Presidente Palla

/Tag:Presidente Palla

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 16 febbraio 2015, n. 6784. L’art. 497-ter c.p. – possesso di segni distintivi contraffatti – non richiede che gli oggetti ivi menzionati siano destinati esclusivamente all’uso dei corpi di polizia, ma soltanto che questi ultimi li utilizzino e che pertanto la loro detenzione sia idonea a trarre agevolmente in inganno i cittadini sulle qualità personali del detentore e sul potere connesso alla detenzione medesima. In tal senso non v’è dubbio allora che la detenzione di un lampeggiante del tipo di quello in uso anche alle forze di polizia collocato sul tetto delle vettura dell’imputato integri la fattispecie contestata. Infatti non può esservi dubbio sull’univoco significato di un comportamento di tal genere, atteso che la collocazione del dispositivo sul tetto di una vettura privata, priva cioè di segni di riconoscimento come sono invece gli automezzi in uso agli altri soggetti abilitati all’utilizzo di lampeggianti blu, non può che far credere che la stessa sia un’auto “civetta” delle forze dell’ordine

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 16 febbraio 2015, n. 6784 Ritenuto in fatto 1.Con la sentenza impugnata la Corte d'appello di Cagliari ha confermato la condanna, pronunziata a [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 16 febbraio 2015, n. 6785. La diffamazione tramite internet costituisca un’ipotesi di diffamazione aggravata ai sensi dell’art. 595 c.p., comma 3, in quanto commessa con altro (rispetto alla stampa) mezzo di pubblicità idoneo a determinare quella maggior diffusività dell’offesa che giustifica un più severo trattamento sanzionatorio

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 16 febbraio 2015, n. 6785 Ritenuto in fatto 1. Con la sentenza impugnata la Corte d'appello di Napoli ha confermato la condanna di [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 16 gennaio 2015, n.2283. Il delitto di violenza privata non è assorbito in quello di cui all’art. 612-bis cod. pen.: l’art. 610 cod. pen. protegge il processo di formazione e di attuazione della volontà personale, l’art. 612/bis è volto – al pari dell’art. 612 cod. pen. – alla tutela della tranquillità psichica, ritenuta, con pieno fondamento, condizione essenziale per la libera formazione ed estrinsecazione della volontà suddetta

    SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V  SENTENZA 16 gennaio 2015, n.2283 Ritenuto in fatto   Il Tribunale di Arezzo, con sentenza riformata, limitatamente alla pena, dalla Corte di [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 3 ottobre 2014, n. 41191. Risponde di abuso di ufficio il carabiniere che suggerisce il nome di un avvocato al soggetto arrestato.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V PENALE sentenza 3 ottobre 2014, n. 41191   Ritenuto in fatto Con la sentenza impugnata veniva confermata la sentenza del Tribunale di Cagliari del [...]