inquadramento

/Tag: inquadramento

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 2 novembre 2017, n. 26104. Il diritto all’inquadramento per l’idoneo collocato in graduatoria

Il diritto all'inquadramento, per l'idoneo collocato in graduatoria, è subordinato alla permanenza, al momento dell'adozione del provvedimento di nomina, all'assetto organizzativo degli uffici sulla base del quale era stata fatta [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 23 marzo 2016, n. 5768. Il dipendente di banca addetto a funzioni ispettive dopo un periodo di tempo quantificabile in sei mesi diventa a tutti gli effetti funzionario. Il passaggio di qualifica è poi tanto più legittimo quando è il risultato di una valutazione meritocratica da parte della banca

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 23 marzo 2016, n. 5768 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 30 marzo 2016, n. 6174. Il procedimento logico-giuridico diretto alla determinazione dell’inquadramento di un lavoratore subordinato si sviluppa in tre fasi successive, consistenti nell’accertamento in fatto delle attività lavorative in concreto svolte, nell’individuazione delle qualifiche e gradi previsti dal contratto collettivo di categoria e nel raffronto tra il risultato della prima indagine ed i testi della normativa contrattuale individuati nella seconda; non si può prescindere da tale procedimento. Consegue che è sindacabile in sede di legittimità la sentenza, con la quale il giudice di merito abbia deciso la controversia senza dare esplicitamente conto delle predette fasi

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 30 marzo 2016, n. 6174 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Napoli in riforma della sentenza dei Tribunale di Benevento , ha [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 11 dicembre 2015, n. 25044. In tema di licenziamento disciplinare, costituisce giusta causa di recesso del lavoratore l’indebito riempimento di taniche di benzina per uso personale con spesa posta a carico dell’azienda

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 11 dicembre 2015, n. 25044 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 9 settembre 2013 n. 20600. Non è di per sé il coordinamento di un gruppo di impiegati addetti ad un ufficio ad integrare una funzione dirigenziale né lo svolgimento di compiti, pur caratterizzati da autonomia, ma con poteri di iniziativa circoscritti ad un singolo servizio, ufficio o reparto e sotto il controllo dell’imprenditore, e con corrispondente limitazione di responsabilità

Il testo integrale   Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 9 settembre 2013 n. 20600[1]   La qualifica di dirigente spetta al prestatore di lavoro che, come alter ego dell’imprenditore, [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 15 luglio 2013 n. 17321. Il lavoratore con “mansioni di sistemazione” della merce in magazzino va inquadrato come impiegato e non come operaio

Il testo integrale   Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 15 luglio 2013 n. 17321[1] Pur riconoscendo nell’attività degli appellanti  margini di autonomia limitati, ha considerato che la tipologia delle [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 18149 del 23 ottobre 2012. In caso di mansioni promiscue il dipendente ha diritto ad un livello di inquadramento superiore

  Suprema Corte di Cassazione Sezione  lavoro sentenza n. 18149 del 23 ottobre 2012 Svolgimento del processo Con sentenza pronunciata il 20 marzo 2008 e pubblicata il 12 gennaio 2010 [...]