Relatore MARULLI Marco

/Tag: Relatore MARULLI Marco

Corte di Cassazione, sezione prima civile, ordinanza 19 febbraio 2018, n. 3955. In tema di risarcimento del danno da occupazione usurpativa

In tema di risarcimento del danno da occupazione usurpativa, qualora proceda alla liquidazione in via equitativa, il giudice di merito è tenuto ad indicare i criteri seguiti per determinare l'entità [...]

Corte di Cassazione, sezione prima civile, ordinanza 12 gennaio 2018, n. 651. In caso di illegittimo diniego della concessione per l’installazione di un chiosco sulla spiaggia comunale

In caso di illegittimo diniego della concessione per l’installazione di un chiosco sulla spiaggia comunale, il danno ingiusto si configura in relazione alla consistenza della protezione che l'ordinamento riserva alle [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 15 dicembre 2017, n. 30264. In tema di aiuti comunitari, qualora non sia dimostrato che la produzione effettiva abbia superato il “quantitativo nazionale massimo garantito”

In tema di aiuti comunitari, qualora non sia dimostrato che la produzione effettiva abbia superato il “quantitativo nazionale massimo garantito” (cd. QNMG), il recupero dei contributi erogati in maniera indebita [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 22 novembre 2017, n. 27863. Il danno permanente, indennizzabile nel caso della c.d. “espropriazione larvata”

Non essendo piu' generalmente consentito che chi versi in una condizione di illiceita' tragga vantaggio da essa, il danno permanente, indennizzabile nel caso della c.d. "espropriazione larvata" - che ricorre [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 6 novembre 2017, n. 26300. Non è compromettibile in arbitri, la controversia avente come oggetto l’impugnazione della delibera di approvazione del bilancio di una società per difetto dei requisiti di verità, chiarezza e precisione

Non è compromettibile in arbitri, la controversia avente come oggetto l'impugnazione della delibera di approvazione del bilancio di una società per difetto dei requisiti di verità, chiarezza e precisione. Le [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 11 settembre 2017, n. 21036. In caso di lite sulla liquidazione della quota al socio che recede la competenza del Tribunale o del Collegio arbitrale ?

In caso di lite sulla liquidazione della quota al socio che recede la competenza non è del collegio arbitrale ma del tribunale ordinario. Per un maggior approfondimento sul recesso del [...]

Corte di cassazione, sezione I civile, sentenza 27 luglio 2017, n. 18649

Il diritto all’ascolto costituisce un adempimento obbligatorio per il giudice, in virtù degli artt. 3 e 6 della Convenzione di Strasburgo del 25 gennaio 1996, nonchè un principio fondamentale e [...]

Corte di Cassazione, sezione I civile, sentenza 27 luglio 2017, n. 18637

Se i sistemi di sicurezza non sono idonei la Banca risarcisce per il furto alle cassette di sicurezza nella misura richiesta dal cliente, e dimostrata da una stima, considerato che [...]

Il contribuente che abbia ricevuto una rettifica sulla base dei parametri può eccepire che i suoi ricavi sono congrui in virtù dell’utilizzo dei più recenti studi di settore. Lo afferma la Cassazione per la quale non è corretto applicare semplicemente e in modo retroattivo i parametri di diversi anni prima rispetto ai più recenti studi di settore. Nel caso di specie, si trattava di un avvocato che aveva eccepito la congruità dei suoi ricavi alla luce degli studi di settore che i giudici di merito hanno sbagliato a non applicare retroattivamente. Si tratta, infatti di uno strumento più recente che delinea una realtà che con molta probabilità è più vicina a quella denunciata dal contribuente. Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 4 maggio 2016, n. 8812.

Suprema Corte di Cassazione sezione tributaria sentenza 4 maggio 2016, n. 8812 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Carica Altri Articoli