turbativa d’asta

/Tag:turbativa d'asta

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 22 gennaio 2016, n. 3043. In tema a di trasferimento fraudolento di valori; da un lato, l’attività del concorrente si può estrinsecare: a) sia in capo al soggetto che risulti formalmente intestatario della quota, che nella realtà appartiene al socio occulto; b) sia in capo al soggetto che, essendo socio effettivo e non mero prestanome, accetta consapevolmente che nella sua società entri un soggetto come socio occulto attraverso la presenza di un prestanome. Quanto, poi, al profilo soggettivo, solo la totale inconsapevolezza del fine illecito in base al quale la persona sottoposta, o sottoponibile, a misure di prevenzione patrimoniale patrimoniale agisce, può assumere rilievo in ordine all’esclusione della sussistenza dell’elemento soggettivo del reato

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 22 gennaio 2016, n. 3043 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESATA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 22 dicembre 2015, n. 50284. La qualifica di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio non deriva automaticamente dall’appartenenza dell’autore di una mediazione illecita ad una pubblica amministrazione, ma esige – nel caso di distacco presso un altro ufficio pubblico – che si accerti in concreto se il soggetto abbia posto in essere o abbia concorso a porre in essere atti propri dell’amministrazione presso cui è distaccato. In mancanza di tale elemento può procedersi all’applicazione dell’art. 346-bis c.p. che sanziona il traffico illecito di influenze

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 22 dicembre 2015, n. 50284 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 21 luglio 2014, n. 32237. La configurabilità del reato di cui all’art. 353 c.p. va esclusa ogni qualvolta l’individuazione del contraente non avvenga all’esito di una gara (anche informale ed atipica), bensì mediante l’esercizio di attività negoziale posta in essere dalla pubblica amministrazione secondo le norme del diritto privato. La possibilità di turbare la gara, dunque, esiste solo laddove c’è la possibilità di influenzare negativamente il regolare funzionamento di questo meccanismo; se esso manca, non essendovi una gara, dovrà necessariamente escludersi una sua turbativa.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE  VI SENTENZA 21 luglio 2014, n. 32237 RITENUTO IN FATTO 1. All'esito del giudizio di primo grado, svoltosi nelle forme del rito abbreviato, il G.u.p. [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 29 settembre 2014, n. 40304. L’evento naturalistico del reato di turbata libertà degli incanti può essere costituito oltre che dall’impedimento della gara anche da un suo turbamento, situazione quest’ultima che si verifica quando la condotta fraudolenta o collusiva abbia anche soltanto influito sulla regolare procedura della gara medesima, essendo irrilevante che si produca un’effettiva alterazione dei risultati di essa. L’ipotesi di cui all’art. 353, comma 2, cod. pen. (concernente la turbata libertà degli incanti commessa da una persona che vi è “preposta dalla legge o dall’autorità”), ha natura di circostanza aggravante del reato, per la quale trova applicazione la disciplina ordinaria del concorso di circostanze di cui all’art. 69 cod. pen.

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 29 settembre 2014, n. 40304 Ritenuto in fatto 1. L.E. è stato condannato con sentenza del 16 febbraio 2012 del Tribunale di Trento [...]

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 31 luglio 2014, n. 33872. Può configurarsi il concorso formale fra il reato di turbata libertà degli incanti e quello di truffa, attesa la loro diversa obiettività giuridica (essendo rivolto l’uno alla tutela del regolare svolgimento dei pubblici incanti e delle licitazioni private, l’altro alla difesa della integrità patrimoniale del soggetto passivo), e differenziandosi inoltre gli stessi sotto il profilo degli elementi strutturali che li compongono

suprema CORTE DI CASSAZIONE sezione II sentenza 31 luglio 2014, n. 33872 Ritenuto in fatto Con ordinanza del 30.1.2014, il Tribunale di Napoli ha confermato il decreto di sequestro emesso [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 19 marzo 2013 n. 12821. Nei casi collusione il reato di turbata libertà degli incanti si perfeziona con la presentazione delle offerte

Il testo integrale   Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 19 marzo 2013 n. 12821[1] Il delitto di turbata libertà degli incanti si consuma nel momento e nel luogo in [...]

Carica Altri Articoli