Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa

13

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|21 settembre 2021| n. 25499.

Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa.

In tema di procedimento per ingiunzione, per effetto dell’opposizione – anche tardiva, ex art. 650 c.p.c. – non si verifica alcuna inversione della posizione sostanziale delle parti nel giudizio contenzioso, nel senso che il creditore (opposto) mantiene la veste di attore ed il debitore (opponente) quella di convenuto. Discende da quanto precede che, ai fini della chiamata in causa del terzo da parte dell’opposto – la cui autorizzazione è subordinata alla valutazione discrezionale, da parte del giudice istruttore, che l’esigenza di estensione del contraddittorio sia effettivamente derivata dalle difese dell’opponente, convenuto in senso sostanziale – trova applicazione l’art. 269, comma 3, c.p.c, dovendosi pertanto ritenere corretta la relativa istanza avanzata nella prima udienza.

Ordinanza|21 settembre 2021| n. 25499. Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa

Data udienza 6 maggio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Lavoro autonomo – Avvocato – Competenze professionali – Ingiunzione di pagamento – Presupposti – Articoli 183 e 269 cpc – Criteri – Legge 260 del 1958 – Elementi probatori – Valutazione del giudice di merito

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 22315-2016 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;
– ricorrente –
contro
MINISTERO ECONOMIA FINANZE, (OMISSIS) IN PERSONA DEL MINISTRO PRO-TEMPORE, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso. AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 979/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO, depositata il 17/07/2015;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 06/05/2021 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA.

Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa

RITENUTO IN FATTO

1 La Corte d’Appello di Catanzaro con sentenza del 17.7.2015, in accoglimento del gravame proposto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha riformato la sentenza di primo grado (n. 781/2010 del Tribunale di Catanzaro), revocando il decreto ingiuntivo n. 546/2004 ottenuto dall’avvocato (OMISSIS) per prestazioni professionali svolte nell’interesse della curatela di un Fallimento, poi revocato.
Per giungere a tale conclusione la Corte di merito ha osservato:
– che la richiesta di chiamata in causa del Ministero della Giustizia, indicato dal Ministero delle Finanze come unico soggetto tenuto al pagamento dei compensi, non poteva essere disposta in appello perche’ diversamente il terzo verrebbe a perdere un grado di giudizio;
– che l’appellante non poteva dolersi del diniego, da parte del primo giudice, dell’autorizzazione alla chiamata del terzo, trattandosi di valutazioni discrezionali;
– che il soggetto legittimato a contraddire alla domanda era il Ministero della Giustizia, sicche’ il Ministero dell’Economia e delle Finanze era privo di legittimazione passiva.
2 Contro tale sentenza il professionista propone ricorso per cassazione con tre motivi a loro volta contenenti plurime censure.
Resiste con controricorso il Ministero delle Finanze.
In prossimita’ dell’adunanza camerale il ricorrente ha depositato una memoria.

 

Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa

CONSIDERATO IN DIRITTO

1.1 Col primo motivo il ricorrente denunzia violazione e/o falsa applicazione dell’articolo 183 c.p.c., comma 5 e articolo 269 c.p.c., comma 3 in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4; conseguente nullita’ del procedimento di primo grado e della relativa sentenza nonche’ della sentenza oggi impugnata che per l’effetto va cassata (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4). Violazione dell’articolo 112 c.p.c. (error in procedendo) in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4 – Motivazione lacunosa e contraddittoria in riferimento ad un fatto decisivo per il giudizio sul quale il giudice d’appello non ha inteso decidere pur avendo, tale fatto, formato oggetto di discussione tra le parti e motivo di appello incidentale (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5); e cio’ nonostante tale autorita’ giudiziaria avesse dovuto, comunque, accertare l’avvenuta violazione, nel caso di specie, della L. n. 260 del 1958, articolo 4 (censura che viene sollevata in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4).
Violazione dell’articolo 112 c.p.c. per non avere la Corte territoriale deciso anche sull’appello incidentale (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4).
1.2 Col secondo motivo si deduce omessa valutazione dei fatti e delle richieste processuali tempestivamente formulate dall’opposto, in prime cure, ai sensi dell’articolo 269 c.p.c., comma 3, riguardo alla chiamata in causa del Ministero della Giustizia (e cio’ lo si denuncia in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4); chiamata in causa che si sarebbe comunque dovuta disporre, quanto meno, alla luce di quanto previsto dalla L. n. 260 del 1958, articolo 4 violazione questa, che si contesta in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4). Di conseguenza si lamenta la violazione dell’articolo 24 Cost. non avendo il giudice d’appello disposto la nullita’ del procedimento primo grado e della sentenza di primo grado (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4) e per l’effetto disposto, ai sensi dell’articolo 354 c.p.c., la rimessione della causa al primo giudice per l’integrazione del contraddittorio (e cio’ si contesta in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4). – Si contesta anche la nullita’ della sentenza di secondo grado e del procedimento di primo grado (con riguardo all’articolo 360 c.p.c., n. 4); Motivazione lacunosa e perplessa per avere la Corte d’Appello omesso di esaminare un fatto processuale, di cui ha travisato i contenuti, sicuramente “decisivo” per il giudizio e che ha formato oggetto di discussione tra le parti (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5).
1.3 Col terzo motivo si denunzia violazione della L. 25 marzo 1958, n. 260, articolo 4 nonche’ violazione dell’articolo 24 Cost. in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3 e per l’effetto, si contesta la nullita’ della sentenza impugnata per non avere il giudice d’appello disposto, anche d’ufficio, la nullita’ del procedimento di primo grado e della relativa sentenza (in riferimento all’articolo 360 c.p.c., n. 4) e per non avere rimesso la causa al primo giudice ai sensi dell’articolo 354 c.p.c. (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3); – Violazione dell’articolo 112 c.p.c. (error in procedendo) in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4. – Si lamenta, inoltre, la lacunosita’ della motivazione, sotto altro profilo, per avere il giudice d’appello omesso di esaminare, attraverso un incomprensibile argomentazione, un fatto processuale decisivo per il giudizio che ha formato oggetto di discussione tra le parti, in quanto unico motivo d’appello, e che ove deciso avrebbe potuto condurre ad altra e diversa conclusione (articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5).
2 I tre motivi – che per la loro stretta connessione ben si prestano e trattazione unitaria – sono fondati.
Il nucleo della censura investe un error in procedendo del Tribunale prima e della Corte d’Appello dopo, per non avere considerato che, a seguito dell’eccezione sollevata dal Ministero delle Finanze nell’atto di opposizione circa il soggetto tenuto al pagamento del compenso al difensore della curatela fallimentare, occorreva fare applicazione della L. n. 260 del 1958, articolo 4. Il ricorso e’ pertanto senz’altro ammissibile, contrariamente a quanto eccepito preliminarmente dal controricorrente, posto che viene ripetutamente denunziata la violazione della L. n. 260 del 1958, articolo 4 e la nullita’ del giudizio di primo grado ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4. Del resto, e’ noto che il ricorso per cassazione, avendo ad oggetto censure espressamente e tassativamente previste dall’articolo 360 c.p.c., comma 1, deve essere articolato in specifici motivi riconducibili in maniera immediata ed inequivocabile ad una delle cinque ragioni di impugnazione stabilite dalla citata disposizione, pur senza la necessaria adozione di formule sacramentali o l’esatta indicazione numerica di una delle predette ipotesi (tra le tante, v. Sez. 2 -, Ordinanza n. 10862 del 07/05/2018 Rv. 648018; Sez. 2 -, Sentenza n. 24247 del 29/11/2016 (Rv. 642198; Sez. U, Sentenza n. 17931 del 24/07/2013 Rv. 627268).

 

Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa

Cio’ chiarito, e venendo all’esame dei motivi, dispone la L. n. 260 del 1958, articolo 4 che “l’errore di identificazione della persona alla quale l’atto introduttivo del giudizio ed ogni altro atto doveva essere notificato, deve essere eccepito dall’Avvocatura dello Stato nella prima udienza, con la contemporanea indicazione della persona alla quale l’atto doveva essere notificato. Tale indicazione non e’ piu’ eccepibile. Il giudice prescrive un termine entro il quale l’atto deve essere rinnovato. L’eccezione rimette in termini la parte”.
Questa Corte ha gia’ avuto modo di affermare che la mancata concessione, da parte del giudice, di un termine ai sensi della L. 25 marzo 1958, n. 260, articolo 4 finalizzato alla corretta instaurazione del contraddittorio norma applicabile non solo quando l’errore d’identificazione riguardi l’organo munito di legittimazione processuale nell’ambito del medesimo ente, ma anche quando riguardi enti diversi, come Stato e Regione – determina la nullita’ del giudizio di primo grado (cfr. Sez. 2, Sentenza n. 3709 del 15/02/2011 Rv. 616677 in tema di opposizione ad ingiunzione fiscale). E, quanto all’applicabilita’ dell’articolo 4 cit. in caso di errore un Ministero piuttosto che un altro, cfr. tra le varie, Sez. 2 -, Ordinanza n. 8049 del 21/03/2019 Rv. 653292; Sez. 3, Sentenza n. 16104 del 26/06/2013 Rv. 626902; Sez. 3, Sentenza n. 10806 del 12/08/2000 Rv. 539584; Sez. 1, Sentenza n. 8697 del 26/06/2001 Rv. 547729.
Nel caso di specie, avendo il Ministero delle Finanze sollevato l’eccezione gia’ con l’atto di opposizione a decreto ingiuntivo (e quindi in un momento addirittura precedente all’udienza) e poi attraverso il richiamo all’atto introduttivo fatto nel verbale del 18.3.2005, il Tribunale avrebbe dovuto senz’altro fissare il termine per la rinnovazione della notifica ai sensi della citata disposizione di legge speciale, cosi’ come peraltro tempestivamente richiesto anche dal creditore opposto sia nella comparsa di costituzione, sia nel verbale citato (cfr. atti che la natura procedurale del vizio dedotto consente di consultare), non disponendo di alcun margine di discrezionalita’; e la Corte d’Appello, investita dallo specifico motivo di gravame incidentale, avrebbe dovuto rilevare subito la violazione della L. n. 260 del 1958, articolo 4 e quindi dichiarare la nullita’ della sentenza di primo grado con conseguente rimessione della causa al giudice di primo grado (articolo 354 c.p.c.), trattandosi di questione riguardante la corretta instaurazione del contraddittorio (cfr. Sez. 2, Sentenza n. 3709/2011 cit.), piuttosto che applicare semplicisticamente un principio di diritto applicato a tutt’altra ipotesi (chiamata del terzo in garanzia impropria: cfr. Sez. 1, Sentenza n. 7406 del 28/03/2014 Rv. 630316 a cui ha fatto riferimento la sentenza impugnata).
In ogni caso in tema di opposizione a decreto ingiuntivo, anche tardiva ai sensi dell’articolo 650 c.p.c., per effetto dell’opposizione non si verifica alcuna inversione della posizione sostanziale delle parti nel giudizio contenzioso, nel senso che il creditore mantiene la veste di attore e l’opponente quella di convenuto, il che esplica i suoi effetti anche in ordine ai poteri e alle preclusioni di ordine processuale rispettivamente previsti per ciascuna delle due parti. Ne consegue che, ai fini della chiamata in causa del terzo da parte dell’opposto, attore in senso sostanziale, trova applicazione, non l’articolo 269 c.p.c., comma 2, ma il comma 3, essendo la detta chiamata subordinata alla valutazione discrezionale, da parte del giudice istruttore, che l’esigenza dell’estensione del contraddittorio al terzo sia derivata effettivamente dalle difese dell’opponente, convenuto in senso sostanziale (cfr. su una vicenda analoga Sez. 2, Sentenza n. 14444 del 07/06/2013 Rv. 626584; v. altresi’ Cass., Sez. I, 27 giugno 2000, n. 8718; Cass., Sez. III, 27 gennaio 2003, n. 1185; Cass., Sez. III, 1 marzo 2007, n. 4800).

 

Opposizione a decreto ingiuntivo e chiamata in causa

L’applicazione dell’articolo 269 c.p.c., comma 3 rendeva dunque corretta la richiesta di autorizzazione rivolta al giudice istruttore nella prima udienza.
La violazione di legge commessa dal giudice d’Appello e’ palese: la sentenza impugnata va cassata e va dichiarata la nullita’ del giudizio di primo grado, con rinvio al Tribunale di Catanzaro, che provvedera’, in diversa composizione, anche in ordine alle spese del presente processo di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata con rinvio al Tribunale di Catanzaro, che provvedera’ in diversa composizione anche in ordine alle spese.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui