Amministratore di una società ed il diritto ad essere compensato

13

Corte di Cassazione, sezione lavoro civile, Ordinanza 12 settembre 2019, n. 22802.

La massima estrapolata:

Se è vero che l’amministratore di una società, con l’accettazione della carica, acquisisce il diritto ad essere compensato per l’attività svolta in esecuzione dell’incarico affidatogli, tuttavia tale diritto è disponibile e, così come può essere derogato da una clausola dello statuto della società, che condizioni lo stesso al conseguimento di utili, ovvero sancisca la gratuità dell’incarico, del pari può anche essere oggetto di rinuncia anche attraverso una remissione tacita del debito. Tale rinuncia tuttavia non è desumibile sic et simpliciter da un mero comportamento inerte dell’amministratore (inerzia o silenzio), ma deve risolversi un comportamento concludente del titolare che riveli in modo univoco una sua volontà abdicativa.

Ordinanza 12 settembre 2019, n. 22802

Data udienza 5 marzo 2019

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere

Dott. GARRI Fabrizia – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 922/2015 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) S.R.L., IN LIQUIDAZIONE, in persona dei Liquidatori (OMISSIS) e (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 256/2014 della CORTE D’APPELLO di CAGLIARI SEZ. DIST. DI SASSARI, depositata il 08/10/2014 R.G.N. 66/2014.

RILEVATO

che:
1. La Corte di appello di Cagliari, sezione di Sassari, in riforma della sentenza del Tribunale di Sassari ha rigettato la domanda proposta da (OMISSIS) nei confronti della (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione tesa al riconoscimento del compenso per l’attivita’ di amministratore prestata in favore della societa’ dal 4 febbraio 1992 al 7 luglio 2006.
2. La Corte di merito ha ritenuto che, sebbene a norma dell’articolo 16 dello Statuto della societa’ l’attivita’ di amministratore doveva essere compensata, tuttavia il comportamento tenuto dal (OMISSIS) per tutta la lunga durata del rapporto con la societa’, durante il quale mai tale compenso era stato reclamato, non poteva essere interpretato altro che come una rinuncia tacita alla prestazione, tenuto conto del fatto che, nel contempo, e per effetto della mancata corresponsione del compenso, gli utili distribuiti ai soci ed anche al (OMISSIS) erano stati piu’ elevati e la domanda di pagamento del compenso, proposta quando la societa’ era oramai in liquidazione, finiva per risolversi in danno degli altri soci.
3. Per la cassazione della sentenza propone ricorso (OMISSIS) affidato a tre motivi. Resiste con controricorso la (OMISSIS) s.r,l. in liquidazione.

CONSIDERATO

che:
4. Con il primo motivo di ricorso denunciata la violazione e falsa applicazione degli articoli 1324, 1362 e 1366 c.c. e dell’articolo 1709 c.c., articolo 2383 c.c., comma 3, articolo 2392 c.c., comma 1, n. 3 e articolo 2389 c.c., oltre che dell’articolo 112 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5.
4.1. Sostiene il ricorrente che erroneamente la Corte di merito ha ritenuto che la mancata richiesta del compenso per i quattordici anni di durata del mandato debba essere interpretata come rinuncia tacita allo stesso. Si tratta di interpretazione del comportamento tenuto che si pone in contrasto con i principi di buona fede atteso che la mera condotta inerte non puo’ costituire fatto concludente e decisivo nel senso di tale rinuncia.
5. Con il secondo motivo di ricorso e’ denunciata la violazione e falsa applicazione degli articoli 1324, 1362 e 1366 c.c. e dell’articolo 1709 c.c., articolo 2383 c.c., comma 3, articolo 2392 c.c., comma 1, n. 3 e articolo 2389 c.c. e dell’articolo 112 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5.
5.1. Ad avviso del ricorrente la circostanza che egli stesso nel corso del periodo e come socio abbia approvato i bilanci annuali partecipando pro quota alla distribuzione degli utili non avrebbe alcun rilievo ai fini di una rinuncia tacita. Ritiene infatti che proprio traendo spunto dalla giurisprudenza richiamata dallo stesso giudice territoriale si sarebbe dovuti pervenire al contrario convincimento della insussistenza di una condotta concludente in tal senso poiche’ in quel caso nel verbale di assemblea con il quale venne fissare il compenso dell’amministratore per il futuro si era dato atto della gratuita’ dell’incarico per il passato laddove nella fattispecie in esame, al contrario il compenso venne stabilito per il futuro ma nulla si disse quanto al passato.
6. Con l’ultimo motivo di ricorso, nel richiamare ancora una volta l’avvenuta violazione e falsa applicazione degli articoli 1324, 1362 e 1366 c.c., articolo 1709 c.c., articolo 2383 c.c., comma 3, articolo 2392 c.c., comma 1, n. 3 e articolo 2389 c.c. e dell’articolo 112 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, si sostiene che la Corte di appello si sarebbe spinta oltre le deduzioni delle parti ed avrebbe paventa un ingiusto vantaggio con riguardo agli utili confondendo pero’ la posizione del socio e quella dell’amministratore e pretendendo di ravvisare una incompatibilita’ tra i compensi per quest’ultimo e gli utili da distribuire tra i soci.
6.1. Ad avviso del ricorrente il giudice di secondo grado avrebbe trascurato di considerare che l’importo era stato devalutato al 1992 e successivamente rivalutato e che sarebbe stato deducibile. Inoltre non avrebbe tenuto conto del fatto che, in sede di liquidazione, il socio amministratore avrebbe visto ridotta, al pari degli altri, la quota spettante. Insiste poi nel chiedere che sia riconosciuto il suo diritto a percepire il 5% sulla plus valenza nella liquidazione del compenso, spettante proprio con riguardo all’attivita’ di amministratore svolta.
7. Il ricorso e’ infondato e deve essere rigettato.
7.1. Il primo ed il terzo motivo di ricorso possono essere esaminati congiuntamente e sono in parte infondati ed in parte inammissibili.
7.2. Va rilevato infatti che, se e’ vero che l’amministratore di una societa’, con l’accettazione della carica, acquisisce il diritto ad essere compensato per l’attivita’ svolta in esecuzione dell’incarico affidatogli, tuttavia tale diritto e’ disponibile e, cosi’ come puo’ essere derogato da una clausola dello statuto della societa’, che condizioni lo stesso al conseguimento di utili, ovvero sancisca la gratuita’ dell’incarico (cfr. Cass. 21/06/2017 e n. 15382), del pari puo’ anche essere oggetto di rinuncia anche attraverso una remissione tacita del debito.
7.3. Sebbene, poi, la rinuncia non e’ desumibile sic et simpliciter da un mero comportamento inerte dell’amministratore (inerzia o silenzio), atteso che e’ necessario un comportamento concludente del titolare che riveli in modo univoco una sua volonta’ abdicativa (cfr. Cass. 03/10/2018 n. 24139) tuttavia, nel caso in esame, la Corte di merito, proprio in adesione ai principi su enunciati e con accertamento di fatto in questa sede incensurabile, ha ricostruito la condotta tenuta dal (OMISSIS) in un arco temporale assai consistente e fino alle sue dimissioni, e ne ha tratto il convincimento che, con comportamento concludente, egli avesse inteso rinunciare a reclamare il compenso per la lunga attivita’ svolta quale amministratore della societa’ di cui era anche socio. La Corte nel rammentare che il compenso dell’amministratore – il cui incarico non era stato previsto come gratuito – doveva essere concretamente determinato dall’assemblea dei soci, di cui lo stesso (OMISSIS) era partecipe quale socio fondatore, ha accertato che mai, prima della liquidazione della societa’, questi aveva chiesto che fosse posta all’ordine del giorno la determinazione dello stesso, come pure avrebbe potuto e dovuto. Ha posto in rilievo come l’attivita’ di amministratore si fosse svolta per un arco temporale assai consistente, oltre quattordici anni, e che del pari erano trascorsi oltre quattro anni dalla cessazione dalla carica e dalla fissazione del compenso in favore del nuovo amministratore prima che la liquidazione del compenso fosse sollecitata. Si tratta di ricostruzione che non si limita alla mera valutazione dell’inerzia ma prende in considerazione contestuali condotte qualificanti e significative ricostruendo secondo canoni di ragionevolezza ed alla luce della buona fede nello svolgimento del rapporto la condotta tenuta come rinuncia tacita (cfr. per un caso analogo Cass. 20/02/2009 n. 4261).
7.2. Il secondo motivo di ricorso e’ invece inammissibile. La censura non riporta nella sua parte descrittiva il contenuto del verbale della cui errata interpretazione si duole incorrendo cosi’ nella violazione dell’articolo 366 c.p.c., comma 1, n. 6. Il ricorrente per cassazione, il quale intenda dolersi dell’omessa od erronea valutazione di un documento da parte del giudice di merito, infatti, ha un duplice onere imposto dall’articolo 366 c.p.c., comma 1, n. 6): deve produrlo agli atti (indicando esattamente nel ricorso in quale fase processuale ed in quale fascicolo di parte si trovi il documento in questione) e deve indicarne il contenuto (trascrivendolo o riassumendolo nel ricorso); la violazione anche di uno soltanto di tali oneri (nella specie il secondo) rende inammissibile la censura (cfr. Cass. 28/09/2016 n. 19048). 8. Al rigetto del ricorso consegue la condanna al pagamento delle spese del giudizio di legittimita’ che si liquidano in dispositivo. Sussistono inoltre le condizioni per l’applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.
Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita’ che si liquidano in Euro 5.000,00 per compensi professionali, Euro 200,00 per esborsi, 15% per spese forfettarie oltre agli accessori dovuti per legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui