equo indennizzo

/Tag: equo indennizzo

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, sentenza 17 ottobre 2017, n. 24410. Ai fini dell’equo indennizzo per irragionevole durata del procedimento

Ai fini dell'equo indennizzo per irragionevole durata del procedimento, la soglia minima di gravità al di sotto del quale il pregiudizio non è indennizzabile non attiene solo alla natura bagatellare [...]

Corte di Cassazione, sezione VI civile, sentenza 12 giugno 2017, n. 14607

L'ansia e la sofferenza, che normalmente insorgono nella persona quali conseguenze psicologiche del perdurare dell'incertezza sull'assetto delle posizioni coinvolte dal dibattito processuale e nelle quali si sostanzia il danno non [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 27 gennaio 2016, n. 1562. La dichiarazione di perenzione del giudizio da parte del giudice amministrativo non consente di ritenere insussistente il danno per disinteresse delle parti a coltivare il processo, in quanto in tal modo verrebbe a darsi rilievo ad una circostanza sopravvenuta – la dichiarazione di estinzione del giudizio – successiva rispetto al superamento del limite di durata ragionevole del processo

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 27 gennaio 2016, n. 1562 Svolgimento del processo AA.VV., con diversi ricorsi ex art. 2 della legge 89 del 2001, successivamente riuniti, adivano [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 4 marzo 2015, n. 4437. In tema di equa riparazione per l’irragionevole durata del processo, ai sensi dell’art. 2 della legge n. 89 del 2001, rientra nella disponibilità della parte limitare la propria domanda al solo grado che abbia avuto una durata eccedente il limite di ragionevolezza, fermo restando che compete al giudice considerare la complessiva durata del giudizio, in tutti i gradi e le fasi in cui questo si sia articolato, al fine di valutare la fondatezza della domanda, senza che ciò implichi una divergenza tra il chiesto ed il pronunciato

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 4 marzo 2015, n. 4437 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta [...]

Corte Costituzionale, sentenza n. 240 del 22 ottobre 2014. Dichiarata la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell’art. 2-bis, comma 3, della legge 24 marzo 2001, n. 89 (Previsione di equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo e modifica dell’articolo 375 del codice di procedura civile), sollevata, in riferimento all’art. 117, primo comma, della Costituzione, dalla Corte d’appello di Reggio Calabria, sezione civile, con le ordinanze indicate in epigrafe

Ordinanza  240/2014 Giudizio Presidente TESAURO - Redattore MATTARELLA Camera di Consiglio del 24/09/2014    Decisione  del 22/10/2014 Deposito del 22/10/2014   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 2 bis, c. 3°, della [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 23 settembre 2014, n.19977. Ai fini dell’applicazione della Legge Pinto (legge n. 89/2001) sull’equa riparazione per l’irragionevole protrarsi del processo, il termine di durata dell’equo processo inizia a decorrere per gli eredi della parte deceduta costituitasi parte civile nel giudizio penale nel momento in cui gli stessi hanno avuto conoscenza del processo. In mancanza di prova di tale circostanza il termine di durata decorre dalla data del loro intervento in giudizio

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONI UNITE SENTENZA 23 settembre 2014, n.19977 Ritenuto in fatto B.A. , vedova T. , e T.A. hanno proposto ricorso per cassazione sulla base di due [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 14 gennaio 2014, n. 585. L’indennizzo per l’irragionevole durata del processo compete senz’altro anche a chi non si è costituito (o per il tempo in cui non si è costituito), poiché comunque “il contumace è parte del giudizio”.

Suprema Corte di Cassazione sezioni unite sentenza 14 gennaio 2014, n. 585 Ragioni di fatto e di diritto della decisione Con il decreto indicato in epigrafe la Corte d'appello di [...]

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 19 settembre 2013, n. 21471. In ordine all’applicabilita’ dell’istituto della prescrizione al diritto all’equo indennizzo da durata irragionevole del processo. La prescrizione ordinaria decennale si applica anche all’azione di equo indennizzo

Suprema Corte di Cassazione sezione I sentenza 19 settembre 2013, n. 21471 IntegraleRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO - DANNO - LIQUIDAZIONE REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 2 ottobre 2012, n. 16783. Legge Pinto, non c’è termine e non scatta la prescrizione se è in corso il procedimento

    Suprema Corte di Cassazione sezioni unite sentenza 2 ottobre 2012, n. 16783     Svolgimento del processo Gi..Mi. (nato a (omissis) ), Mi.Gr. e F. , S..M. , [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza del 19 aprile 2012, n. 6180. La ragionevole durata del giudizio di equa riparazione previsto e disciplinato dalla L. n. 89 del 2001 deve essere di quattro mesi dalla data del deposito del ricorso, in coerenza con la chiara indicazione desumibile dalla L. 24 marzo 2001, n. 89, art. 3, comma 6.

Suprema Corte di Cassazione Sezione VI sentenza del 19 aprile 2012, n. 6180 Svolgimento del processo che S.A. con ricorso del 5 luglio 2011, ha impugnato per cassazione - deducendo [...]

Pubblicato da |2018-08-09T11:59:42+00:004 maggio 2012|Cassazione civile 2012, Sentenze - Ordinanze|0 Commenti
Carica Altri Articoli