coltivazione marijuana

/Tag: coltivazione marijuana

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, sentenza 18 gennaio 2018, n. 2030. Esclusa la particolare tenuità del fatto per il coltivatore in serra di piantine di marijuana

Esclusa la particolare tenuità del fatto per il coltivatore in serra di piantine di marijuana Sentenza 18 gennaio 2018, n. 2030 Data udienza 12 dicembre 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME [...]

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, sentenza 21 settembre 2017, n. 43465. Marijuana distinzione tra coltivazione tecnico-agraria e domestica

Ai fini del reato non c'è distinzione tra coltivazione tecnico-agraria e domestica. Sentenza 21 settembre 2017, n. 43465 Data udienza 18 maggio 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 2 dicembre 2016, n. 51416

Costituisce condotta penalmente rilevante qualsiasi attività non autorizzata di coltivazione di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, anche quando sia realizzata per la destinazione del prodotto ad uso personale [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 17 giugno 2015, n. 25316. Ai fini della punibilità della coltivazione non autorizzata di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, l’offensività della condotta consiste nella sua idoneità a produrre la sostanza per il consumo, attese la formulazione delle norme e la ratio della disciplina, anche comunitaria, in materia, sicché non rileva la quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, ma la conformità della pianta al tipo botanico previsto e la sua attitudine, anche per le modalità di coltivazione, a giungere a maturazione e a produrre la sostanza stupefacente

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 17 giugno 2015, n. 25316 Ritenuto in fatto Con sentenza del 7 maggio 2014 la Corte di appello di Cagliari, riqualificato il fatto [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza del 22 gennaio 2015, n. 3177. In relazione alla specificità del fatto materiale di coltivazione – non può aversi riguardo allo stadio (iniziale, in corso, avanzato, esaurito) del processo produttivo accertato (ciò che equivarrebbe a dare ingresso ad un improprio criterio di punibilità differenziata), poiché l’offensività della condotta si radica nella sola idoneità della coltivazione a produrre la sostanza per il consumo. Con l’ovvio effetto che “non rileva la quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza dell’accertamento, ma la conformità delle piante al tipo botanico previsto e la loro attitudine (anche per modalità e cura di coltivazione) a giungere a maturazione e a produrre la sostanza stupefacente utilizzabile per il consumo”

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 22 gennaio 2015, n. 3177 Ritenuto in fatto 1. Con sentenza resa il 10.5.211, all'esito di giudizio abbreviato, il Tribunale di Ancona, sezione [...]

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 21 ottobre 2014, n. 43843. L’attività di coltivazione non autorizzata di piante dalle quali siano estraibili sostanze stupefacenti, anche quando sia realizzata per soddisfare l’uso personale, integra il reato di cui all’art. 73 del d.P.R. n. 309/1990, dovendosi considerare che in tal maniera si dà vita ad un processo produttivo autonomo, capace di autoalimentarsi e di produrre sostanza stupefacente in misura non preventivabile

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza  21 ottobre 2014, n. 43843 Ritenuto di fatto 1. II Tribunale di Fermo, con sentenza emessa il 23/9/2013, assolse perché il fatto non [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 30 luglio 2014, n. 33835. Non è punibile la coltivazione “casalinga” di marijuna in dose minima talmente esigua da non integrare quel principio di offensività minima che deve sempre avere la condotta concreta per essere punibile

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 30 luglio 2014, n. 33835 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 27 maggio 2014, n. 21609. Ai fini della punibilità della coltivazione non autorizzata di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, spetta al giudice verificare in concreto l’offensività della condotta ovvero l’idoneità della sostanza ricavata a produrre un effetto drogante rilevabile. In tema di coltivazione di sostanze stupefacenti, non essendo requisito necessario la destinazione della sostanza alla cessione verso terzi, il dato ponderale può assumere rilevanza al fine di fornire indicazioni sull’offensività della condotta, la quale pero non può essere esclusa ogniqualvolta i quantitativi prodotti risultino inferiori alla “dose media singola”, determinata dalle tabelle ministeriali, ma soltanto quando risultino privi della concreta attitudine ad esercitare, anche in misura minima, gli effetti psicotropi evocati dall’art. 14 del d.P.R. n. 309 del 1990

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI PENALE Sentenza  27 maggio 2014, n. 21609 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Sesta penale composta dai [...]

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 3 aprile 2014, n. 15191. Ai fini della punibilità della coltivazione, non autorizzata di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, spetta al giudice verificare in concreto l’offensività della condotta ovvero l’idoneità della sostanza ricavata a produrre un effetto drogante rilevabile. (Nel caso di specie, la Corte d’Appello riteneva non dimostrata l’offensività della condotta, né l’idoneità della stessa a porre in pericolo il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice, in considerazione non solo del numero esiguo delle piantine di marijuana coltivate, ma anche del quantitativo minimo di sostanza dalle stesse estraibile.)

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II Sentenza 3 aprile 2014, n. 15191 Svolgimento del processo Con sentenza del 21 novembre 2003, il Gip del Tribunale di Vallo della Lucania dichiarò [...]