responsabilita’ ex art. 2049 c.c.

/Tag: responsabilita' ex art. 2049 c.c.

Corte di Cassazione, sezione terza civile, ordinanza 23 gennaio 2018, n. 1574. Nel caso in cui un dipendente sia messo a disposizione di soggetto diverso dal datore di lavoro, il responsabile ex articolo 2049, e’ soltanto il soggetto che ha assunto in proprio la direzione e la vigilanza del lavoro stesso, facendolo eseguire

Nel caso in cui un dipendente sia messo a disposizione di soggetto diverso dal datore di lavoro, il responsabile ex articolo 2049, e' soltanto il soggetto che ha assunto in [...]

Corte di Cassazione, sezione terza civile, sentenza 22 settembre 2017, n. 22058. In tema di fatto illecito, con riferimento alla responsabilita’ dei padroni e committenti

In tema di fatto illecito, con riferimento alla responsabilita' dei padroni e committenti, ai fini dell'applicabilita' della norma di cui all'articolo 2049 c.c., non e' richiesto l'accertamento del nesso di [...]

Corte di Cassazione, sezione seconda civile, sentenza 29 settembre 2017, n. 22832. La responsabilita’ del Ministero della salute in riferimento al risarcimento per i danni subiti a seguito di emotrasfusioni

  Il Ministero della salute è tenuto ad esercitare un’attività di controllo e di vigilanza in ordine, tra l’altro, alla pratica terapeutica della trasfusione del sangue e dell’uso degli emoderivati [...]

Corte di Cassazione, sezione III civile, sentenza 9 marzo 2017, n. 6033

Il datore di lavoro, titolare dell'officina meccanica, è responsabile per i danni provocati all'occhio di un bambino a causa dello scoppio di un pallone gonfiato da un suo dipendente apprendista [...]

Corte di Cassazione, sezione III civile, sentenza 9 giugno 2016, n. 11816

La responsabilità del preponente ai sensi dell’art. 2049 cod. civ. sorge per il solo fatto che il comportamento illecito del preposto sia stato agevolato o reso possibile dalle incombenze a [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 14 novembre 2014, n. 24347. In tema di trasporto di persone, viene affermato che la presunzione di responsabilita’ che l’articolo 1681 c.c., e l’articolo 409 codice navale, pongono a carico del vettore per i danni al viaggiatore verificatosi dall’inizio dell’imbarco al compimento dello sbarco, opera quando sia provato il nesso causale tra il sinistro occorso al viaggiatore e l’attivita’ del vettore in esecuzione del trasporto. Il vettore resta liberato dalla responsabilita’ presunta a suo carico, qualora provi che l’evento dannoso, verificatosi a causa del trasporto, (quando cioe’ il sinistro e’ posto in diretta, e non occasionale, derivazione causale rispetto all’attivita’ di trasporto), sia dovuto a fatto non prevedibile suo o dei suoi preposti o dipendenti, ovvero non potuto evitare nonostante l’uso della dovuta diligenza, mentre il viaggiatore ha l’onere di provare il nesso eziologico esistente tra l’evento dannoso ed il trasporto medesimo. Occorre quindi che, nonostante l’avvenuto rilascio del certificato di navigabilita’, il giudice di merito accerti nel caso concreto, le modalita’ dell’incidente occorso al passeggero e controlli se detto incidente sia o meno rapportabile a colpa del vettore o dei dipendenti o preposti di lui; dunque nel caso di viaggio effettuato a mezzo di commesso, le indagini sull’adozione, da parte dello stesso, delle cautele necessarie al compimento del trasporto debbono essere estese alla condotta tenuta da quest’ultimo, salvo che l’evento sia ascrivibile esclusivamente a negligenza del passeggero medesimo

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 14 novembre 2014, n. 24347 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 Composta [...]

Carica Altri Articoli