contratto a termine

/Tag:contratto a termine

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 4 ottobre 2017, n. 23119. Per i contratti a termine reiterati, per la misura risarcitoria non si può fare ricorso ai criteri previsti per il licenziamento illegittimo

In caso di contratti a termine reiterati per la misura risarcitoria non si può fare ricorso ai criteri previsti per il licenziamento illegittimo. Ordinanza 4 ottobre 2017, n. 23119 Data [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, ordinanza 31 agosto 2017, n. 20647

L'imprenditore nel legittimo esercizio del suo potere organizzativo può utilizzare il lavoratore a termine assunto per la sostituzione di un dipendente assente con i più diversi spostamenti interni e successive [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 1 marzo 2017, n. 5286

La previsione legislativa di una concorsualità per le assunzioni nei pubblici uffici impedisce la conversione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, dal momento che l'automatica trasformazione [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 9 settembre 2016, n. 17867

In caso di assunzione a tempo determinato di un lavoratore disabile è richiesta l'indicazione nel contratto di lavoro delle ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo che giustificano l'apposizione del termine [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 19 novembre 2015, n. 23694. In tema di indennità prevista per il caso di trasformazione in tempo indeterminato del contratto a termine, la norma introdotta dall’articolo 28 del Dlgs 81/105 ha natura sostanziale e rappresenta una nuova disciplina dell’istituto. Ne deriva che essa è irretroattiva e si applica solo ai contratti di lavoro stipulati dopo la sua entrata in vigore, così perdurando l’applicazione della pregressa disciplina di cui all’articolo 32 della legge 183/2010 ai giudizi pendenti relativi ai contratti precedenti

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 19 novembre 2015, n. 23694 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, ordinanza 23 giugno 2015, n. 13000. La Legge 28 febbraio 87, n. 56, articolo 23, nel demandare alla contrattazione collettiva la possibilita’ di individuare – oltre le fattispecie tassativamente previste dalla Legge 18 aprile 1962, n. 230, articolo 1 nonche’ dal Decreto Legge 29 gennaio 1983, n. 17, articolo 8 bis conv. dalla Legge 15 marzo 1983, n. 79 – nuove ipotesi di apposizione di un termine alla durata del rapporto di lavoro, configura una vera e propria delega in bianco a favore dei sindacati, i quali, pertanto, non sono vincolati all’individuazione di figure di contratto a termine comunque omologhe a quelle previste per legge

Suprema Corte di Cassazione sezione VI ordinanza 23 giugno 2015, n. 13000 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE L Composta [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 12 gennaio 2015, n. 262. Nel caso di trasformazione, in un unico rapporto di lavoro a tempo indeterminato, di più contratti a termine succedutisi fra le stesse parti, per effetto dell’illegittimità dell’apposizione del termine, l’indennità risarcitoria, dovuta ai sensi dell’art. 32, comma 5, della legge 4 novembre 2010, n. 183, ristora per intero il pregiudizio subito dal lavoratore, comprendendo tutti i danni retributivi e contributivi causati dalla perdita del lavoro a causa dell’illegittima apposizione del termine, con riferimento agli intervalli non lavorati fra l’uno e l’altro rapporto a termine; al contrario, i “periodi lavorati”, non solo nel primo, ma anche nei successivi contratti del periodo intermedio, una volta inseriti nell’unico rapporto a tempo indeterminato, fanno parte dell’anzianità retributiva e devono essere considerati ai fini della quantificazione degli aumenti periodici di anzianità

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 12 gennaio 2015, n. 262 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE L Composta dagli [...]