Corte di Cassazione, sezione I civile, sentenza 3 gennaio 2017, n. 27

36

L’affidamento esclusivo del figlio minore a uno dei coniugi deve essere particolarmente motivato e comunque nell’interesse esclusivo del minore.

Suprema Corte di Cassazione

sezione I civile

sentenza 3 gennaio 2017, n. 27

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere

Dott. DE MARZO Giuseppe – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16737-2015 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso l’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso l’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 357/2015 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA, depositata il 20/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 30/09/2016 dal Consigliere Dott. LAMORGESE ANTONIO PIETRO;

uditi, per la ricorrente, gli Avvocati (OMISSIS) e (OMISSIS) che hanno chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito, per il controricorrente, l’Avvocato (OMISSIS) che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CERONI FRANCESCA che ha concluso per il rigetto del ricorso.

FATTI DI CAUSA

La Corte d’appello di Brescia, con sentenza 6 marzo 2015, ha rigettato il gravame di (OMISSIS) avverso l’impugnata sentenza del Tribunale di Bergamo che, giudicando nella causa di separazione dal coniuge (OMISSIS), aveva affidato in via esclusiva al padre i due figli minori (OMISSIS) e (OMISSIS) e aveva negato alla (OMISSIS) l’attribuzione di un contributo per il mantenimento proprio e dei figli e l’assegnazione della casa coniugale.

La Corte ha confermato la decisione del primo giudice sull’affidamento esclusivo dei figli (anziche’ condiviso) in ragione di una particolare conflittualita’ esistente nel rapporto tra i coniugi che derivava dalla presenza di note caratteriali in entrambi e che ostacolava la loro capacita’ di assumere scelte comuni, sicche’ un affidamento condiviso avrebbe creato una situazione di stallo nelle decisioni che era negativa nell’interesse dei figli, bisognosi di particolari cure e attenzioni; in tale situazione ha confermato il regime di affidamento esclusivo al padre, dando atto dell’importante ruolo della madre non affidataria nella crescita e nella formazione dei figli; con riguardo alle statuizioni economiche, la Corte ha ritenuto che, pur avendo il (OMISSIS) una maggiore capacita’ reddituale e patrimoniale, la (OMISSIS) godeva di redditi superiori a quelli dichiarati e che aveva dimostrato di essere in grado con i propri mezzi di conservare il tenore di vita matrimoniale.

Avverso questa sentenza la (OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione affidato a nove motivi, cui si e’ opposto il (OMISSIS). Le parti hanno presentato memorie.

RAGIONI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente esaminata e rigettata, perche’ infondata, l’eccezione di improcedibilita’ o inammissibilita’ del ricorso per mancata produzione della sentenza notificata (il 30 aprile 2015) la quale, infatti, e’ ritualmente presente in atti.

I primi sei motivi di ricorso denunciano violazione di legge e vizio di motivazione per avere escluso l’affidamento condiviso dei figli (con collocamento presso la madre) sulla base dell’argomento, considerato inconsistente, dell’esistenza di una litigiosita’ tra coniugi e senza considerare che un affidamento esclusivo non garantisce una minore litigiosita’ ne’ la tutela dell’interesse dei figli; per averli affidati in via esclusiva al padre pur avendo evidenziato i limiti caratteriali dello stesso e pur avendo rilevato che ad entrambi i genitori erano state riscontrate difficolta’ caratteriali, senza una motivazione sulla inidoneita’ genitoriale della madre la quale si era sempre dimostrata idonea ed attenta nei confronti dei figli.

I motivi in esame, da esaminare congiuntamente perche’ reciprocamente connessi tra loro, sono fondati.

Nella giurisprudenza di questa Corte e’ costante l’orientamente secondo cui l’affidamento condiviso dei figli minori ad entrambi i genitori (che non esclude che essi siano collocati presso uno di essi con previsione di uno specifico regime di visita con l’altro) costituisce il regime ordinario di affidamento, che non e’ impedito dall’esistenza di una conflittualita’ tra i coniugi, che spesso connota i procedimenti di separazione, tranne quando tale regime sia pregiudizievole per l’interesse dei figli, alterando e ponendo in serio pericolo il loro equilibrio e sviluppo psico-fisico. In tal caso la pronuncia di affidamento esclusivo deve essere sorretta da una puntuale motivazione in ordine, non solo, al pregiudizio potenzialmente arrecato ai figli da un affidamento condiviso ma anche all’idoneita’ del genitore affidatario e all’inidoneita’ educativa alla manifesta carenza dell’altro genitore (v. Cass. nn. 1777 e 5108/20012, 24526/2010, 16593/2008).

Nella specie, la Corte di merito ha preso atto della conflittualita’ tra i coniugi e ha scelto uno dei due genitori (il (OMISSIS)) quale affidatario esclusivo dei figli senza una specifica motivazione in ordine al pregiudizio che sarebbe stato arrecato ai figli da un affidamento condiviso, essendo del tutto generico e quindi apparente l’argomento della necessita’ di assicurare rapidita’ nelle decisioni riguardanti i figli. Inoltre, la scelta di escludere la (OMISSIS) dall’affidamento dei figli non e’ derivata da una specifica valutazione di incapacita’ genitoriale della stessa e, per altro verso, neppure la scelta di affidare i figli al padre e’ derivata da un accertamento della sua idoneita’ genitoriale. E’ significativo che la Corte di merito abbia evidenziato la presenza di note caratteriali in entrambi i genitori, sicche’ la scelta del genitore al quale affidare i figli in via esclusiva risulta priva di una reale motivazione.

Gli ultimi tre motivi riguardano la mancata attribuzione dell’assegno di mantenimento in favore della (OMISSIS), addebitando alla sentenza impugnata lacune istruttorie e omesso esame della documentazione ai fini dell’accertamento dell’elevato tenore di vita matrimoniale e della situazione reddituale delle parti che si assume sperequata a vantaggio del (OMISSIS) e a svantaggio della (OMISSIS).

I motivi in esame sono inammissibili: le censure motivazionali non sono riconducibili al novellato articolo 360 c.p.c., n. 5, come interpretato dalle Sezioni Unite (n. 8053/2014); la censura di carenza di istruttoria e omesse indagini sui redditi, rubricata ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 3, vorrebbe indurre questa Corte ad una impropria revisione del giudizio di fatto, compiuto dal giudice di merito, in ordine all’accertamento in concreto dei redditi delle parti.

In conclusione, in accoglimento dei primi sei motivi del ricorso, la sentenza impugnata e’ cassata con rinvio alla Corte d’appello di Brescia, in diversa composizione, cui demanda la liquidazione delle spese del giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie i primi sei motivi del ricorso, dichiara inammissibili gli altri; cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Brescia, in diversa composizione, anche per le spese del presente giudizio. In caso di diffusione del presente provvedimento, omettere le generalita’ e gli altri dati identificativi