espulsione straniero

/Tag: espulsione straniero

Corte di Cassazione, sezione prima penale, sentenza 6 novembre 2017, n. 50457. Opposizione a decreto di espulsione

L'intenzione di voler contrarre matrimonio con una donna italiana non è giuridicamente rilevante nel caso di un immigrato in carcere, a cui sia scaduto il permesso di soggiorno e su [...]

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, sentenza 22 settembre 2017, n. 43836. La condanna per cessione di hashish non è motivazione sufficiente per espellere uno straniero dal Paese

La condanna per cessione di hashish non è motivazione sufficiente per espellere uno straniero dal Paese. Sentenza 22 settembre 2017, n. 43836 Data udienza 20 giugno 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 1 settembre 2017, n. 20690. Espulsione immigrato e l’eventuale pendenza di procedimenti penali nei quali l’immigrato riveste la qualita’ di parte lesa e/o di imputato

In ordine alla richiesta di rilascio del permesso di soggiorno (ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 344 del 1999, lettera c bis) l'eventuale pendenza di procedimenti penali [...]

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 31 agosto 2017, n. 20660. Immigrazione. Permesso di soggiorno e ritardo nella richiesta

Il ritardo nella richiesta del permesso di soggiorno non giustifica di per sé l'espulsione. Ordinanza 31 agosto 2017, n. 20660 Data udienza 7 aprile 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL [...]

Corte di Cassazione, sezione VI civile, ordinanza 21 settembre 2016, n. 18540

Non può essere dichiarato illegittimo il provvedimento di espulsione amministrativa nei confronti del cittadino straniero, solo perché non contiene, come previsto dalla direttiva, un termine per la partenza volontaria. Tale [...]

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 22 febbraio 2016, n. 6814. L’espulsione dello straniero, identificato, il quale sia stato condannato e si trovi detenuto in esecuzione di pena anche residua non superiore a due anni per reati non ostativi, prevista dall’art. 16, comma 5, d.lgs. n. 286 del 1998, ha natura amministrativa e costituisce un’atipica misura alternativa alla detenzione, della quale è obbligatoria l’adozione in presenza delle condizioni fissate dalla legge, salve le situazioni di inespellibilità di cui al successivo art. 19, che devono essere integrate dalla ricorrenza, al momento della decisione, della compiuta situazione delineata dalla norma di rinvio

Suprema Corte di Cassazione sezione I sentenza 22 febbraio 2016, n. 6814 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, ordinanza 5 novembre 2015, n. 22606. Il Giudice di pace può annullare il provvedimento di espulsione di un cittadino straniero, ma non può contestualmente ordinare al Questore di rilasciare un permesso di soggiorno “umanitario” che consenta allo stesso soggetto di restare in Italia. Ciò travalica il perimetro dei propri poteri giurisdizionali e della riserva delle funzioni amministrative. Il sindacato del giudice, cioè, può riguardare l’inadeguatezza dei mezzi impiegati dall’amministrazione, ma non la valutazione nel merito dei requisiti per l’ottenimento dei titolo di soggiorno

Suprema Corte di Cassazione sezione VI ordinanza 5 novembre 2015, n. 22606 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 Composta [...]

Carica Altri Articoli