Legge 183 del 2010

/Tag: Legge 183 del 2010

Corte di Cassazione, sezioni unite civile, sentenza 16 novembre 2016, n. 23298

Nelle ipotesi di conversione del contratto a tempo determinato illegittimo, l'articolo 32 della legge 183/2010 che limita il risarcimento del danno - stabilendo un'indennità onnicomprensiva nella misura compresa tra un [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 27 ottobre 2016, n. 21691

Ammesso il ricorso per cassazione per violazione di legge sopravvenuta dotata di efficacia retroattiva. Il ricorso, però, incontra il limite del giudicato a meno che la sentenza si componga di [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 19 novembre 2015, n. 23694. In tema di indennità prevista per il caso di trasformazione in tempo indeterminato del contratto a termine, la norma introdotta dall’articolo 28 del Dlgs 81/105 ha natura sostanziale e rappresenta una nuova disciplina dell’istituto. Ne deriva che essa è irretroattiva e si applica solo ai contratti di lavoro stipulati dopo la sua entrata in vigore, così perdurando l’applicazione della pregressa disciplina di cui all’articolo 32 della legge 183/2010 ai giudizi pendenti relativi ai contratti precedenti

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 19 novembre 2015, n. 23694 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 29 settembre 2015, n. 19331. L’indennità prevista dall’art. 32, comma 5, Legge n. 183/2010 ristora in generale il danno subito dal lavoratore per l’allontanamento dal lavoro, tanto se questo sia stato unico, quanto se sia stato ripetuto. Per tali periodi di non lavoro, mentre prima il lavoratore aveva diritto ad essere comunque retribuito a decorrere dalla messa a disposizione delle energie lavorative, pur non avendo lavorato, oggi è prevista solo la predetta indennità risarcitoria

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 29 settembre 2015, n. 19331 Fatto e diritto Il Tribunale di Tempio Pausania, in parziale accoglimento della domanda proposta da N.V. nei confronti [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 20 gennaio 2015, n. 854. Deve ritenersi illegittimo il licenziamento intimato dal datore di lavoro al lavoratore che, in più occasioni in un breve arco di tempo, abbia furtivamente sottratto dagli scaffali del supermercato, ove operava quale addetto alle vendite, confezioni di vino in scatola per poi consumarle nello stesso luogo di lavoro ivi abbandonandone i vuoti

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 20 gennaio 2015, n. 854 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]