art. 5 Dlvo 74/2000

/Tag: art. 5 Dlvo 74/2000

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 22 gennaio 2018, n. 2406. Le presunzioni legali previste dalle norme tributarie hanno un valore indiziario sufficiente ad integrare il “fumus commissi delicti” idoneo, in assenza di elementi di segno contrario, a giustificare l’applicazione di una misura cautelare reale

Le presunzioni legali previste dalle norme tributarie, pur non potendo costituire di per se' fonte di prova della commissione dei reati previsti dal Decreto Legislativo n. 74 del 2000, hanno [...]

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 16 gennaio 2018, n. 1584. La confisca puo’ essere ordinata anche in assenza di un precedente provvedimento cautelare di sequestro

La confisca puo' essere ordinata anche in assenza di un precedente provvedimento cautelare di sequestro, purche' sussistano norme che la consentano od impongano, a prescindere dalla eventualita' che, per l'assenza [...]

Corte di Cassazione, sezione terza penale, sentenza 16 gennaio 2018, n. 1590. Del reato di omessa presentazione della dichiarazione ai fini delle imposte dirette o IVA l’amministratore di fatto risponde quale autore principale

Del reato di omessa presentazione della dichiarazione ai fini delle imposte dirette o IVA l'amministratore di fatto risponde quale autore principale, in quanto titolare effettivo della gestione sociale e, pertanto, [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 1 agosto 2017, n. 38217

Il meccanismo dell'interruzione della prescrizione, fondato sulla regola dell'elisione del tempo trascorso, consente, ai fini del calcolo “mitigato” dell'ulteriore termine di prescrizione, di tenere conto del fattore recidiva.     [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 30 dicembre 2016, n. 55294

La presenza di un amministratore di fatto non comporta ipso iure l’esclusione di responsabilità penale dell’amministratore di diritto in caso di commissione di illeciti. In secondo luogo, è stata respinta [...]

Carica Altri Articoli