Adottabilità ed i parenti entro il quarto grado con rapporti significativi

2

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|16 novembre 2021| n. 34714.

Adottabilità ed i parenti entro il quarto grado con rapporti significativi.

Ai fini della dichiarazione di adottabilità, i parenti entro il quarto grado che abbiano rapporti significativi con il minore sono gli unici legittimati ad impugnare il provvedimento che ne dispone l’adottabilità, tuttavia, la capacità educativa ed affettiva dei soggetti che non rientrano nel nucleo parentale previsto dalla legge ma che, sul piano dell’effettività, ne fanno comunque parte, in quanto conviventi con i parenti sopra menzionati, riveste un ruolo primario nella valutazione della corrispondenza al preminente interesse del minore della definitiva recisione dei suoi rapporti con tutte le figure relazionali, significative o adeguate, riconducibili al nucleo familiare di provenienza.

Ordinanza|16 novembre 2021| n. 34714. Adottabilità ed i parenti entro il quarto grado con rapporti significativi

Data udienza 17 maggio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Minori – Adottabilità – Affidamento eterofamiliare – Art. 12, L. n. 184/83 – Indagini esistenza parenti entro il quarto grado – Verifica possibilità affidamento all’interno del nucleo familiare

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente
Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 10396/2020 proposto da:
(OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al ricorso;
– ricorrenti –
contro
(OMISSIS), nella qualita’ di tutore del minore (OMISSIS), domiciliata in Roma, Piazza Cavour, presso la Cancelleria Civile della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al controricorso;
– controricorrente –
contro
(OMISSIS): nella qualita’ di curatore speciale del minore, (OMISSIS): quale padre del minore, Procura Generale presso la Corte d’Appello di Venezia, (OMISSIS) Angela: quale madre del minore;
– intimati –
avverso la sentenza n. 2/2020 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA, pubblicata il 19/03/2020;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 17/05/2021 dal cons. ACIERNO MARIA.

Adottabilità ed i parenti entro il quarto grado con rapporti significativi

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

1.La Corte d’Appello di Venezia, confermando la pronuncia di primo grado ha dichiarato lo stato di adottabilita’ del minore (OMISSIS).
L’appello principale era stato proposto da (OMISSIS), padre di (OMISSIS), madre del minore e da (OMISSIS), compagna convivente di (OMISSIS). I genitori del minore avevano proposto appello incidentale.
1.1. La corte territoriale, a sostegno della pronuncia, ha, in primo luogo, ripercorso l’accertamento svolto dal Tribunale per i minorenni, evidenziando che entrambi i genitori avevano manifestato gravi carenze in quanto la madre era tossicodipendente in terapia ed il padre (OMISSIS) era segnalato per violenze e maltrattamenti nei confronti della madre. Ugualmente inadeguato era stato ritenuto (OMISSIS) mentre l’unica persona in grado di essere una risorsa per il minore si era rivelata (OMISSIS). La piu’ recente relazione del 25/11/2019 aveva confermato la valutazione negativa sopra illustrata, rilevando che non vi erano stati contatti ne’ richieste da parte dei genitori biologici mentre il nonno (OMISSIS) e la compagna (OMISSIS) avevano continuato ad incontrare in forma protetta la sorella del minore che (OMISSIS) aveva avuto con altro partner. Nella nota del 20/2/2020 inviata dal Consultorio familiare presso la ASL n. 6, e’ stato evidenziato che nei due anni e mezzo di inserimento nella famiglia affidataria la situazione del minore si era evoluta in termini positivi.
1.3 Con decreto n. 10/2/2018 la Corte d’Appello ha confermato l’affidamento etero familiare del minore con interruzione di ogni rapporto sia con i genitori sia con i rispettivi nuclei familiari.
1.4 La Corte d’Appello ha ritenuto ancora validi i rilievi svolti nel predetto decreto, evidenziando che non erano state rappresentate circostanze sopravvenute rispetto al provvedimento interinale tali da giustificare una modificazione del regime vigente: in particolare, esaminate tutte le figure adulte si e’ pervenuti alla conclusione che soltanto (OMISSIS) e’ risultata in grado di prendersi cura del minore ma e’ priva di rapporti di parentela con lo stesso e, di conseguenza, non puo’ avere alcun potere o responsabilita’ giuridicamente rilevante.
1.5 In questo quadro la Corte ha rigettato anche la richiesta subordinata di (OMISSIS) e (OMISSIS) di revoca della sospensione dei rapporti tra loro ed il nipote perche’ non devono essere introdotti elementi che compromettano il percorso di ricostruzione familiare ormai avviato in modo stabile e proficuo ad esclusivo beneficio del minore.
1.6 I minore puo’ tuttavia continuare gli incontri con la sorella minore nell’ordine indicativo di due al mese.

 

Adottabilità ed i parenti entro il quarto grado con rapporti significativi

2. Avverso tale pronuncia hanno proposto ricorso per cassazione (OMISSIS) e (OMISSIS), accompagnato da memoria. Ha resistito con controricorso il tutore del minore.
3. Nel primo motivo viene dedotto il vizio di motivazione apparente del provvedimento impugnato per quanto riguarda la valutazione di inidoneita’ dei ricorrenti, riferita come fondata su valutazioni datate due anni prima della decisione.
4. Con il secondo motivo e’ stato dedotto il vizio di omessa motivazione in ordine all’istanza formulata anche dal P.G. di disporre una consulenza tecnica d’ufficio sulle capacita’ vicarianti di (OMISSIS) e (OMISSIS).
5. Con il terzo motivo e’ stata dedotta l’omessa valutazione delle attuali condizioni psico fisiche del minore e dell’effettiva incidenza sullo sviluppo della personalita’ del minore del supporto e della relazione instaurata con i nonni.
6. Con il quarto motivo e’ stata dedotta la violazione dell’articolo 336 c.c., per non essere stato ascoltato il minore.
7. La parte controricorrente ha dedotto preliminarmente il difetto di legittimazione attiva di (OMISSIS), in quanto non parente entro il quarto grado del minore.
7.1 L’eccezione e’ fondata. La L. n. 184 del 1983, articolo 12, stabilisce espressamente che il Tribunale per i minorenni e’ tenuto ad indagare in relazione all’esistenza di parenti entro il quarto grado che abbiano rapporti significativi con il minore, al fine di verificare la concreta possibilita’ di un affidamento dello stesso all’interno del nucleo familiare di origine nel rispetto di quanto stabilito nell’articolo 1 della medesima legge. La condizione fattuale costituita dall’esistenza di rapporti significativi puo’ essere valutata anche alla stregua della disponibilita’ e dalla collaborazione dimostrata dai parenti entro il quarto grado nell’organizzazione degli incontri con il minore nel caso quest’ultimo sia stato allontanato dai genitori biologici in tenera o tenerissima eta’.
7.1 La ratio della norma si coglie nell’incipit dell’articolo 1, della legge, nel quale e’ affermato solennemente il diritto del minore di crescere ed essere educato nell’ambito della propria famiglia, senza che una soluzione diversa possa essere giustificata per ragioni “di etnia, di eta’, di lingua, di religione e nel rispetto della identita’ culturale del minore e comunque non in contrasto con i principi fondamentali dell’ordinamento” (articolo 1, comma 3) e non prima di aver posto in essere misure di sostegno delle criticita’ riscontrate nell’ambito del nucleo genitoriale originario. Il legislatore ha dato rilievo preminente, ancorche’ non assoluto, nella formulazione della norma, al diritto del minore alla costruzione di un’identita’ coerente con il nucleo familiare e relazionale all’interno del quale e’ nato, valorizzando in funzione della rilevanza della famiglia di origine le figure parentali idonee ad assumere una funzione vicariante. La predeterminazione del grado di parentela e la limitazione ad alcune categorie di parenti della funzione indicata nella L. n. 184 del 1983, articoli 11, 12 e 13, non contrasta con il rilievo di pari grado attribuito al diritto del minore alla continuita’ affettiva e relazionale, riconosciuto di recente dalla Corte Costituzionale (sent. n. 272 del 2017) anche in funzione di necessario bilanciamento del cd. favor veritatis, nelle azioni volte alla costituzione o demolizione degli status genitoriali, dal momento che la limitazione legislativa ha la funzione specifica di ampliare, oltre al nucleo genitoriale in senso stretto, il perimetro familiare all’interno del quale deve essere svolta la rigorosa e doverosa indagine a carico del Tribunale per i minorenni, prima di dichiarare lo stato di abbandono che giustifica l’adottabilita’. Ne consegue che la predeterminazione normativa del grado di parentela e’ stata del tutto ragionevolmente fissata sulla base di una valutazione probabilistica delle figure parentali piu’ frequentemente coinvolte nella relazione con il minore (nonni e fratelli e sorelle dei genitori), tenuto conto della necessita’ di svolgere efficacemente e celermente le indagini necessarie, in quanto necessitate da una sopravvenuta condizione di grave criticita’ della condizione del minore tale da giustificare, nella maggioranza dei casi una collocazione quanto meno temporanea fuori dell’ambiente genitoriale ed all’interno del sistema pubblicistico di protezione del minore, secondo quanto imposto dalla L. n. 184 del 1983, articolo 1 comma 2.
7.2 La definizione del grado di parentela, pertanto, e’ esclusivamente finalizzata a determinare l’ambito soggettivo delle indagini del Tribunale per i minorenni relativamente al rinvenimento all’interno della famiglia di origine di figure vicarianti e a definire, conseguentemente, la legittimazione processuale delle parti del procedimento destinato all’accertamento della condizione di abbandono del minore. La capacita’ educativa e affettiva di soggetti che ancorche’ formalmente non rientranti nel nucleo parentale previsto dalla legge, ne fanno parte sul piano dell’effettivita’ e sono in grado di stabilire (o hanno gia’ stabilito) rapporti significativi con il minore, riveste, tuttavia, un rilievo primario nel presente giudizio sotto due profili. Nell’esame che deve compiere il giudice del merito del preminente interesse del minore, e’ necessario verificare, in primo luogo, se la definitiva recisione dei rapporti con figure significative sul piano affettivo e relazionale strettamente collegate ai parenti giuridicamente qualificati corrisponda al preminente interesse del minore. Non e’ sufficiente a sostenere questo doveroso accertamento, la verifica delle condizioni del minore nella famiglia affidataria senza alcuna comparazione con la relazione del minore con le figure vicarianti che hanno dimostrato in via effettiva la propria disponibilita’ a rivestire tale ruolo. All’interno di questa indagine deve essere dato rilievo centrale alla costruzione di un nucleo familiare ancorche’ con soggetti non identificabili come formalmente legittimati a partecipare al processo perche’ estranei alla linea di parentela.
7.4 Cosi’ circoscritta la funzione della delimitazione legislativa delle parti del procedimento di adottabilita’, se ne puo’ escludere l’incompatibilita’ sia con i principi costituzionali di tutela del minore che con il diritto alla vita familiare ex articolo 8 Cedu, secondo la declinazione offerta dalla Corte Edu, rimanendo centrale l’indagine sulla necessita’ e la corrispondenza effettiva al preminente interesse del minore della recisione dei legami con tutte le figure relazionali significative od adeguate riconducibili al suo nucleo familiare di provenienza.
8. L’applicazione dei principi esposti conduce alla formale dichiarazione del difetto di legittimazione attiva di (OMISSIS) ed all’accoglimento del ricorso proposto da (OMISSIS) nei limiti di cui in motivazione.
9. I motivi, da esaminare unitariamente, salvo l’ultimo relativo all’ascolto del minore, evidenziano la radicale carenza d’indagine e giustificazione motivazionale della valutazione negativa del ricorrente, genitore della madre del minore, come figura vicariale cui affidare il minore.
9.1 La Corte d’Appello fonda la propria valutazione esclusivamente richiamando un proprio provvedimento interinale del 2018, peraltro limitato alla conferma della sospensione dell’esercizio della responsabilita’ genitoriale ed all’affidamento eterofamiliare. La motivazione della conferma della situazione cristallizzata al 2018 e’ meramente apparente e non tiene conto del diverso contenuto ed effetti del provvedimento richiamato per relationem, sul rilievo dell’insussistenza di circostanze sopravvenute tali da giustificare una revisione del giudizio. Nessuna indicazione, tuttavia, viene fornita, relativamente ai fatti valutati come recessivi ne’ viene svolta alcuna indagine in relazione a due elementi di peculiare rilievo. Il primo riguarda il nucleo familiare del nonno materno e la partecipazione diretta alla cura del minore della compagna (OMISSIS), ritenuta del tutto adeguata a tale funzione. La conclusione della Corte d’Appello sul ricorrente, oltre ad essere priva di motivazione esplicita, seguente ad un esame attuale dell’attitudine e capacita’ vicariante di (OMISSIS),
ne ha ritenuto l’inidoneita’ isolatamente e senza tenere in alcun conto la disponibilita’ e le capacita’ di (OMISSIS), ignorando la situazione di stabilita’ relazionale e familiare con la quale il minore avrebbe potuto interagire in diverse modulazioni. Il secondo elemento riguarda la radicale parzialita’ della valutazione del preminente interesse del minore, considerato soltanto in relazione alla valutazione positiva del periodo trascorso con la famiglia affidataria ma senza alcuna indagine relativa alle conseguenze sul suo sviluppo psico fisico della recisione della relazione con il nucleo formato dal nonno materno e la sua compagna. Tale nucleo, peraltro, e’ stato positivamente valutato quanto alla prosecuzione del rapporto e del legame affettivo con la sorella piu’ piccola del minore, senza che tale aspetto sia stato considerato o posto in correlazione critica con l’opposta conclusione quanto al piccolo Fares. Fondatamente, pertanto, i ricorrenti censurano, in particolare l’omesso accoglimento della richiesta di consulenza psicologica valutativa dell’attitudine e delle capacita’ vicarianti del nucleo familiare costituito dal nonno materno e dalla sua compagna nonche’ dell’eventuale pregiudizio conseguente alla recisione di questa relazione (in contrasto con la conservazione del legame con la sorella minore) per lo sviluppo della personalita’ del minore.
9.2 Solo all’esito di questa rigorosa indagine avrebbe potuto formularsi una valutazione adeguata dell’interesse del minore a conservare la situazione attuale di recisione di qualsiasi rapporto con il nucleo familiare costituito dai ricorrenti e di dichiarare conseguentemente la sua adottabilita’ od invece di verificare, previa revoca di essa, percorsi diversi, oggetto di diversi procedimenti, quali la prosecuzione dell’affidamento eterofamiliare o un modulo adottivo estraibile dalla L. n. 184 del 1983, articolo 44, che potesse coinvolgere i ricorrenti, all’esito delle indagini previste dal regime giuridico di questo istituto.
10.In conclusione i primi tre motivi devono essere accolti nei limiti di cui in motivazione. Il quarto motivo e’ assorbito.
La sentenza impugnata deve essere cassata con rinvio al giudice del merito perche’ proceda all’accertamento omesso cosi’ come indicato nei paragrafi 9.1 e 9.2. e alla statuizione sulle spese processuali del presente procedimento.

P.Q.M.

Dichiara il difetto di legittimazione passiva di (OMISSIS) Accoglie i primi tre motivi di ricorso, assorbito il quarto. Cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’Appello di Venezia, in diversa composizione, anche per le spese processuali del presente giudizio. In caso di diffusione omettere le generalita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui