favoreggiamento della prostituzione

/Tag: favoreggiamento della prostituzione

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 22 gennaio 2018, n. 2399. In tema di prostituzione, ogniqualvolta la condotta dell’agente rivesta un’efficacia causale e rafforzativa dell’altrui volonta’

In tema di prostituzione, ogniqualvolta la condotta dell'agente rivesta un'efficacia causale e rafforzativa dell'altrui volonta', nel senso che senza il fatto del colpevole il soggetto passivo non si sarebbe determinato [...]

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 20 novembre 2017, n. 52639. Favoreggiamento della prostituzione per chi pubblica acquistando appositi spazi annunci pubblicitari di meretricio.

Favoreggiamento della prostituzione per chi pubblica acquistando appositi spazi annunci pubblicitari di meretricio. Sentenza 20 novembre 2017, n. 52639 Data udienza 26 settembre 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 22 agosto 2016, n. 35193

L'accompagnamento in auto della prostituta sul luogo del meretricio configura il reato di favoreggiamento della prostituzione quando risulti funzionale all'agevolazione della prostituzione, sulla base di elementi sintomatici, quali, ad esempio, [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 7 luglio 2016, n. 28212

Il tema della rilevanza penale della condotta di accompagnamento della prostituta sul luogo di lavoro va risolto ricordando che il reato di favoreggiamento della prostituzione consiste in qualsiasi comportamento oggettivamente [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 19 novembre 2015, n. 45898. In tema di reati attinenti la prostituzione, nel momento in cui l’attività di raccolta e successiva pubblicazione di inserzioni pubblicitarie di prestazioni sessuali rese da prostitute cessa di essere meramente informativa ma viene consapevolmente indirizzata, anche in cooperazione con i soggetti inserzionisti, all’incremento del potenziale mercimonio delle prestazioni medesime, cessa di essere un servizio reso alla singola persona che esercita la detta attività ma decampa verso quella di favoreggiamento del mercato del sesso

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 19 novembre 2015, n. 45898 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 2 dicembre 2015, n. 47594. Non integra il reato di favoreggiamento della prostituzione la condotta di chi conceda, anche in sublocazione, ad una prostituta dietro corrispettivo della quota parte del canone un immobile nella propria disponibilità ove i due convivano, sebbene in esso la donna vi eserciti per proprio conto la prostituzione. Laddove la locazione avvenga a prezzo di mercato, la cessione del godimento di un appartamento ad un soggetto che vi eserciti la prostituzione non è fattore di per sé idoneo ad integrare gli estremi del reato di favoreggiamento della prostituzione sebbene il conduttore fosse consapevole dell’uso cui immobile era destinato, ciò in quanto la stipulazione del contratto e la messa a disposizione del locale non rappresenta un effettivo ausilio al meretricio, essendo necessario, ove si voglia rilevare l’esistenza del reato, il riscontro della prestazione da parte del locatore anche di altri servizi in favore della prostituta che siano idonee di per sé ad agevolare la attività di costei, quali la ricezione dei clienti, la fornitura di profilattici o la predisposizione dei testi per le inserzioni pubblicitarie

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza  2 dicembre 2015, n. 47594 Ritenuto in fatto II Tribunale di Genova, con ordinanza dei 9 marzo 2015 ha rigettato il ricorso, presentato [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 28 settembre 2015, n. 39181. La condotta del locatore che concede il proprio immobile ad una prostituta non configura un aiuto all’attività di mercimonio del sesso. In tal caso, infatti, il negozio giuridico che si pone in essere riguarda la persona e le sue esigenze abitative: è insussistente, quindi, il nesso di causalità tra la locazione dell’immobile e l’ausilio all’attività di meretricio. Per quel che concerne lo sfruttamento della prostituzione, la medesima situazione richiede, ai fini della condanna dell’imputato, il raggiungimento della prova certa circa la riscossione dei canoni di locazione in misura esagerata e sproporzionata rispetto ai costi di piazza

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 28 settembre 2015, n. 39181 Ritenuto in fatto 1 Con sentenza 31.1.2014 la Corte d'Appello di Milano - per quanto ancora interessa in [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 marzo 2015, n. 9215. La mera condotta di inserzione su un quotidiano (o comunque su un sito ad ampia diffusione) di donne che si offrono per incontri sessuali non è sufficiente, occorrendo che vengano compiute altre attività finalizzate ad agevolare la prostituzione onde rendere più allettante l’offerta e facilitare l’approccio con un maggior numero di clienti (come, in ipotesi, l’interessamento di chi effettui le inserzioni a pubblicare le foto delle donne da contattare, ovvero il far sottoporre le stesse a servizi fotografici erotici). Occorre, in altri termini, una attività di intermediazione tra la singola prostituta ed il cliente.

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza  3 marzo 2015, n. 9215 Ritenuto in fatto 1.1 Con sentenza del 6 novembre 2013 la Corte di Appello di Brescia, in parziale [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 febbraio 2015, n. 4931. Il reato di favoreggiamento della prostituzione si qualifica, da un lato, per la posizione di terzietà della figura del favoreggiatore nei confronti dei soggetti necessari (prostituta e cliente), dall’altro lato, per l’attività di intermediazione tra offerta e domanda, volta a realizzare le condizioni (o anche ad assicurarne la permanenza) per la formazione del futuro accordo, il quale deve rientrare nella prospettiva dell’autore del reato. Ogni forma di attività agevolativa, idonea a procurare più facili condizioni per l’esercizio del meretricio costituisce elemento concretizzante il reato di favoreggiamento della prostituzione.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III SENTENZA 3 febbraio 2015, n. 4931 Ritenuto in fatto Il Gip presso il Tribunale di Firenze, con sentenza del 28/4/2010, resa a seguito di [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 25 novembre 2014, n. 48981. La pubblicazione sul giornale di inserzioni a oggetto prestazioni sessuali non integra il reato di favoreggiamento della prostituzione

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 25 novembre 2014, n. 48981 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 18 novembre 2014, n. 47387. Non integra il reato di favoreggiamento della prostituzione la cessione in locazione, a prezzo di mercato, di un appartamento ad una prostituta, anche se il locatore sia consapevole che la locataria vi eserciterà la prostituzione in via del tutto autonoma e per proprio conto, atteso che la stipulazione del contratto non rappresenta un effettivo ausilio per il meretricio), in difetto di un quid pluris che agevoli specificamente la prostituzione stessa.

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 18 novembre 2014, n. 47387 Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del 9 maggio 2013 la Corte d'appello dell'Aquila ha respinto l'appello proposto [...]