Relatore DE MASI Oronzo

/Tag: Relatore DE MASI Oronzo

Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 28 febbraio 2018, n. 4589. In caso di collegamento negoziale tra mutuo ipotecario e conferimento alla società dell’immobile su cui grava l’ipoteca (e senza successiva cessione delle quote societarie) tale per cui la complessiva operazione economica risulti oggettivamente qualificabile come compravendita

In caso di collegamento negoziale tra mutuo ipotecario e conferimento alla società dell'immobile su cui grava l'ipoteca (e senza successiva cessione delle quote societarie) tale per cui la complessiva operazione [...]

Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 17 gennaio 2018, n. 975. Trust e tassazione in misura fissa

Non può applicarsi all’atto di dotazione del trust la tassazione propria degli atti che hanno un effetto patrimoniale; e pure le imposte ipotecaria e catastale, per la stessa ragione, devono [...]

La norma più favorevole per i fatti di lieve entità, che riguardino sia le c.d. droghe pesanti sia le c.d. droghe leggere, va individuata, agli effetti di cui all’art. 2 comma 4 cod. pen., nella disciplina per ultimo introdotta dal D.L. n. 36/2014, poi convertito nella legge n. 79/2014. Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 11 aprile 2016, n. 14725.

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 11 aprile 2016, n. 14725 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 15 marzo 2016, n. 10781. In merito ai requisiti necessari affinché una condanna penale possa fondarsi unicamente sulle dichiarazioni della persona offesa. Nel caso di specie, i giudici di legittimità hanno confermato una condanna per “Violenza sessuale” (art. 609-bis) fondata unicamente sulle dichiarazioni di una vittima affetta da disturbo della personalità. Al riguardo si è affermato che l’intrinseca veridicità delle accuse non può essere inficiata da talune incongruenze nella narrazione, ove le stesse – come avvenuto nel procedimento de quo – siano spiegabili logicamente con la personalità della dichiarante

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 15 marzo 2016, n. 10781 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]