dpr 390/1990

/Tag:dpr 390/1990

Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 16 marzo 2015, n. 1349. E’ legittimo il diniego opposto all’istanza di rilascio del permesso di soggiorno, in virtù della condanna penale subita dal richiedente il titolo di soggiorno, per il reato in materia di stupefacenti, di cui all’art. 73 del D.P.R. n. 390 del 1990. Tale circostanza costituisce automatica causa di legge ostativa all’ingresso nel territorio nazionale, al rilascio di permesso di soggiorno ed al suo rinnovo, nonché causa di revoca del permesso ove questo sia già rilasciato. In conclusione la condanna di cui sopra deve ritenersi idonea a sorreggere il diniego, a nulla rilevando ogni altro elemento, come la condotta successiva e le modalità e circostanze del reato, la durata del soggiorno, l’inserimento sociale e la stabilità del rapporto di lavoro

Consiglio di Stato sezione III sentenza 16 marzo 2015, n. 1349 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE TERZA ha pronunciato la presente SENTENZA [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 14 gennaio 2015, n. 1409. La sentenza di “patteggiamento” che, con riferimento a un fatto illecito relativo a droghe “leggere” abbia applicato una pena secondo i parametri edittali previsti dalla disciplina sanzionatoria dichiarata incostituzionale dalla sentenza n. 32 del 2014 della Corte costituzionale, va annullata soltanto ove la pena base concordata dalle parti ecceda i limiti edittali previsti dalla normativa antecedente alla legge n. 49 del 2006 dichiarata incostituzionale, mentre nel caso in cui la pena concordata sia comunque compresa entro i limiti edittali nuovamente vigenti dopo la decisione della Corte costituzionale non ne consegue alcun effetto sulla sentenza di patteggiamento

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 14 gennaio 2015, n. 1409 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 9 dicembre 2014, n. 51151. In tema di misure cautelari, il requisito della “descrizione sommaria del fatto con l’indicazione delle norme di legge che si assumono violate”, previsto a pena di nullita’ dall’articolo 292 c.p.p., comma 2, lettera b), puo’ essere soddisfatto con una enunciazione dell’accusa anche riassuntiva, ma essa deve presentare un “minimo di ragionevole specificita’” quanto alle concrete modalita’ di realizzazione della condotta, rispetto alla norma violata e al suo tempo di commissione.

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 9 dicembre 2014, n. 51151   REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 2 dicembre 2014, n. 50379. È vietata l’espulsione dello straniero nei primi sei mesi di vita del figlio, tale principio valorizza la relazione di genitorialità dal momento del concepimento al compimento del sesto mese di vita del figlio, a prescindere dalla attualità del rapporto di convivenza e dall’esistenza di un vincolo di coniugio. In tal caso, secondo una lettura costituzionalmente orientata dell’art. 19, comma 2, lett. d) D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, è vietata l’espulsione dello straniero dal territorio dello Stato.

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza 2 dicembre 2014, n. 50379 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUARTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 21 novembre 2014, n. 48433. Condannato per il delitto di cui all’art. 73 del d.P.R. n. 309/1990, relativamente alla detenzione, in concorso con altri, di 38 bustine contenenti marijuana, per un peso lordo di circa 42 grammi (120,7 dosi singole medie). A seguito dell’intervento sopravvenuto della sentenza della Corte costituzionale n. 32/2014, la sanzione inflitta all’imputato, nel caso si specie, risulta incompatibile con i criteri legali di determinazione, in quanto fissata in misura eccedente rispetto ai valori edittali che devono ormai considerarsi vigenti (in particolare, quanto al massimo, rispetto al limite di sei anni per la reclusione). Infatti, con decisione integralmente confermata dalla Corte d’appello, il Giudice di primo grado aveva indicato il valore di partenza della sanzione detentiva in sette anni, aumentato fino ad otto anni per la ritenuta recidiva, e diminuito fino a cinque anni e quattro mesi per l’applicazione dell’art. 442 cod. proc. pen. La sentenza impugnata va dunque annullata con rinvio, affinché la competente Corte territoriale provveda ad una nuova determinazione del trattamento sanzionatorio, da operarsi con riferimento ai valori edittali vigenti riguardo alla illecita detenzione di sostanza stupefacente del genere marijuana.

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 21 novembre 2014, n. 48433 Ritenuto in fatto 1. È impugnata la sentenza del 13/01/2014 con la quale la Corte d'appello di Napoli [...]

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 27 ottobre 2014, n. 44791. In tema di stupefacenti, la affermata continuazione tra i reati puo’ determinare l’annullamento della sentenza impugnata qualora sia possibile ritenere che la pena inflitta possa essere rideterminata dal giudice del rinvio per effetto dell’applicazione del principio di prevalenza della legge penale piu’ favorevole al reo

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza 27 ottobre 2014, n. 44791 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUARTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Carica Altri Articoli