cancellazione dall’albo

/Tag: cancellazione dall'albo

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 27 dicembre 2016, n. 26996

Legittima la cancellazione dell'avvocato dall'albo di appartenenza nel caso in cui sia accertata l'appartenenza anche all'albo geometri Suprema Corte di Cassazione sezioni unite civili sentenza 27 dicembre 2016, n. 26996 [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 4 novembre 2016, n. 22398

Unici requisiti legittimanti l'iscrizione alla sezione speciale degli avvocati comunitari stabiliti sono quelli specificamente elencati nell'art. 6, comma 2, D.Lgs. n. 96/2001, ovverosia l’iscrizione dell’istante presso la competente organizzazione professionale [...]

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 23 novembre 2015, n. 23836. La sentenza di applicazione di pena patteggiata, pur non potendosi configurare come sentenza di condanna, presuppone pur sempre una ammissione di colpevolezza ed esonera il giudice disciplinare dall’onere della prova

Suprema Corte di Cassazione sezioni unite sentenza 23 novembre 2015, n. 23836 Svolgimento del processo Il 2 aprile 2009 veniva aperto procedimento disciplinare a carico dell'avvocata ricorrente, iscritta al registro [...]

Corte di Casaszione, sezione III, sentenza 16 aprile 2015, n. 7683. La cancellazione del difensore dall’albo professionale per motivi disciplinari, prevista dall’art. 40, r.d.l. n. 1578/33, è riconducibile, in virtù di interpretazione estensiva, alle ipotesi di cui all’art. 301 c.p.c., in quanto assimilabile a quelle espressamente previste della radiazione e della sospensione; pertanto, ove verificatasi prima della chiusura della discussione – dopo la quale ha, invece, rilevanza ai sensi dell’art. 286, 2 comma, c.p.c. – determina automaticamente l’interruzione del processo, ancorché il giudice o le altre parti non ne abbiano avuto conoscenza, con la conseguente nullità degli atti successivi e della sentenza eventualmente pronunciata. Tale nullità è soggetta al principio generale della conversione delle nullità in motivi di impugnazione e deve, quindi, essere dedotta con l’impugnazione – che assume la funzione di richiesta di prosecuzione del giudizio – soltanto dalla parte il cui procuratore fu colpito dall’evento interruttivo, in quanto, essendo le norme sull’interruzione del processo volte a tutelare la parte nei confronti della quale si sia verificato detto evento e che dallo stesso può essere pregiudicata, questa è la sola legittimata a valersi della mancata interruzione

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 16 aprile 2015, n. 7683 Svolgimento del processo 1. Nel 2005 Co.Au. convenne dinanzi al Tribunale di Pordenone: (a) T.F. ; (b) M.G. [...]

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 3 giugno 2014, n. 12376. La volontaria cancellazione dall’albo professionale del procuratore costituito non da luogo all’applicazione dell’art. 301 c.p.c., comma 1, e non determina quindi l’interruzione del processo, in quanto, mentre le ipotesi ivi previste sono accomunate dal fatto di essere indipendenti (almeno in via diretta) dalla volontà del professionista o del cliente, la volontaria cancellazione è assimilabile alle ipotesi indicate nel terzo comma del medesimo articolo (revoca della procura o rinuncia ad essa). Infatti, la cancellazione volontaria dall’albo del difensore non può assolutamente essere equiparata alla morte o radiazione o sospensione del medesimo, essendo all’evidenza quest’ultimi eventi, a differenza del primo, indipendenti dalla volontà dell’interessato, che non può affatto interferire sulla loro realizzazione neppure sotto il profilo temporale.

Suprema Corte di Cassazione sezione I sentenza 3 giugno 2014, n. 12376 Svolgimento del processo Con citazione notificata il 26 febbraio 1988 il fallimento della società Club Roman Fashion conveniva [...]