Violazioni al codice della strada e gli ispettori delle aziende del trasporto pubblico

22

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|14 ottobre 2022| n. 30288.

Violazioni al codice della strada e gli ispettori delle aziende del trasporto pubblico

In tema di violazioni al codice della strada, gli ispettori delle aziende del trasporto pubblico, quando erano vigenti le disposizioni di cui all’art. 17, commi 132 e 133 della legge n. 127 del 2017 (abrogate dall’ art. 49, comma 5-duodecies, del d.l. n. 76 del 2020, conv. con modif. nella l. n. 120 del 2020), non potevano elevare il verbale di accertamento della violazione dell’obbligo di esporre il titolo abilitativo alla sosta dell’autovettura al di fuori delle aree in concessione all’azienda per la quale prestavano servizio, essendo il potere loro conferito esercitabile solo alle condizioni tassativamente previste dai commi 132 e 133 del citato art. 17.

Ordinanza|14 ottobre 2022| n. 30288. Violazioni al codice della strada e gli ispettori delle aziende del trasporto pubblico

Data udienza 30 settembre 2022

Integrale

Tag/parola chiave: Sanzioni amministrative – Sosta – Ispettori delle aziende esercenti il trasporto pubblico – Ausiliari del traffico – Funzioni di controllo sulla regolarità della sosta – Limite delle aree in concessione all’azienda municipale dei trasporti cui appartengono – Sono escluse le violazioni consumate in altre parti del territorio comunale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 26362/2021 proposto da:
(OMISSIS), rappresentato e difeso in proprio ai sensi dell’articolo 86 c.p.c., con domicilio in (OMISSIS), presso l’avv. (OMISSIS).
-RICORRENTE-
contro
COMUNE DI MILANO, in persona del Sindaco p.t., rappresentato e difeso dagli avv.ti (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), con domicilio eletto in (OMISSIS).
-CONTRORICORRENTE-
avverso la sentenza del Tribunale di Milano n. 4893/2021, pubblicata in data 9.6.2021.
Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del giorno 30.9.2022 dal Consigliere Giuseppe Fortunato.

Violazioni al codice della strada e gli ispettori delle aziende del trasporto pubblico

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE.

1. L’Avv. (OMISSIS) ha proposto opposizione avverso due verbali di accertamento, con cui gli era stata contestata la violazione del Decreto Legislativo n. 285 del 1992 articolo 157, comma 8, per aver sostato il proprio autoveicolo senza avere azionato il dispositivo di controllo del pagamento della tariffa, eccependo, tra l’altro, che gli organi accertatori erano privi dei poteri di accertamento delle violazioni in materia di sosta in relazione al luogo dell’infrazione, secondo quanto disposto dal L. 127 del 1997 articolo 17, commi 132 e 133.
Il giudice di pace ha accolto l’eccezione e ha annullato i verbali, regolando le spese.
La pronuncia e’ stata integralmente riformata in appello.
Il tribunale ha ritenuto che la violazione – accertata dagli ispettori dell’azienda locale di trasporto – fosse stata validamente contestata, essendo essi titolari di funzioni di prevenzione e accertamento in materia di sosta esercitabili su tutto il territorio comunale a norma del L. 127 del 1997 articolo 17, commi 132 e 133, non avendo – quindi rilievo – che le infrazioni erano state consumate al di fuori delle zone affidate alla concessionaria dei trasporti.
Ha inoltre posto in rilievo che il ricorrente non aveva azionato il dispositivo di pagamento della tariffa di sosta, escludendo che tale apparecchiatura dovesse essere necessariamente collocata nella stessa via in cui era stato effettuato il parcheggio, sostenendo inoltre che il segnale di preavviso del parcheggio a pagamento era ben visibile e che il pagamento era dovuto pur non sussistendo in capo al Comune un obbligo di custodia del veicolo.
Per la cassazione dell’ordinanza l’avv. (OMISSIS) propone ricorso in cinque motivi.
Il Comune di Milano resiste con controricorso.
Su proposta del relatore, secondo cui il ricorso poteva essere definito ai sensi dell’articolo 380 bis c.p.c., in relazione all’articolo 375, comma 1, n. 5 c.p.c., il Presidente ha fissato l’adunanza in camera di consiglio.
2. Il primo motivo di ricorso denuncia la violazione del L. 127 del 1997 articolo 17, commi 132 e 133, sostenendo che il tribunale abbia erroneamente disatteso il piu’ recente insegnamento di legittimita’ secondo cui gli ispettori possono esercitare le funzioni di controllo sulla regolarita’ della sosta dei veicoli limitatamente alle aree in concessione all’azienda municipale dei trasporti cui essi appartengono e non, come nella specie, per le violazioni consumate in altre parti del territorio comunale.
Il secondo motivo denuncia la violazione dell’articolo 157, comma 6, CDS, per aver il tribunale infondatamente ritenuto che il ricorrente dovesse attivare il dispositivo di controllo della sosta, benche’ in zona non fosse collocato il parchimetro e fosse obbligatoria soltanto l’indicazione dell’ora di inizio del parcheggio.
Il terzo motivo denuncia la violazione dell’articolo 7 comma 1, lettera f) CDS., per aver la sentenza escluso che nell’area di parcheggio fosse imposto un dovere di custodia in capo all’amministrazione e cio’ senza esaminare, poiche’ non prodotta in giudizio, la delibera comunale che disciplinava la materia, non essendo segnalato come era doveroso – che il parcheggio era incustodito.
Il quarto motivo denuncia la violazione degli articoli 5 allegato E L. 2248/1865, per aver la sentenza escluso che potesse sindacarsi nel giudizio di opposizione anche la delibera comunale di istituzione delle zone di rilevanza urbanistica, avendo il giudice il potere di valutarne la legittimita’ ai fini della sua eventuale disapplicazione.
Il quinto motivo denuncia la violazione dell’articolo 112 c.p.c., lamentando che la sentenza non abbia pronunciato sui motivi di appello riguardanti la non visibilita’ della segnaletica stradale, la mancanza delle autorizzazioni di legge per l’istituzione di parcheggi a pagamento e la mancanza di stalli di parcheggio.
2. Il primo motivo e’ fondato.
L. 127 del 1997 articolo 17, commi 132 e 133 ha attribuito ai Comuni la possibilita’ di conferire, con provvedimento del sindaco, funzioni di prevenzione ed accertamento delle infrazioni in materia di sosta ai dipendenti comunali o ai dipendenti delle societa’ di gestione dei parcheggi, entro i confini delle aree oggetto di concessione; ai sensi del successivo comma 133, le stesse funzioni sono conferite al personale ispettivo delle aziende esercenti il trasporto pubblico di persone, il quale puo’ anche svolgere funzioni di prevenzione e accertamento in materia di circolazione e sosta sulle corsie di trasporto pubblico.
La L. 23 dicembre 1999, n. 488, articolo 68, comma 1, ha successivamente chiarito che L. 127 del 1997 articolo 17, commi 132 e 133″si interpreta nel senso che il conferimento delle funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni, ivi previste, comprende, ai sensi del Decreto Legislativo n. 285 del 1992 articolo 12, comma 1, lettera e), e successive modificazioni, i poteri di contestazione immediata, nonche’ di redazione e sottoscrizione del verbale di accertamento con l’efficacia di cui agli articoli 2699 e 2700 c.c.” e che queste funzioni, “con gli effetti di cui all’articolo 2700 c.c., sono svolte solo da personale nominativamente designato dal sindaco, previo accertamento dell’assenza di precedenti o pendenze penali, nell’ambito delle categorie indicate dal citato L. 127 del 1997 articolo 17, commi 132 e 133”.
Dalla lettera della norma si evince che il legislatore abbia inteso conferire agli ausiliari del traffico, ai fini di semplificazione dell’attivita’ amministrativa, il potere di prevenire ed accertare infrazioni al codice della strada in ipotesi tassative.
In presenza ed in funzione di particolari esigenze del traffico cittadino, quali quelle connesse alla gestione delle aree da riservare a parcheggio e l’esercizio del trasporto pubblico di persone, la disciplina ha previsto che determinate funzioni, obiettivamente pubbliche, possano essere eccezionalmente svolte anche da soggetti privati i quali abbiano una particolare investitura da parte della pubblica amministrazione, in relazione al servizio svolto, in considerazione “della progressiva rilevanza dei problemi delle soste e parcheggi” (Cass. 551/2009).
La tesi secondo cui gli ispettori delle aziende di trasporto sarebbero pero’ titolari di un potere di controllo limitato alle aree date in concessione alle aziende da cui dipendono, appare confortata dal tenore letterale del comma 133, il quale, nel prevedere la possibilita’ di conferimento delle funzioni di cui al precedente comma 132 (accertamento delle violazioni in materia di sosta, limitatamente alle aree oggetto di concessione), chiarisce che le funzioni di prevenzione e di accertamento attengono alla materia della circolazione e sosta sulle sole corsie riservate al trasporto pubblico.
La natura derogatoria delle norme in oggetto rispetto alla regola generale secondo cui la prevenzione e l’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale compete ai soggetti di cui all’articolo 12, comma 3, CDS, non consente di ampliare in via interpretativa il novero delle funzioni attribuite a soggetti privati (Cass. 551/2009; Cass. 2973/2016; Cass. 3494/2019).

Violazioni al codice della strada e gli ispettori delle aziende del trasporto pubblico

Quindi, mentre i dipendenti delle imprese gestrici di pubblici posteggi hanno poteri di accertamento e contestazione soltanto per le “violazioni in materia di sosta” e “limitatamente alle aree oggetto di concessione”, per i soggetti di cui al comma 133 le funzioni di prevenzione e accertamento devono intendersi limitate alla “sosta nelle aree oggetto di concessione” alle aziende esercenti il trasporto pubblico di persone, ed “inoltre” alle ipotesi di circolazione e sosta sulle corsie riservate al trasporto pubblico”, attribuite al personale ispettivo di dette aziende.
Per tali ragioni e’ infondata la tesi del tribunale secondo cui tali poteri sarebbero estesi all’intero territorio comunale, non potendo prevalere sul dato normativo neppure le circolari del Ministero dell’Interno, richiamate nel controricorso, espressesi in senso contrario, ne’ avendo rilievo il disposto dell’articolo 12 bis CDS, introdotto con L. 120 del 2020, discutendosi di violazione consumata nel regime dell’articolo 17, commi 132 e 133, cit. (attualmente abrogati dal Decreto Legge n.76 del 16 luglio 2020, articolo 49, comma 5-duodecies).
E’ quindi accolto il primo motivo di ricorso, restando assorbite tutte le altre censure.
La sentenza e’ cassata in relazione al motivo accolto, con rinvio della causa al Tribunale di Milano, in persona di altro Magistrato, anche per la pronuncia sulle spese di legittimita’.

P.Q.M.

accoglie il primo motivo di ricorso, dichiara assorbiti gli altri, cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia la causa al Tribunale di Milano, in persona di altro Magistrato, anche per la regolazione delle spese di legittimita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Le sentenze sono di pubblico dominio.

La diffusione dei provvedimenti giurisdizionali “costituisce fonte preziosa per lo studio e l’accrescimento della cultura giuridica e strumento indispensabile di controllo da parte dei cittadini dell’esercizio del potere giurisdizionale”.

Benchè le linee guida in materia di trattamento di dati personali nella riproduzione di provvedimenti giurisdizionali per finalità di informazione giuridica non richiedano espressamente l’anonimizzazione sistematica di tutti i provvedimenti, e solo quando espressamente le sentenze lo prevedono, si possono segnalare anomalie, richiedere oscuramenti e rimozioni, suggerire nuove funzionalità tramite l’indirizzo e-mail info@studiodisa.it, e, si provvederà immediatamente alla rimozione dei dati sensibili se per mero errore non sono stati automaticamente oscurati.

Il presente blog non è, non vuole essere, né potrà mai essere un’alternativa alle soluzioni professionali presenti sul mercato. Essendo aperta alla contribuzione di tutti,  non si può garantire l’esattezza dei dati ottenuti che l’utente è sempre tenuto a verificare.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui