Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

52

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|23 settembre 2021| n. 25825.

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione.

In tema di espropriazione per pubblica utilità, il diritto alla retrocessione del bene presuppone la validità e la perdurante efficacia del decreto di espropriazione, e consiste nel diritto potestativo attribuito al proprietario dell’immobile espropriato, ma non utilizzato per la realizzazione dell’opera pubblica a causa di un fatto verificatosi “ex post”, di chiedere all’autorità giudiziaria che gli sia ritrasferito il bene tramite la pronuncia di una sentenza che non dà luogo alla caducazione del precedente acquisto avvenuto in base al decreto di espropriazione, ma attua un nuovo trasferimento a titolo derivativo con effetto “ex nunc”.

Ordinanza|23 settembre 2021| n. 25825. Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

Data udienza 12 novembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Espropriazione – Bene rimasto inutilizzato – Diritto alla retrocessione – Perdurante operatività dell’espropriazione – Nuovo trasferimento a titolo derivativo con effetto ex nunc – Decorrenza del termine per la prescrizione del diritto – Sufficienza della scadenza del termine per l’esecuzione dei lavori – Diritto della P.A. di ottenere il rilascio dei beni espropriati e non tempestivamente richiesti in retrocessione – Annullamento con rinvio

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente
Dott. SCOTTI Umberto L. C. G. – rel. Consigliere

Dott. MELONI Marina – Consigliere

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 15096/2015 proposto da:
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), presso lo Studio (OMISSIS), che li rappresenta e difende in forza di procura speciale a margine del ricorso;
– ricorrenti –
contro
Roma Capitale, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso gli Uffici dell’Avvocatura Capitolina, presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende in forza di procura speciale a margine del controricorso;
– controricorrente incidentale –
contro
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS) presso lo Studio (OMISSIS), che li rappresenta e difende in forza della predetta procura speciale a margine del ricorso;
– controricorrenti al ricorso incidentale –
e in contraddittorio con:
(OMISSIS);
– chiamato in integrazione del contraddittorio –
avverso la sentenza n. 3839/2014 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 09/06/2014;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 12/11/2020 dal Consigliere Dott. UMBERTO LUIGI CESARE GIUSEPPE SCOTTI.

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

FATTI DI CAUSA

1. Con atto di citazione notificato il 27/5/1993 (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) hanno convenuto in giudizio il Comune di Roma dinanzi al Tribunale di quella stessa citta’ per sentir dichiarare la decadenza della dichiarazione di pubblica utilita’ di alcuni terreni e di un fabbricato loro espropriati nel quadro della realizzazione del parco pubblico attrezzato del quartiere (OMISSIS) (rispettivamente censiti a catasto al foglio (OMISSIS), particolo (OMISSIS) e al foglio (OMISSIS) particolo (OMISSIS)) e per sentir condannare conseguentemente il Comune convenuto alla restituzione dei predetti terreni.
Secondo gli attori, pur essendo stato promosso il procedimento nel lontano 1972 e pur essendo intervenuti sia la dichiarazione di pubblica utilita’ del 20/12/1973, sia il decreto di esproprio del 28/10/1975, il Comune di Roma non aveva mai fatto accesso nelle aree espropriate e non ne aveva mai preso possesso, sicche’ i predetti immobili erano rimasti nella loro piena e assoluta disponibilita’ e l’opera prevista nella dichiarazione di pubblica utilita’ e nel decreto di esproprio non era mai stata compiuta e neppure iniziata.
Si e’ costituito in giudizio il Comune di Roma, chiedendo il rigetto delle domande degli attori.
Il Tribunale di Roma, dapprima, con sentenza non definitiva del 18/11/2002, implicitamente rigettata l’eccezione di prescrizione sollevata dal Comune, ha accolto la domanda di retrocessione e ha dichiarato costituita la proprieta’ dei beni in capo agli attori, previa dichiarazione di inefficacia della dichiarazione di pubblica utilita’. Quindi il Tribunale con sentenza definitiva del 5/1/2011 ha determinato in Euro 112.091,24 il prezzo di retrocessione dei predetti immobili, dovuto dagli attori al Comune di Roma, ha respinto la domanda riconvenzionale risarcitoria del Comune e ha compensato fra le parti le spese processuali.
2. Avverso le predette sentenze di primo grado, non definitiva e definitiva, ha proposto appello Roma Capitale, gia’ Comune di Roma, a cui hanno resistito gli appellati (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), ed (OMISSIS), nonche’ gli intervenienti adesivi (OMISSIS), (OMISSIS), tutti proponendo appello incidentale.
La Corte di appello di Roma con sentenza del 9/6/2014 ha accolto il gravame principale per quanto di ragione e ha dichiarato estinto per prescrizione il diritto degli attori alla retrocessione del fondo espropriato, ha respinto le domande del Comune di condanna degli appellati al rilascio dell’area e al risarcimento dei danni, ha respinto l’appello incidentale, ha compensato le spese del giudizio di primo grado e ha condannato appellati e intervenienti, in solido fra loro, al pagamento di meta’ delle spese del giudizio di secondo grado, per il resto compensate.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

3. Avverso la predetta sentenza, non notificata, con atto notificato l’8-10/6/2015 hanno proposto ricorso per cassazione (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), svolgendo tre motivi.
Con atto notificato il 10/7/2015 ha proposto controricorso e ricorso incidentale Roma Capitale, chiedendo la dichiarazione di inammissibilita’ o il rigetto dell’avversaria impugnazione e instando, a sua volta, con il supporto di un motivo, per la cassazione della sentenza di secondo grado, quanto al rigetto della domanda di rilascio dei fondi e della domanda di risarcimento dei danni.
Con controricorso notificato il 23/9/2015 i ricorrenti hanno resistito al ricorso incidentale avversario.
Con ordinanza interlocutoria n. 26 del 5/1/2021 questa Corte ha rilevato che la domanda iniziale volta a far dichiarare la decadenza della dichiarazione di pubblica utilita’ e a ottenere la restituzione dei terreni espropriati (ma non utilizzati) e la retrocessione era stata proposta da tre attori originari e cioe’ (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS); che gia’ la sentenza di primo grado, come risulta dalla sentenza impugnata della Corte di appello di Roma, era stata pronunciata nei confronti di (OMISSIS) e (OMISSIS) nonche’ di (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), verosimilmente succeduti all’originario attore (OMISSIS); che nel corso del giudizio di appello era morta anche (OMISSIS) e ad essa erano succedute (OMISSIS) e (OMISSIS); che il ricorso per cassazione era stato proposto da (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), e cioe’ dall’unico attore originario sopravvissuto ( (OMISSIS)), dalle eredi di (OMISSIS) e dai soggetti che erano stati parti del giudizio di primo e di secondo grado (probabilmente gli eredi di (OMISSIS)); che il ricorso pero’ non era stato proposto da (OMISSIS) e neppure gli era stato notificato, anche se egli figurava nella sentenza impugnata come appellato e appellante incidentale; che anche il controricorso di Roma Capitale ignorava (OMISSIS); che era quindi evidente la non integrita’ del contraddittorio ex articolo 331 c.p.c.; che in tema di diritto alla retrocessione del bene espropriato rimasto inutilizzato, secondo la previsione della L. 25 giugno 1865, n. 2359, articolo 63 e per il caso in cui piu’ persone siano subentrate all’originario espropriato, iure successionis od a titolo particolare, ciascuna di esse e’ legittimata ad esercitare il diritto stesso, alla stregua della sua natura potestativa, purche’ con riferimento all’intero immobile (al quale deve essere commisurato il prezzo della retrocessione), ma al relativo giudizio devono prendere parte, in qualita’ di litisconsorti necessari, tutti gli altri contitolari, trattandosi di rapporto plurisoggettivo unitario ed inscindibile (Sez. U, n. 6144 del 30/05/1991, Rv. 472453 – 01).
Per queste ragioni e’ stata ordinata l’integrazione del contraddittorio ex articolo 331 c.p.c., nei confronti di (OMISSIS) nel termine di giorni sessanta dalla comunicazione dell’ordinanza, eseguita a cura dei ricorrenti in data 30/1-4/2/2021 mediante notifica di un atto ricomprendente ricorso, controricorso con ricorso incidentale, controricorso al ricorso incidentale e ordinanza interlocutoria.
I ricorrenti hanno depositato memoria, rivolta essenzialmente a chiarire le vicende successorie che avevano progressivamente riguardato gli attori originari.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo di ricorso principale, proposto articolo 360 c.p.c., n. 3, i ricorrenti denunciano violazione o falsa applicazione di legge in relazione all’articolo 324 c.p.c. e all’articolo 112 c.p.c..
1.1. I ricorrenti lamentano che il giudice di appello non abbia rilevato la mancata impugnazione e il conseguente passaggio in giudicato della sentenza non definitiva del Tribunale n. 45665 del 2002, che aveva dichiarato l’inefficacia della dichiarazione di pubblica utilita’.
Al giudicato sulla decadenza della dichiarazione di pubblica utilita’ e del decreto di esproprio conseguiva linearmente, secondo i ricorrenti, l’inammissibilita’ dell’appello del Comune, che semplicemente era volto a contestare il calcolo della prescrizione dell’azione di retrocessione, cosa del tutto irrilevante perche’ rimaneva definitivamente e irreversibilmente accertata la proprieta’ degli (OMISSIS) con la conseguente carenza di interesse a ricorrere del Comune.
1.2 In via preliminare i ricorrenti hanno sostenuto con il controricorso a ricorso incidentale che il controricorso con ricorso incidentale di Roma Capitale non si riferirebbe al proprio ricorso principale, sia per il riferimento a pagina 6 a un ricorso per cassazione proposto da certi ” (OMISSIS) ed altri”, sia per il riferimento a una sentenza di appello depositata il 28/10/2014 e non il 9/6/2014, sia, infine, per l’attribuzione di chiarezza e esaustivita’ alla presa di posizione su ogni aspetto giuridico della controversia da parte del Tribunale di Roma, che pure aveva reso decisioni impugnate proprio dal Comune di Roma in appello.
Tali osservazioni, in buona parte basate su alcuni modesti errori materiali contenuti nel controricorso a pagina 6, primo, secondo e quintultimo rigo, non possono certamente essere condivise, tenuto conto dell’inequivocabile identificazione delle parti contenuta nell’epigrafe dell’atto, dei plurimi riferimenti alla sentenza n. 3839 del 9/6/2014 della Corte di appello di Roma e all’atto notificato dagli (OMISSIS) il 10/6/2015 e infine dell’intero tenore della ricostruzione della vicenda processuale.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

Ne’ diverse conclusioni possono essere raggiunte per via dell’apprezzamento manifestato per l’efficacia ricostruttiva dei profili giuridici della vicenda dedicato da Roma Capitale unitariamente alle sentenze di primo grado, pur da essa censurata con l’appello, e a quella di secondo grado, che puo’ lasciar perplessi circa la coerenza argomentativa e magari indurre a sospettare un lapsus, ma non autorizza certamente dubbi sull’inerenza dell’atto alla presente controversia.
Lo stesso vale per la manifestazione da parte della controricorrente Roma Capitale dell’intento di ricorrere avverso la sentenza n. 3839/2014 in punto giurisdizione, anticipata a pagina 5, quinto capoverso, ma poi non tradottasi nell’articolato motivo di ricorso incidentale che attiene a tutt’altre questioni.
1.3. Il primo motivo e’ infondato.
E’ vero infatti che il Comune non ha impugnato il capo relativo alla declaratoria di inefficacia della dichiarazione di pubblica utilita’ dell’opera (parco pubblico attrezzato del quartiere (OMISSIS)) contenuta nella sentenza non definitiva di primo grado n. 45665 del 18/11/2002 del Tribunale di Roma, ma e’ altresi’ vero che la Corte di Appello non e’ ritornata su quello specifico punto e non ha minimamente messo in discussione la predetta declaratoria di inefficacia, determinando in quel modo l’ipotizzata violazione del giudicato interno.
1.4. Non merita poi di essere condiviso il ragionamento sviluppato dai ricorrenti, secondo cui il corollario necessario della inefficacia della dichiarazione di pubblica utilita’ sarebbe l’accertamento della proprieta’ del terreno in capo ai signori (OMISSIS).
E’ infatti pacifico che il 28/10/1975 il Presidente della Giunta regionale del Lazio ha emesso il decreto di esproprio, che non e’ mai stato ne’ impugnato, ne’ caducato.
Ed infatti e’ il decreto di esproprio a segnare la conclusione del procedimento di espropriazione e a determinare il trasferimento della proprieta’ dell’immobile alla Pubblica amministrazione, cosi’ incidendo in misura corrispondente sui poteri dominicali del titolare del bene, facendo sorgere il diritto dell’espropriato al pagamento dell’indennita’ (Sez. 1, n. 17264 del 12/07/2013, Rv. 627917 – 01; Sez. 1, n. 8239 del 04/04/2013, Rv. 626087 – 01).
1.5. Infine l’argomentazione dei ricorrenti sembra anche contraddittoria perche’ se il decreto di esproprio, e non solo la dichiarazione di pubblica utilita’, avesse perso la sua efficacia, non sussisterebbe alcun loro interesse, ne’ alcuna loro legittimazione, alla proposizione della domanda di retrocessione, il cui presupposto logico-giuridico insiste proprio sulla precedente espropriazione del bene.
Infatti la retrocessione presuppone un valido ed efficace decreto di espropriazione, attribuendo al proprietario dell’immobile espropriato, ma non utilizzato per la realizzazione dell’opera pubblica a causa di un fatto verificatosi ex post, un diritto potestativo di riacquisto del bene, il cui esercizio, lungi dal dare luogo alla caducazione del precedente acquisto coattivo risolvendo la relativa espropriazione, ne postula la perdurante operativita’, non eliminandone gli effetti, ma producendone di nuovi e parzialmente contrari, ovvero ponendo solo le condizioni per un nuovo trasferimento a titolo derivativo con effetto ex nunc (Sez. 1, n. 16904 del 11/11/2003, Rv. 568033 – 01).
2. Con il secondo motivo di ricorso principale, proposto in via subordinata ex articolo 360 c.p.c., n. 3, i ricorrenti denunciano violazione o falsa applicazione di legge in relazione della L. n. 2359 del 1865, articoli 13 e 63, nonche’ ex articolo 360 c.p.c., n. 5, contraddittorieta’ della motivazione e omesso esame di un punto decisivo della controversia, attinente la proprieta’ delle aree.
2.1. La L. n. 2359 del 1865, articolo 13, applicabile ratione temporis, stabiliva che nell’atto che dichiara un’opera di pubblica utilita’ dovessero essere stabiliti i termini, entro i quali si dovessero cominciare e compiere le espropriazioni ed i lavori e che, trascorsi i termini e in difetto di loro proroga, la dichiarazione di pubblica utilita’ diventasse inefficace e non potesse procedersi alle espropriazioni se non in forza di una nuova dichiarazione ottenuta nelle forme prescritte dalla legge.
La disposizione non rileva in se’ e per se’, dal momento che nel caso concreto il decreto di esproprio e’ stato effettivamente emesso tempestivamente a ottobre del 1975 e non e’ stato caducato, ma va letta in connessione con l’articolo 63 della stessa Legge fondamentale in materia espropriativa.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

2.2. Il predetto articolo 63, pure applicabile ratione temporis, attiene al diritto degli espropriati di ottenere la retrocessione dei loro fondi non occupati nell’esecuzione delle opere di pubblica utilita’ e stabilisce che se dopo l’espropriazione l’opera pubblica non e’ stata eseguita e sono trascorsi i termini a tal uopo concessi o prorogati, gli espropriati possono domandare all’Autorita’ giudiziaria la pronuncia della decadenza dell’ottenuta dichiarazione di pubblica utilita’ e la restituzione dei beni espropriati, mediante il pagamento del prezzo determinato ai sensi dell’articolo 60 della stessa Legge.
2.3. Dalla lettura della sentenza impugnata risulta che il Comune di Roma aveva sostenuto che la prescrizione del diritto alla retrocessione era maturata il 20/6/1990 e cioe’ dieci anni dopo la scadenza del termine per l’ultimazione dei lavori (20/6/1980), trentasei mesi dopo la presa di possesso materiale dell’area espropriata, avvenuta il 20/6/1977; in subordine, il Comune di Roma aveva prospettato che la proroga dei termini per l’esproprio si fosse estesa anche ai termini per completare i lavori e che di conseguenza la prescrizione era maturata solo il 20/12/1991, comunque anche in questo caso in una data ben anteriore alla notificazione della citazione di primo grado (27/5/1993).
Invece gli (OMISSIS) sostenevano (cosi’ come aveva ritenuto la sentenza di primo grado) che il termine di prescrizione neppure aveva preso a decorrere perche’ i lavori non erano mai stati iniziati e comunque contestavano l’idoneita’ della presa di possesso a giugno del 1977 a far decorrere il termine perche’ avvenuta in violazione del contraddittorio.
2.4. Secondo la giurisprudenza di questa Corte, in materia di espropriazione, il diritto alla retrocessione del bene espropriato sorge nel momento in cui la realizzazione dell’opera, prevista nella dichiarazione di pubblica utilita’, diviene giuridicamente impossibile; tale condizione si verifica per effetto della scadenza del termine di cui alla L. 25 giugno 1865, n. 2359, articolo 13 (applicabile ratione temporis), ovvero a causa di un mutamento nelle scelte di politica urbanistica che si sostanzino nella formale manifestazione della volonta’ della pubblica amministrazione di non utilizzare il bene per gli scopi cui l’espropriazione era finalizzata; di conseguenza, ai fini della decorrenza del termine prescrizionale del diritto alla retrocessione, e’ sufficiente la scadenza del termine per l’esecuzione dei lavori (Sez. 6 – 1, n. 15859 del 25/06/2013, Rv. 626975 – 01; Sez. 1, n. 16904 del 11/11/2003, Rv. 568033 – 01, che distingue peraltro richiedendo anche l’emanazione del decreto di espropriazione).
2.5. La Corte di appello ha chiarito – e sul punto non vi e’ impugnazione – che la proroga del termine per l’espropriazione non ha avuto alcuna attitudine a prorogare anche i termini per l’esecuzione dei lavori, sia perche’ questo termine non era stato espressamente prorogato, sia perche’ l’amministrazione non si era avvalsa della proroga e il decreto di esproprio era stato emesso nel termine originario.
2.6. I termini per l’esecuzione dei lavori erano stati stabiliti dalla Delib. 20 dicembre 1973, n. 2723, della Giunta regionale del Lazio che ha dichiarato di pubblica utilita’ la realizzazione del parco pubblico attrezzato (OMISSIS); essi dovevano iniziare entro dodici mesi dalla immissione in possesso e concludersi nei successivi trentasei (vedasi: sentenza impugnata, pag.5, primo paragrafo).
La Corte di appello ha prospettato due ipotesi alternative a pagina 6:
a) in primo luogo, che il termine decorresse da un anno dalla data del decreto di esproprio del 28/10/1975, sicche’ i lavori avrebbero dovuto essere eseguiti nel triennio successivo e quindi entro il 28/10/1979;
b) oppure, in secondo luogo, che il termine decorresse dalla data di effettiva immissione in possesso ossia dal 20/6/1977, data della presa di possesso risultante dal verbale prodotto dall’amministrazione comunale, il che conduceva alla data successiva del 20/6/1980.
In entrambi i casi, secondo la Corte di appello, il decennio era spirato ben prima della data di notificazione della citazione introduttiva il 27/5/1993.
2.7. I ricorrenti non affrontano specificamente e non confutano la tesi esposta dalla Corte di appello nel primo corno dell’alternativa, ossia che i quattro anni (dodici piu’ trentasei mesi) decorressero dalla data del decreto di esproprio e scadessero il 28/10/1979 (pag.6, quarto capoverso); tanto basta ad inficiare sotto il profilo della specificita’ e della pertinenza le censure.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

2.8. V’e’ da aggiungere che questa tesi e’ anche corretta, tenuto conto della L. n. 2359 del 1865, articoli 13 e 63 e dovendosi aver riguardo alla trasmissione del possesso giuridico ravvisabile nel decreto di esproprio e non al successivo trasferimento anche della detenzione materiale del bene.
Infatti, in questa sede, paradossalmente, gli espropriati ricorrenti tentano di postergare il termine di ultimazione dei lavori da parte dell’amministrazione espropriante, al fine di differire consequenzialmente anche il compimento del periodo prescrizionale di dieci anni che da esso prende a decorrere.
La loro tesi non puo’ pero’ essere seguita perche’ implicitamente finirebbe con il riconoscere all’amministrazione espropriante il potere di provocare surrettiziamente la protrazione dei termini per il compimento dell’opera pubblica sul bene espropriato e paralizzare l’azione di retrocessione, semplicemente ritardando ad libitum la presa di detenzione del bene.
Deve quindi ritenersi che ai sensi della L. n. 2359 del 1865, articolo 13 e della Delib. 20 dicembre 1973, n. 2723, della Giunta regionale i lavori dovessero iniziare entro dodici mesi dal decreto di esproprio e completarsi entro i trentasei mesi successivi, senza che assuma rilievo in senso contrario la data eventualmente successiva, peraltro controversa, in cui sarebbe avvenuta una presa di possesso materiale (rectius: detenzione) effettiva.
Pertanto l’articolo 63 della stessa Legge consentiva l’esperimento della domanda di retrocessione, in un caso come questo in cui il decreto di esproprio era stato emesso e i lavori neppure iniziati, dopo il decorso di quattro anni dal decreto di esproprio, data in cui il diritto ben poteva essere esercitato.
Del resto, la giurisprudenza di questa Corte ha affermato che il decreto di espropriazione e’ idoneo a far acquisire la proprieta’ piena del bene e ad escludere qualsiasi situazione, di diritto o di fatto, con essa incompatibile, e che qualora il precedente proprietario, o un soggetto diverso, continui ad esercitare sulla cosa attivita’ corrispondente all’esercizio del diritto di proprieta’, la notifica del decreto ne comporta la perdita dell’animus possidendi, conseguendone che, ai fini della configurabilita’ di un nuovo possesso ad usucapionem, e’ necessario un atto di interversio possessionis. (Sez. 1, n. 6742 del 21/03/2014, Rv. 630046 – 01; Sez. 2, n. 23850 del 02/10/2018, Rv. 650631 – 01).
2.9. In conclusione il motivo di ricorso deve essere rigettato in quanto infondato essendo comunque decorso il decennio dalla data entro la quale dovevano essere ultimati i lavori il 28/10/1979, ben prima del 27/5/1993.
3. Con il terzo motivo di ricorso principale, proposto ex articolo 360 c.p.c., n. 3, i ricorrenti denunciano violazione o falsa applicazione di legge in relazione all’articolo 2719 c.c. e all’articolo 115 c.p.c., nonche’ ex articolo c.p.c., nn. 3 e 5, violazione e falsa applicazione dell’articolo 100 c.p.c., della L. n. 2359 del 1865, articolo 71, L. 241 del 1990, articolo 21 septies e articolo 21 octies, ed infine ex articolo 360 c.p.c., n. 3, violazione e falsa applicazione della L. n. 2248 del 1865, articolo 5, all. E.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

3.1. La Corte di appello, secondo i ricorrenti, aveva ritenuto prescritta l’azione di retrocessione benche’ i suoi termini non avessero iniziato a decorrere; cio’ perche’ il verbale di immissione in possesso del 20/6/1977 era viziato sotto il profilo della sua efficacia probatoria, processualmente inutilizzabile in quanto mai prodotto in originale, assolutamente invalido sotto molteplici profili (ossia: difetto di terzieta’ dei funzionari verbalizzanti, assenza di contraddittorio con i proprietari nello svolgimento delle operazioni di immissione in possesso, assenza dell’unico proprietario regolarmente invitato, con riferimento pero’ a una sola persona e senza avvisi di ricevimento, redazione del verbale in assenza di testimoni) e quindi disapplicabile dal giudice ordinario.
3.2. Il motivo e’ infondato alla luce di quanto osservato nel paragrafo precedente, ossia perche’, a prescindere dalla controversa effettivita’ della presa materiale di possesso del bene in data 20/6/1977 da parte dell’amministrazione comunale e dalla ritualita’ e regolarita’ del relativo verbale, i termini per l’ultimazione dei lavori erano comunque decorsi e gia’ sin dal 28/10/1979 gli (OMISSIS) avrebbero potuto proporre la loro domanda di retrocessione.
E’ quindi irrilevante il fatto, dato per assodato dalla sentenza impugnata, che materialmente gli (OMISSIS) abbiano continuato a godere della disponibilita’ dei beni espropriati, mai effettivamente appresi dal Comune capitolino.
4. Con il motivo di ricorso incidentale, proposto ex articolo 360 c.p.c., n. 3, la ricorrente incidentale Roma Capitale denuncia violazione o falsa applicazione di legge in relazione al Decreto del Presidente della Repubblica n. 327 del 2001, articolo 24, L. n. 241 del 1990, articolo 21 ter, comma 1 e articolo 21 quater, comma 4, articolo 1227 c.c. e L. n. 2248 del 1865, articolo 4, comma 2, con riferimento al rigetto delle sue domande di rilascio dei fondi e di risarcimento dei danni.
4.1. Giova premettere che il contraddittorio appare ormai integro anche ai fini del ricorso incidentale di Roma Capitale, non notificato dalla ricorrente incidentale ad (OMISSIS), poiche’, come sopra ricordato, a costui, erede dell’originario attore (OMISSIS), e’ stato notificato a cura dei ricorrenti atto di integrazione del contraddittorio che includeva al suo interno anche il controricorso e il relativo ricorso incidentale.
4.2. Quanto alla prima domanda (inerente al rilascio dei beni) la Corte di appello ha osservato che il Comune era titolare del diritto di proprieta’ in seguito all’esproprio e quindi era legittimato ad azionare il predetto titolo, mentre non era possibile duplicare i titoli concernenti il diritto al rilascio.
4.3. Obietta la ricorrente Roma Capitale che l’esecutivita’ dei provvedimenti espropriativi, derivante dalla loro intrinseca capacita’ di affievolire il diritto del proprietario, non comporta pero’ la loro auto-esecutivita’ e richiede pur sempre il superamento delle resistenze materiali dei detentori del bene, al cui proposito nulla vieta all’Amministrazione di agire in giudizio civile per la formazione di un titolo giudiziale di rilascio.
4.4. La censura e’ fondata.
L’articolo 823 c.c., comma 2, attribuisce all’autorita’ amministrativa la tutela dei beni che fanno parte del demanio pubblico e con essa la facolta’ sia di procedere in via amministrativa, sia di valersi dei mezzi ordinari a difesa della proprieta’ e del possesso regolati dal codice civile.
La L. 7 agosto 1990, n. 241, articolo 21 ter, prevede che nei casi e con le modalita’ stabiliti dalla legge, le pubbliche amministrazioni possono imporre coattivamente l’adempimento degli obblighi nei loro confronti e che qualora l’interessato non ottemperi, le pubbliche amministrazioni, previa diffida, possono provvedere all’esecuzione coattiva nelle ipotesi e secondo le modalita’ previste dalla legge; il successivo articolo 21 quater, aggiunge che i provvedimenti amministrativi efficaci sono eseguiti immediatamente, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge o dal provvedimento medesimo.
Non vi e’ quindi alcuna ragione, tantomeno la pretesa duplicazione di titoli, che osti all’accoglimento della domanda riconvenzionale di Roma Capitale diretta a ottenere il rilascio dei beni espropriati e non tempestivamente richiesti in retrocessione da parte degli originari attori e loro attuali aventi causa.
Ne’ – a ben vedere – di duplicazione di titoli esecutivi e’ lecito discorrere, ponendo in comparazione un titolo esecutivo di formazione giudiziale ex articolo 474 c.p.c., comma 2, n. 1, quale quello a cui aspira Roma Capitale, e un provvedimento amministrativo suscettibile di autotutela qual e’ il decreto di esproprio.
4.5. La Corte di appello ha poi negato al Comune il richiesto risarcimento dei danni affermando che si trattava di un danno che il creditore avrebbe potuto evitare usando l’ordinaria diligenza ex articolo 1227 c.c., comma 2 e osservando che tale eccezione in senso lato era rilevabile d’ufficio anche in grado di appello (pag. 9, ultimo capoverso); ha poi chiarito che il Comune avrebbe potuto evitare ogni pregiudizio se avesse realizzato il parco pubblico per cui aveva chiesto e ottenuto l’espropriazione e si fosse tempestivamente attivato per apprendere anche materialmente la disponibilita’ dell’area.
4.6. L’affermazione della Corte di appello secondo la quale l’eccezione di cui all’articolo 1227 c.c., comma 2, sarebbe una eccezione in senso lato rilevabile d’ufficio anche in grado di appello e’ sicuramente errata in punto di diritto.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

Secondo la giurisprudenza assolutamente granitica di questa Corte in tema di risarcimento del danno, l’ipotesi del fatto colposo del creditore che abbia concorso al verificarsi dell’evento dannoso (di cui dell’articolo 1227 c.c., comma 1) va distinta da quella (disciplinata dal comma 2 del medesimo articolo) riferibile ad un contegno dello stesso danneggiato che abbia prodotto il solo aggravamento del danno senza contribuire alla sua causazione, giacche’ – mentre nel primo caso il giudice deve procedere d’ufficio all’indagine in ordine al concorso di colpa del danneggiato, sempre che risultino prospettati gli elementi di fatto dai quali sia ricavabile la colpa concorrente, sul piano causale, dello stesso – la seconda di tali situazioni forma oggetto di un’eccezione in senso stretto, in quanto il dedotto comportamento del creditore costituisce un autonomo dovere giuridico, posto a suo carico dalla legge quale espressione dell’obbligo di comportarsi secondo buona fede (Sez. 3, n. 19218 del 19/07/2018, Rv. 649740 – 01; Sez. 3, n. 15750 del 27/07/2015, Rv. 636176 – 01; Sez. 3, n. 12714 del 25/05/2010, Rv. 613017 – 01; Sez. 3, n. 23734 del 10/11/2009, Rv. 610120 – 01).
4.7. La ricorrente incidentale Roma Capitale non ricostruisce accuratamente nella prospettiva delle difese svolte dalle parti con riferimento alla richiesta risarcitoria da essa proposta in via riconvenzionale nel giudizio iniziato in primo grado il 27/5/1993, prima del 30/4/1995, e pertantio sottratto al rito caratterizzato da severe decadenze e preclusioni e al regime restrittivo per l’introduzione di nuove eccezioni in appello introdotti dalla Novella di cui alla L. 26 novembre 1990, n. 353 e s.m.i.; a quanto risulta ex actis, inoltre, la domanda risarcitoria aveva subito evoluzioni e modificazioni al punto da essere giudicata nuova dal Tribunale nella sentenza definitiva (cfr. sentenza impugnata, pag. 9).
4.8. Tuttavia la Corte di appello ha implicitamente ritenuto che l’eccezione in questione non fosse stata proposta dagli attori (OMISSIS) e comunque potesse essere rilevata d’ufficio dal Giudice, cosi’ giustificando il rigetto della domanda riconvenzionale per motivi diversi da quelli addotti dal Tribunale, che aveva ritenuto tardiva e inammissibile la modificazione della domanda risarcitoria, e comunque erronee per la ragione sopra ricordata.
4.9. Roma Capitale contesta altresi’ nel merito la valutazione di negligenza addebitatale dalla Corte romana ma tali questioni rimangono assorbite e dovranno essere valutate nel giudizio di rinvio, all’esito della cassazione della sentenza impugnata, viziata per aver ritenuto rilevabile ex officio l’eccezione di cui dell’articolo 1227 c.c., comma 2.
5. Alla luce di quanto sopra esposto deve essere rigettato il ricorso principale e accolto il ricorso incidentale; la sentenza impugnata deve essere cassata in relazione al motivo accolto, con rinvio alla Corte di appello di Roma, in diversa composizione, anche per la regolazione delle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

La Corte;
rigetta il ricorso principale e accoglie il ricorso incidentale, cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia alla Corte di appello di Roma, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimita’.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte dei ricorrenti principali, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, ove dovuto.

 

Espropriazione per pubblica utilità ed il diritto alla retrocessione

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui