Relatore CERRONI Claudio

/Tag: Relatore CERRONI Claudio

Sui beni culturali vige una presunzione di proprieta’ pubblica, con la conseguenza che essi appartengono allo Stato italiano in virtu’ della legge

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 7 maggio 2018, n. 19692 La massima estrapolata Sui beni culturali vige una presunzione di proprieta' pubblica, con la conseguenza che essi appartengono [...]

La pratica della “fertirrigazione” presuppone l’effettiva utilizzazione agronomica delle sostanze e la compatibilità di condizioni e modalità di utilizzazione delle stesse con tale.

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 2 maggio 2018, n. 18519 Le massima estrapolate La pratica della "fertirrigazione", la cui disciplina si pone in deroga alla normativa sui rifiuti, [...]

In tema di reati paesaggistici, il rilascio del provvedimento di compatibilita’ paesaggistica non determina automaticamente la non punibilita’ dei predetti reati

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 2 maggio 2018, n. 18523 Le massime estrapolate In tema di reati paesaggistici, il rilascio del provvedimento di compatibilita' paesaggistica non determina automaticamente [...]

Perche’ sussista la contravvenzione di cui all’articolo 659 c.p., relativamente ad attivita’ che si svolge in ambito condominiale

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 17 aprile 2018, n. 17131. Quanto all'esercizio di una attivita' o di un mestiere rumoroso, esso integra: a) l'illecito amministrativo di cui alla [...]

Ai fini dell’integrazione della condotta di partecipazione ad un’associazione di tipo mafioso

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 12 marzo 2018, n. 10813. Ai fini dell'integrazione della condotta di partecipazione ad un'associazione di tipo mafioso, l'investitura formale o la commissione di [...]

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 29 gennaio 2018, n. 4147. È abnorme, perché non consentita dall’ordinamento processuale, la restituzione degli atti al pubblico ministero da parte del Gip investito da una richiesta di emissione del decreto penale di condanna motivata dal giudice sulla base della ipotetica valutazione di applicabilità della causa di non punibilità di cui all’articolo 131-bis del Cp.

È abnorme, perché non consentita dall'ordinamento processuale, la restituzione degli atti al pubblico ministero da parte del Gip investito da una richiesta di emissione del decreto penale di condanna motivata [...]

Carica Altri Articoli