Relatore ROTUNDO Vincenzo

/Tag:Relatore ROTUNDO Vincenzo

Corte di Cassazione, S.U.P., sentenza 29 settembre 2016, n. 40517

E' ammissibile il ricorso per Cassazione proposto da avvocato iscritto all'albo speciale della Corte di Cassazione, nominato quale sostituto dal difensore dell'imputato, di fiducia o di ufficio, non cassazionista SUPREMA [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 14 dicembre 2015, n. 49275. In tema di induzione indebita la condotta si configura come persuasione, suggestione, inganno, pressione morale con più tenue valore condizionante rispetto all’abuso costrittivo tipico del delitto di concussione-della libertà di autodeterminazione del destinatario, il quale, disponendo di più ampi argini decisionali, finisce col prestare acquiescenza alla richiesta della prestazione indebita, poiché motivato dalla prospettiva di conseguire un tornaconto personale, che giustifica la previsione di una sanzione a suo carico

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 14 dicembre 2015, n. 49275 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, S.U.P., sentenza 3 dicembre 2015, n. 47766. La illegalità della pena, non rilevabile d’ufficio in sede di legittimità in presenza di ricorso inammissibile perché presentato fuori termine, è deducibile davanti al giudice dell’esecuzione. L’anzidetta soluzione, oltre a garantire il rispetto del principio di legalità ex art. 1 c.p. e della funzione della pena, delineata dall’art. 27 della Costituzione, appare in linea con le coordinate fondamentali del nostro sistema processuale, rispettando la formazione del giudicato e la intangibilità dell’accertamento processuale, allorché sia trascorso il termine per proporre ricorso per cassazione. In ipotesi siffatte non è, invece, invocabile il disposto di cui all’art. 619 c.p.p., in quanto il potere della Corte di Cassazione di rettificazione del provvedimento impugnato, non può essere esercitato in presenza di un ricorso inammissibile

Suprema Corte di Cassazione S.U.P. sentenza 3 dicembre 2015, n. 47766 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONI UNITE PENALI Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 14 maggio 2015, n. 20132. Risponde di peculato il notaio che si appropria di somme consegnategli dai clienti al fine di pagare l’imposta di registro inerente atti di compravendita dallo stesso rogati. Ciò perché la condotta appropriativa viene posta in essere su somme di denaro possedute per ragione dell’ufficio notarile esercitato. Risponde, invece, di truffa aggravata il pubblico ufficiale che si appropri di somme di cui non ha già la disponibilità, ma che ottiene facendo ricorso ad artifici o raggiri

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 14 maggio 2015, n. 20132 Fatto 1.-. Con sentenza in data 31-1-13 il GUP presso il Tribunale di Reggio Emilia, all'esito di giudizio [...]

Corte di Cassazione, S.U.P., sentenza 12 dicembre 2014, n. 51824. L’offerta o la promessa di denaro o di altra utilita’ al consulente tecnico del pubblico ministero finalizzata a influire sul contenuto della consulenza integra il delitto di intralcio alla giustizia di cui all’articolo 377 cod. pen. in relazione alle ipotesi di cui agli articoli 371-bis o 372 cod. pen.

Suprema Corte di Cassazione S.U.P. sentenza 12 dicembre 2014, n. 51824 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONI UNITE PENALI Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 24 novembre 2014, n. 48648. All’imputato, detenuto in espiazione pena definitiva in carcere, al quale era stato contestato di essere evaso dal penitenziario per non esservi rientrato dopo un periodo di licenza di una settimana, in tal caso, non è configurabile il reato di evasione per non aver il detenuto rispettato l’orario di rientro nella casa circondariale, non essendo assimilabile la figura dell’internato a quella del condannato ed essendo l’indicazione contenuta nell’art. 385 c.p. tassativa e non suscettibile di applicazione analogica, che, risolvendosi in malam partem, non è consentita in materia di responsabilità penale

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 24 novembre 2014, n. 48648 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Carica Altri Articoli