Dpr 1124 del 1965

/Tag:Dpr 1124 del 1965

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 4 gennaio 2018, n. 99. Il giudice di pace non può avere dal ministero della Giustizia i danni per la malattia contratta nell’ambiente di lavoro

Il giudice di pace non può avere dal ministero della Giustizia i danni per la malattia contratta nell'ambiente di lavoro perché la categoria dei magistrati onorari ai quali appartiene non [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 17 febbraio 2017, n. 4277

Rientra nell'attività agricola indennizzata dall'Inail anche il sinistro che avviene mentre ci si reca ad acquistare il gasolio per la movimentazione dei trattori. Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 5 gennaio 2015, n. 6. La nozione di “occasione di lavoro” sia assunta in una accezione piu’ lata di quella di “causa di lavoro” afferendo ad ogni fatto comunque ricollegabile al rischio specifico connesso all’attivita’ lavorativa cui il soggetto e’ preposto, di modo che, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 1124 del 1965, articolo 2, l’infortunio sul lavoro non puo’ essere circoscritto nei limiti dell’evento di esclusiva derivazione eziologica materiale dalla lavorazione specifica espletata dall’assicurato, ma va riferito ad ogni accadimento infortunistico che all’occasione di lavoro sia ascrivibile in concreto, pur se astrattamente possibile in danno di ogni comune soggetto, in quanto configurabile anche al di fuori dell’attivita’ lavorativa tutelata ed afferente ai normali rischi della vita quotidiana privata; pertanto l’evento infortunistico verificatosi in occasione di lavoro non va considerato sotto il profilo della mera oggetti vita materiale dello stesso, ma deve essere esaminato in relazione a tutte le circostanze di tempo e di luogo connesse all’attivita’ lavorativa espletata potendo in siffatto contesto particolare assumere connotati peculiari tali da qualificarlo diversamente dagli accadimenti comuni e farlo rientrare nell’ambito della previsione della normativa di tutela, con l’unico limite della sua ricollegabilita’ a mere esigenze personali del tutto esulanti dall’ambiente e dalla prestazione di lavoro, c.d. rischio elettivo

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 gennaio 2015, n. 6   REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 21 ottobre 2014, n. 22280. Nessun risarcimento a carico dell’Inail per il dipendente che sul luogo di lavoro scivoli su una matita riportando lesioni permanenti del 67%. La sua attività, infatti, non l’ha esposto ad alcun particolare rischio tale da poter chiamare in causa la copertura assicurativa

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 21 ottobre 2014, n. 22280 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]