Corte di Cassazione, sezione VI, ordinanza 30 luglio 2015, n. 16173. In materia di revisione dell’assegno di mantenimento, il diritto a percepirlo di un coniuge ed il corrispondente obbligo a versarlo dell’altro, nella misura e nei modi stabiliti dalla sentenza di separazione o dal verbale di omologazione, conservano la loro efficacia, sino a quando non intervenga la modifica di tali provvedimenti, rimanendo del tutto ininfluente il momento in cui di fatto sono maturati i presupposti per la modificazione o la soppressione dell’assegno, con la conseguenza che, in mancanza di specifiche disposizioni, in base ai principi generali relativi all’autorità, intangibilità e stabilità, per quanto temporalmente limitata (“rebus sic stantibus”), del precedente giudicato impositivo del contributo di mantenimento, la decisione giurisdizionale di revisione non può avere decorrenza anticipata al momento dell’accadimento innovativo, rispetto alla data della domanda di modificazione

28

Cassazione10

Suprema Corte di Cassazione

sezione VI

ordinanza 30 luglio 2015, n. 16173

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI PALMA Salvatore – Presidente

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio legale (OMISSIS), rappresentata e difesa, per procura in calce al ricorso, dall’avv. (OMISSIS) che dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative al processo al fax n. (OMISSIS) e all’indirizzo p.e.c. (OMISSIS);

– ricorrente –

nei confronti di:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avv. (OMISSIS) che lo rappresenta e difende per 2015 procura speciale in calce al controricorso e dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative al processo al fax n. (OMISSIS) e all’indirizzo p.e.c. (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso il decreto n. 1433/12 della Corte di appello di Napoli, emesso il 5 ottobre 2012 e depositato il 18 ottobre 2012, n. R.G.V.G. 774/12.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che in data 8 febbraio 2015 e’ stata depositata relazione ex articolo 380 bis c.p.c. che qui si riporta:

Rilevato che:

1. (OMISSIS) ha proposto al Tribunale di Napoli istanza di modifica delle condizioni della separazione consensuale con (OMISSIS).

2. L’istanza e’ stata respinta dal Tribunale di Napoli che ha ritenuto l’insussistenza di circostanze sopravvenute e non valutabili ai fini della richiesta revoca o riduzione dell’assegno di mantenimento.

3. La Corte di appello di Napoli ha accolto parzialmente il reclamo dello (OMISSIS) riducendo a 850 euro l’ammontare dell’assegno mensile di mantenimento in considerazione dell’intervenuto licenziamento e della impossibilita’, in considerazione delle condizioni di salute dello (OMISSIS), del suo trasferimento a (OMISSIS) che avrebbe consentito la prosecuzione del rapporto di lavoro.

4. Ricorre per cassazione (OMISSIS) affidandosi a quattro motivi di impugnazione.

5. Si difende con controricorso (OMISSIS).

Ritenuto che:

6. Con il primo motivo di ricorso si deduce la nullita’ del decreto della Corte di appello perche’ privo di motivazione sul rigetto dell’eccezione di inammissibilita’ del reclamo proposto dallo (OMISSIS) in quanto privo dei motivi specifici previsti dall’articolo 434 c.p.c..

7. Con il secondo motivo di ricorso si deduce l’omesso esame delle condizioni patrimoniali e del tenore di vita delle parti ai fini della determinazione dell’assegno.

8. Con il terzo motivo di ricorso si deduce la violazione e/o falsa applicazione dell’articolo 156 c.c., comma 7 per avere la Corte di appello ritenuto come circostanze sopravvenute valutabili ai sensi dell’articolo 710 c.p.c. fatti intervenuti prima della precedente pronuncia su un pregresso ricorso dello (OMISSIS) finalizzato alla modifica delle condizioni della separazione.

9. Con il quarto motivo di ricorso si deduce la erronea determinazione della decorrenza della riduzione dell’assegno dal gennaio 2011 e cioe’ precedentemente alla data del 19 maggio 2011 di proposizione della domanda ex articolo 710 c.p.c..

10. I primi due motivi di ricorso sono infondati in quanto la valutazione circa la specificita’ del reclamo e la ponderazione dei diversi fattori concorrenti alla determinazione dell’assegno di mantenimento emerge dalla complessiva motivazione del decreto della Corte di appello, anche con riferimento alle precedenti acquisizioni istruttorie in questo e nei precedenti giudizi.

11. Il terzo motivo di ricorso e’ infondato perche’ la motivazione della Corte di appello si articola su due rationes decidendi la seconda delle quali, relativa alla produzione degli effetti del licenziamento in epoca successiva alla pronuncia emessa nel precedente giudizio ex articolo 710 c.p.c., non risulta impugnata e comunque non risulta contestata specificamente dalla ricorrente.

12. Il quarto motivo di ricorso appare invece fondato in quanto la Corte di appello ha fissato la decorrenza della nuova misura dell’assegno dal gennaio 2011 e cioe’ precedentemente alla stessa proposizione della domanda. In difformita’ rispetto a quanto affermato dalla giurisprudenza di legittimita’ secondo cui, in materia di revisione dell’assegno, il diritto a percepirlo di un coniuge ed il corrispondente obbligo a versarlo dell’altro, nella misura e nei modi stabiliti dalla sentenza di separazione o dal verbale di omologazione, conservano la loro efficacia, sino a quando non intervenga la modifica di tale provvedimento, rimanendo del tutto ininfluente il momento in cui di fatto sono maturati i presupposti per la modificazione o la soppressione dell’assegno, con la conseguenza che, in mancanza di specifiche disposizioni, in base ai principi generali relativi all’autorita’, intangibilita’ e stabilita’, per quanto temporalmente limitata (“rebus sic stantibus”), del precedente giudicato impositivo del contributo di mantenimento, la decisione giurisdizionale di revisione non puo’ avere decorrenza anticipata al momento dell’accadimento innovativo, rispetto alla data della domanda di modificazione (cfr. Cass. civ., sezione 1, n. 28 del 7 gennaio 2008 e n. 11913 del 22 maggio 2009).

13. Sussistono pertanto i presupposti per la trattazione della controversia in camera di consiglio e se l’impostazione della presente relazione verra’ condivisa dal Collegio per il rigetto dei primi tre motivi del ricorso e per l’accoglimento del quarto motivo.

La Corte condivide tale relazione e pertanto ritiene che solo il quarto motivo debba essere accolto con conseguente cassazione del decreto impugnato e decisione nel merito di fissazione della decorrenza della modifica dell’assegno dalla data della domanda (19 maggio 2011). Va confermata la pronuncia di compensazione integrale delle spese del giudizio di merito mentre le spese del giudizio di cassazione in considerazione dell’esito dello stesso, vanno compensate per meta’ e poste per la residua quota a carico del controricorrente.

P.Q.M.

La Corte rigetta i primi tre motivi di ricorso accoglie il quarto motivo e, decidendo nel merito, fissa la decorrenza della nuova misura dell’assegno determinata dalla Corte di appello di Napoli dalla data del 19 maggio 2011. Spese del giudizio di merito interamente compensate. Spese del giudizio di cassazione a carico del controricorrente nella misura della meta’ dell’intero, liquidato in 2.300 euro, di cui 200 per spese. Dispone che, in caso di diffusione del presente provvedimento, siano omesse le generalita’ e gli altri dati identificativi a norma del Decreto Legislativo n. 196 del 2003, articolo 52.