a comodato di alloggio ad uso abitativo, il comodato stesso costituisce una detenzione, e non quindi un possesso ad usucapionem, in favore tanto del comodatario, quanto […]

Corte di Cassazione, sezione prima civile, ordinanza13 ottobre 2017, n. 24156. In tema di controversie relative ai rapporti tra la banca ed il cliente correntista, il quale lamenti la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici

In tema di controversie relative ai rapporti tra la banca ed il cliente correntista, il quale lamenti la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici maturati con riguardo ad un […]

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 12 settembre 2017, n. 41547. Sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente calcolando il profitto sulla base della somma dell’Iva e dell’Irpef evase

Legittimo il sequestro preventivo disposto dal Gip calcolando il profitto sulla base della somma dell’Iva e dell’Irpef evase Sentenza 12 settembre 2017, n. 41547 Data udienza 16 maggio 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN […]

Vai alla barra degli strumenti