occultamento e distruzione di documenti contabili

/Tag: occultamento e distruzione di documenti contabili

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 21 luglio 2017, n. 36049

I reati previsti dagli articoli 8 e 10 del Dlgs 74/2000 (emissione di fatture per operazioni inesistenti e occultamento o distruzione di documenti contabili) sono distinti e possono concorrere, senza [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 21 giugno 2017, n. 30806

Rientra nel raggio d'azione dell'articolo 131-bis sulla non punibilità per particolare tenuità del fatto l'occultamento di parte dei redditi derivanti dall'attività di intermediazione svolta a favore di alcuni broker assicurativi [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 7 giugno 2017, n. 28069

La Guardia di Finanza può perquisire i luoghi dove lavora l’avvocato, indagato per reati fiscali, ma non può sequestrare i documenti relativi alla sua attività professionale. La chiarisce la Cassazione [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 16 settembre 2016, n. 38511

Il delitto di occultamento di documenti contabili ha natura di reato permanente e così - come affermato dalla giurisprudenza - si protrae fino al momento dell'accertamento fiscale. Successivamente a questo [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 9 maggio 2016, n. 19106.

Il reato di occultamento o distruzione delle scritture contabili a carico dell'amministratore di una società si può desumere dalle verifiche effettuate presso i fornitori. Suprema Corte di Cassazione sezione III [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 1 aprile 2014, n. 14953. L’eventuale crisi di liquidita’ economica – nell’ambito dell’attivita’ di impresa – di norma non costituisce un evento imprevedibile e come tale insuperabile. La crisi di liquidita’, invece, rappresenta un evento possibile, concretizzando lo stesso un rischio inerente all’attivita’ di impresa, cui occorre far fronte tempestivamente con opportuni interventi sul cosiddetto “flusso di cassa” dell’azienda, quali: a) tempestivi e frazionati accantonamenti; b) il ricorso all’acquisizione di ulteriori somme erogate da istituti bancari /o finanziari ed altri

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 1 aprile 2014, n. 14953 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]