pignoramento immobiliare

/Tag: pignoramento immobiliare

Corte di Cassazione, sezione terza civile, sentenza 10 ottobre 2017, n. 23667. Ai sensi dell’articolo 2916 c.c., n. 1, dettato in relazione agli effetti del pignoramento ed applicabile al sequestro conservativo ai sensi dell’articolo 2906 cod. civ., le ipoteche iscritte dopo il sequestro sono improduttive di effetti nei confronti del sequestrante

Ai sensi dell'articolo 2916 c.c., n. 1, dettato in relazione agli effetti del pignoramento ed applicabile al sequestro conservativo ai sensi dell'articolo 2906 cod. civ., le ipoteche iscritte dopo il [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 6 ottobre 2017, n. 23453. E’ sottratto al pignoramento l’immobile abusivo, che in caso di eccezionale acquisizione al patrimonio comunale, si trasforma irreversibilmente in res extra commercium

E’ sottratto al pignoramento l’immobile abusivo, che in caso di eccezionale acquisizione al patrimonio comunale, si trasforma irreversibilmente in res extra commercium sotto il profilo dei diritti del debitore e [...]

Corte di Cassazione, sezione III civile, sentenza 27 giugno 2016, n. 13216

Dopo il pignoramento, il locatore-proprietario perde la legittimazione sostanziale sia a richiedere al locatario il pagamento dei canoni, in quanto ogni sua attività costituisce conseguenza del potere di amministrazione e [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 20 aprile 2015, n. 7998. Il pignoramento immobiliare è una fattispecie «a formazione progressiva», per cui la sola notifica dell’atto al debitore, in assenza della relativa trascrizione, non permette al giudice dell’esecuzione di dar corso alla vendita. Da ciò deriva anche che la rinuncia all’azione da parte dell’unico creditore che ha trascritto l’atto è sufficiente a far dichiarare l’estinzione del processo

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 20 aprile 2015, n. 7998     REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta [...]

Corte di Cassazione, sezione III, 13 febbraio 2015, n. 2859. In tema di espropriazione forzata, è valido l’atto di pignoramento immobiliare che contenga l’ingiunzione che l’ufficiale giudiziario fa al debitore, di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito esattamente indicato i beni che si assoggettano all’espropriazione e i frutti di essi, seguita in calce, all’originale e alla copia dell’atto, dalla relazione di notificazione sottoscritta dall’ufficiale giudiziario, posto che tale sottoscrizione garantisce la provenienza dall’ufficiale giudiziario anche dell’ingiunzione ai sensi dell’art. 492 c.p.c..

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III SENTENZA 13 febbraio 2015, n. 2859 MOTIVI DELLA DECISIONE 1.- Con il primo motivo si deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 492 e [...]