Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 5 settembre 2013 n. 36398. La mancata nomina del direttore dei lavori non determina la responsabilità automatica del committente in caso di infortunio di un operaio nel cantiere

4

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 5 settembre 2013 n. 36398[1]

La responsabilità del committente deriva dalla violazione di alcuni obblighi specifici, quali l’informazione sui rischi dell’ambiente di lavoro e la cooperazione nell’apprestare le misure di protezione e prevenzione, non potendo esigersi però un controllo pressante, continuo e capillare del committente sull’organizzazione e sull’andamento dei lavori.

Non esiste tuttavia alcun obbligo per il committente di nominare un coordinatore, un direttore dei lavori o di approntare un piano di sicurezza .

Ne consegue che, ai fini della configurazione della responsabilità del committente, è necessario verificare quale sia stata l’incidenza della sua condotta “nell’eziologia dell’evento”senza dare rilievo preminente a obblighi che non gli competono


[1] Testo scaricabile e consultabile dal portale giuridico del Sole24Ore – Guida al Diritto
http://www.diritto24.ilsole24ore.com/guidaAlDiritto/penale/sentenzeDelGiorno/2013/09/la-mancata-nomina-del-direttore-dei-lavori-non-fa-scattare-la-responsabilita-del-committente.html

 Archivio sentenze ordinanze

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2011/

  sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2012/

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2013/

 

     Studio legale D’Isa

@AvvRenatoDIsa

     renatodisa.com