Corte di Cassazione, sezione II civile, sentenza 6 dicembre 2016, n. 24957

39

Il consorzio di edifici, diffuso nelle località turistiche, per la dottrina si distingue tra obbligatorio (per legge o per finalità collettive) e facoltativo (nascente da contratto). Al consorzio si applicano le norme sulla comunione prevista dagli articoli 1100 e seguenti del Codice civile che riguardano la proprietà comune a più persone. Le norme sul condominio di edifici sono speciali rispetto a questa disciplina e comunque anche al condominio (articolo 1139 del Codice civile), si applicano in via residuale le norme sulla comunione

Suprema Corte di Cassazione

sezione II civile

sentenza 6 dicembre 2016, n. 24957

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIANCHINI Bruno – Presidente

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere

Dott. ABETE Luigi – rel. Consigliere

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 6584 – 2012 R.G. proposto da:

(OMISSIS), – c.f. (OMISSIS) – rappresentato e difeso in virtu’ di procura speciale a margine del ricorso dall’avvocato (OMISSIS) ed elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), – p.i.v.a. (OMISSIS) – in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso in virtu’ di procura speciale in calce al controricorso dall’avvocato (OMISSIS) ed elettivamente domiciliato (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente –

Avverso la sentenza n. 72 dei 24/28.3.2011 del tribunale di Tempio Pausania, sezione distaccata di Olbia;

Udita la relazione della causa svolta all’udienza pubblica del 30 settembre 2016 dal consigliere dott. Luigi Abete;

Udito l’avvocato (OMISSIS) per il controricorrente;

Udito il Pubblico Ministero, in persona del sostituto procuratore generale dott. CAPASSO Lucio, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso al giudice di pace di Olbia il – (OMISSIS)” esponeva che (OMISSIS), proprietario di un immobile ricompreso nel consorzio, non aveva atteso al pagamento degli oneri consortili relativi al consuntivo 2000 ed al preventivo 2001, oneri approvati con i relativi riparti con Delib. assembleare 24 marzo 2001 ed ammontanti a Lire 2.223.516.

Chiedeva ingiungersi a (OMISSIS) il pagamento della somma anzidetta, oltre interessi e spese.

Con decreto n. 342/2001 il giudice di pace pronunciava l’ingiunzione siccome domandata. Con atto ritualmente notificato (OMISSIS) proponeva opposizione.

Deduceva che innanzi al tribunale di Tempio Pausania, sezione distaccata di Olbia, pendeva altro giudizio avente ad oggetto l’annullamento della Delib. assembleare 24 marzo 2001.

Chiedeva revocarsi l’ingiunzione opposta.

Costituitosi, il ricorrente invocava il rigetto dell’opposizione.

Nelle more del giudizio l’assemblea del consorzio con Delib. 7 agosto 2004 revocava la Delib. 24 marzo 2001 ed al contempo la riapprovava.

Con sentenza n. 99/2008 il giudice adito dava atto della sopravvenuta inefficacia della deliberazione, revocava il decreto opposto, condannava (OMISSIS) al pagamento della somma ingiunta, compensava per 1/2 le spese di lite e condannava l’opponente a pagare la residua meta’.

Interponeva appello il ” (OMISSIS)”.

Resisteva (OMISSIS).

Con sentenza n. 72 dei 24/28.3.2011 il tribunale di Tempio Pausania, sezione distaccata di Olbia, accoglieva l’appello ed, in riforma della gravata sentenza, rigettava l’opposizione a decreto ingiuntivo esperita da (OMISSIS), confermava l’ingiunzione opposta e condannava l’appellato alle spese del doppio grado.

Esplicitava il tribunale che, sebbene la Delib. 24 marzo 2001 fosse stata revocata, era del tutto pacifico che con la Delib. 7 agosto 2004 il precedente deliberato era stato riapprovato con lo stesso contenuto; che, dunque, era rimasto – immutato il riparto degli oneri condominiali e l’importo del credito posto a fondamento dell’ingiunzione di pagamento” (cosi’ sentenza d’appello, pag. 3), sicche’ del tutto ingiustificata era la revoca del decreto opposto.

Esplicitava altresi’ che fondato era il gravame anche in ordine alla mancata statuizione da parte del primo giudice in merito agli interessi moratori richiesti.

Avverso tale sentenza ha proposto ricorso (OMISSIS); ne ha chiesto sulla scorta di un unico motivo la cassazione con ogni susseguente pronuncia pur in relazione alle spese di lite.

Il ” (OMISSIS)” ha depositato controricorso; ha chiesto rigettarsi l’avverso ricorso con il favore delle spese.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con 1′ unico motivo il ricorrente denuncia, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, la violazione e falsa applicazione degli articoli 1136 e 1137 c.c., dell’articolo 63 disp. att. c.c. e dell’articolo 633 c.p.c..

Deduce che l’annullamento con Delib. 7 agosto 2004 della Delib. 24 marzo 2001 ha fatto si’ che quest’ultima deliberazione divenisse inefficace; che, conseguentemente, essendo venuta meno l’efficacia – qualificantesi come condizione dell’azione – del titolo fondante il decreto ingiuntivo, il tribunale avrebbe dovuto confermare il dictum di prime cure.

Deduce che e’ la Delib. 7 agosto 2004 che supporta il credito del consorzio.

Il ricorso e’ fondato e va accolto.

Si evidenzia che questa Corte da tempo spiega che la disposizione dell’articolo 2377, u.c., c.c. (attualmente del penultimo comma), secondo cui l’annullamento della deliberazione assembleare non puo’ essere pronunciato se la deliberazione impugnata e sostituita con altra presa in conformita’ della legge e dell’atto costitutivo, benche’ dettata con riferimento alle societa’ per azioni, ha carattere generale ed e’, percio’, applicabile anche alle assemblee dei condomini di edifici (cfr. Cass. 5.6.1995, n. 6304, ove si soggiunge che, qualora un condomino abbia dedotto a fondamento dell’opposizione a decreto ingiuntivo, emesso sulla base di una Delib. assembleare, l’invalidita’ di quest’ultima per aver adottato un erroneo criterio di ripartizione delle spese condominiali, la sostituzione di detta delibera con altra che, adottando un nuovo criterio di riparto della spesa elimini ogni contrasto tra le parti, comporta la dichiarazione di cessazione della materia del contendere; cfr. Cass. 28.6.2004, n. 11961).

Conseguentemente la generale disposizione dell’articolo 2377 c.c. ben puo’ essere applicata alle deliberazioni dell’assemblea di un consorzio – del tipo di quello di cui nella fattispecie si tratta.

Nei termini esposti si rappresenta che, se e’ vero che la sanatoria di cui all’articolo 2377 c.c. non puo’ identificarsi con una vera e propria convalida con effetti retroattivi – giacche’ per essere tale dovrebbe promanare da tutti i soggetti legittimati all’azione di annullamento – e si concreta piuttosto in una rinnovazione della deliberazione (al riguardo cfr. Cass. 6.7.1953, n. 2137), va senza dubbio condiviso il rilievo del ricorrente per cui – e’ illogico (…) sostenere che una deliberazione adottata nel 2004 possa porsi a fondamento di un decreto ingiuntivo emanato nel 2001- (cosi’ ricorso, pag. 4).

Del resto l’ente controricorrente ha espressamente riconosciuto che “l’assemblea consortile provvide ad adottare la deliberazione 07.08.2004 con cui (…) annullava in sede di autotutela dell’ente la Delib. consortile 24 marzo 2001” (cosi’ controricorso, pag. 4).

E siffatto annullamento – in sede di autotutela – riveste valenza indipendentemente dalla circostanza che fosse stato disposto per rimediare ad un vizio procedimentale – poi palesatosi insussistente alla stregua della pronuncia della corte d’appello n. 381/2005 – sicche’ identico era il contenuto della Delib. 7 agosto 2004 rispetto a quello della Delib. precedente 24 marzo 2001.

Invero, lo stato di ripartizione approvato dall’assemblea” in base al quale ex articolo 63 disp. att. c.p.c. l’amministratore e’ abilitato ad ottenere l’ingiunzione, nel caso de quo agitur e’ formalmente e propriamente quello assunto in epoca successiva alla pronuncia da parte del giudice di pace di Olbia del decreto ingiuntivo n. 342/2001.

In accoglimento del ricorso la sentenza n. 72 dei 24/28.3.2011 del tribunale di Tempio Pausania, sezione distaccata di Olbia, va cassata con rinvio al medesimo tribunale in persona di altro giudice.

In dipendenza del buon esito del ricorso, formulato ed accolto nel segno della previsione dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3 si attende, giusta il disposto dell’articolo 384 c.p.c., comma 1 all’enunciazione del principio di diritto – al quale ci si dovra’ uniformare in sede di rinvio – nel modo che segue:

ai fini della riscossione dei contributi lo stato di ripartizione approvato dall’assemblea sulla cui scorta ai sensi dell’articolo 63 disp. att. c.c. l’amministratore puo’ ottenere ingiunzione di pagamento immediatamente esecutiva, e’ necessariamente antecedente, dal punto di vista cronologico, alla proposizione del ricorso per decreto ingiuntivo.

In sede di rinvio si provvedera’ alla regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza n. 72 dei 24/28.3.2011 del tribunale di Tempio Pausania, sezione distaccata di Olbia; rinvia al medesimo tribunale in persona di altro

giudice anche per la regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimita’