Relatore PERRINO Angelina Maria

/Tag: Relatore PERRINO Angelina Maria

Corte di Cassazione, sezione tributaria, ordinanza 7 dicembre 2017, n. 29371. Nella locazione immobiliare la prestazione di servizio scatta al momento del pagamento e da allora sorge l’obbligo per il prestatore, nello specifico la locatrice, di emettere fattura e per il committente il diritto a detrarre l’Iva

Nella locazione immobiliare la prestazione di servizio scatta al momento del pagamento e da allora sorge l'obbligo per il prestatore, nello specifico la locatrice, di emettere fattura e per il [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 20 novembre 2017, n. 27436. In tema di tutela del socio lavoratore di cooperativa

In tema di tutela del socio lavoratore di cooperativa, in caso d'impugnazione, da parte del socio, del recesso della cooperativa, la tutela risarcitoria non e' inibita dall'omessa impugnazione della contestuale [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, ordinanza 17 novembre 2017, n. 27285. Non si può prospettare potere di disapplicazione nel caso di ex dipendenti di lavoro pubblico privatizzato che chiedono di ottenere quote di retribuzione di posizione e di risultato

Non si può prospettare potere di disapplicazione nel caso di ex dipendenti di lavoro pubblico privatizzato che chiedono di ottenere quote di retribuzione di posizione e di risultato. Il potere [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, ordinanza 15 maggio 2017, n. 11983

Spetta al giudice ordinario e non alla Corte dei conti decidere sull'azione di responsabilità promossa nei confronti dell'amministratore unico di una società partecipata da enti pubblici Suprema Corte di Cassazione [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 28 novembre 2016, n. 24102

L'ordinanza emessa dall'Ufficio centrale per il referendum, non avendo sostanziale natura di atto di giurisdizione, non e' suscettibile d'impugnazione giurisdizionale Suprema Corte di Cassazione sezioni unite civili sentenza 28 novembre [...]

Nel processo tributario la parte rimasta soccombente sull’eccezione preliminare di merito, al fine di evitare la formazione del giudicato interno, deve necessariamente proporre impugnazione, non essendo sufficiente la mera riproposizione della questione in appello. Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 11 maggio 2016, n. 9558.

Suprema Corte di Cassazione sezione tributaria  sentenza 11 maggio 2016, n. 9558 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 24 marzo 2016, n. 5840. Posto che la certezza e la determinabilità dell’indennizzo per ingiustificato arricchimento scaturiscono dall’accertamento giudiziale dell’arricchimento, la somma riconosciuta a tale titolo, qualificabile come sopravvenienza attiva qualora determini il venir meno di qualsivoglia passività, va imputata per competenza, ai fini Irpeg, all’esercizio nel corso del quale è stato emesso il provvedimento giudiziale

Suprema Corte di Cassazione sezione tributaria sentenza 24 marzo 2016, n. 5840 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Carica Altri Articoli