Relatore CARCANO Domenico

/Tag: Relatore CARCANO Domenico

Corte di Cassazione, sezione VI penale, sentenza 7 novembre 2016, n. 46597

Non vi è l'obbligo di notifica del decreto di fissazione dell'udienza d'appello all'esercente la potestà genitoriale, allorché l'imputato, minorenne al tempo della commissione del reato, sia divenuto maggiorenne prima della [...]

Corte di Cassazione, sezione VI penale, sentenza 5 luglio 2016, n. 27603

L'inosservanza dell'obbligo di presentare i motivi nuovi nella cancelleria dei giudice dell'impugnazione (art. 585 comma quarto cod. proc. pen.) comporta inammissibilità degli stessi, a norma dell'art. 591 comma primo lett. [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 26 febbraio 2016, n. 8018. Si configura il delitto di abuso d’ufficio e non di peculato nel caso in cui l’agente pubblico – pur titolare del potere di emettere provvedimenti che diano avvio a procedure volte a dare alla res o alla pecunia altrui una diversa destinazione e non anche titolare del potere di adottare “mandati o ordini di pagamento”, attribuiti per legge o per norme di regolamento ad altri organi della stessa amministrazione – adotti determinazioni illegittime che, senza alcuna condotta decettiva o di concorso con gli agenti pubblici preposti al controllo e a disporre, all’esito, i pagamenti, diano poi luogo all’emissione di mandati o ordini di pagamento di somme che recepiscano quale presupposto le determinazioni illegittime delle proposte formulate, in tal modo intenzionalmente procurando a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI SENTENZA 26 febbraio 2016, n.8018 Ritenuto in fatto V.M. ricorre contro la sentenza della Corte d’appello di Taranto, sezione distaccata della Corte d’appello di [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 21 settembre 2015, n. 38292. La soglia dei € 3.999,96 nell’indebita percezione di erogazioni deve essere oggetto del dolo perché è elemento costitutivo di fattispecie. La soglia prevista dall’art. 316-ter, 2° co., c.p., in materia di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, non è una condizione obiettiva di punibilità, ma un elemento costitutivo di fattispecie che richiede di essere oggetto di rappresentazione e volizione da parte del percipiente. Ove questi non abbia la rappresentazione e la volizione di percepire una somma superiore a € 3.999,96 non è, quindi, integrato il dolo richiesto dalla norma incriminatrice e il fatto non costituisce reato

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 21 settembre 2015, n. 38292 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 10 settembre 2015, n. 36687. ai fini della determinazione dei limiti edittali per accedere alla messa alla prova per adulti, deve ritenersi fermo il criterio “quantitativo” soggetto ai limiti di pena stabiliti e determinati ex art. 4 c.p,p. richiamato dall’art. 550 , c. 1 c.p.p. e implicitamente fatto proprio dall’art. 168 bis c.p.p. Di conseguenza si tiene conto delle “aggravanti per le quali la legge prevede una specie di pena diversa da quella ordinaria” e di quelle “ad effetto speciale”

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 10 settembre 2015, n. 36687 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 8 settembre 2015, n. 36265. nel reato di omessa corresponsione dell’assegno divorzile previsto dall’art. 12-sexies della legge 1° dicembre 1970, n. 898, come modificato dall’art. 21 della legge 6 marzo 1987, n. 74, il generico rinvio, “quoad poenam”, all’art. 570 cod. pen. deve intendersi riferito alle pene alternative previste dal comma primo di quest’ultima disposizione

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 8 settembre 2015, n. 36265 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]