Somme dovute per periodo di interposizione fittizia di manodopera

27

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|14 ottobre 2021| n. 27988.

Somme dovute per periodo di interposizione fittizia di manodopera.

A partire dalla sentenza con cui il giudice dichiara la nullità della interposizione di manodopera, a fronte della messa in mora (offerta della prestazione lavorativa) e della impossibilità della prestazione per fatto imputabile al datore di lavoro (il quale rifiuti illegittimamente di ricevere la prestazione), grava sull’effettivo datore di lavoro l’obbligo retributivo. Dal rapporto di lavoro, riconosciuto dalla pronuncia giudiziale, discendono gli ordinari obblighi a carico di entrambe le parti ed in particolare, con riguardo al datore, quello di pagare le retribuzioni e ciò anche nel caso di mora credendi, e, quindi, di mancanza della prestazione lavorativa per rifiuto di riceverla.

Ordinanza|14 ottobre 2021| n. 27988. Somme dovute per periodo di interposizione fittizia di manodopera

Data udienza 11 maggio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Lavoro – Retribuzione – Decreto ingiuntivo – Somme dovute per periodo di interposizione fittizia di manodopera – Mancato ripristino rapporto di lavoro – Art. 29, D.Lgs. n. 276/2003

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Lucia – Presidente

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere

Dott. AMENDOLA Fabrizio – rel. Consigliere

Dott. BELLE’ Roberto – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 2023-2020 proposto da:
(OMISSIS) SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 2815/2019 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 04/07/2019;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non partecipata dell’11/05/2021 dal Consigliere Relatore Dott. FABRIZIO AMENDOLA.

RILEVATO

che:
1. la Corte d’Appello di Roma, con la sentenza impugnata, ha confermato la pronuncia di primo grado che, nell’ambito di un procedimento di opposizione a decreto ingiuntivo, aveva condannato (OMISSIS) Spa al pagamento in favore di (OMISSIS) della somma di Euro 12.372,90, oltre accessori; si trattava di retribuzione non corrisposta per il periodo in cui il lavoratore, ottenuta una sentenza di accertamento di una interposizione fittizia di manodopera per appalto illecito, aveva messo in mora l’azienda senza tuttavia percepire la retribuzione dovuta;
2. la Corte – in sintesi – dopo aver ritenuto che tali somme avessero natura retributiva sulla scorta dell’insegnamento di SS.UU. n. 2990 del 2018, ha escluso che le somme versate nel periodo oggetto di controversia da un terzo subentrato nell’appalto potessero costituire aliunde perceptum detraibile;
3. per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso la societa’ soccombente con unico articolato motivo; ha resistito con controricorso (OMISSIS);
4. la proposta del relatore ex articolo 380 bis c.p.c., e’ stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale;
entrambe le parti hanno comunicato memorie.

CONSIDERATO

che:
1. con il motivo di ricorso si denuncia: “Violazione e falsa applicazione della L. n. 1369 del 1960, articolo 1, e del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 29, comma 3 bis, e articolo 27, comma 2, e dell’articolo 1180 c.c., comma 1”; si argomenta che la sentenza impugnata avrebbe errato “ove non ha tenuto conto della “incidenza liberatoria dei pagamenti” ricevuti dal Sig. (OMISSIS) – nel periodo oggetto di ingiunzione a titolo di retribuzione per lo svolgimento di attivita’ di lavoro subordinato prestato a favore di soggetto diverso da (OMISSIS) Spa”;
2. la censura e’ infondata;
come insegnano le Sezioni unite di questa Corte (sent. n. 2990 del 2018): “La declaratoria di nullita’ dell’interposizione di manodopera per violazione di norme imperative e la conseguente esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato determina, nell’ipotesi in cui per fatto imputabile al datore di lavoro non sia possibile ripristinare il predetto rapporto, l’obbligo per quest’ultimo di corrispondere le retribuzioni al lavoratore a partire dalla messa in mora decorrente dal momento dell’offerta della prestazione lavorativa, in virtu’ dell’interpretazione costituzionalmente orientata del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 29, che non contiene alcuna previsione in ordine alle conseguenze del mancato ripristino del rapporto di lavoro per rifiuto illegittimo del datore di lavoro e della regola sinallagmatica della corrispettivita’, in relazione agli articoli 3, 36, e 41 Cost.”; nella pronuncia si osserva che “a partire dalla sentenza con cui il giudice dichiara la nullita’ della interposizione di manodopera, a fronte della messa in mora (offerta della prestazione lavorativa) e della impossibilita’ della prestazione per fatto imputabile al datore di lavoro (il quale rifiuti illegittimamente di ricevere la prestazione), grava sull’effettivo datore di lavoro l’obbligo retributivo”; che, infatti, “dal rapporto di lavoro, riconosciuto dalla pronuncia giudiziale, discendono gli ordinari obblighi a carico di entrambe le parti ed, in particolare, con riguardo al datore di lavoro, quello di pagare le retribuzioni, e cio’ anche nel caso di mora credendi e, quindi, di mancanza della prestazione lavorativa per rifiuto di riceverla”;
in ossequio al principio, proprio in materia di appalto illecito, si e’ considerato che, diversamente opinando, committente cd appaltatore potrebbero tranquillamente proseguire il contratto nullo senza conseguenza alcuna, in dispregio della legge, della sentenza, che risulterebbe inutiliter data, della messa a disposizione (a favore del committente) delle energie lavorative da parte del lavoratore e del diritto pur vittoriosamente da lui fatto valere in giudizio (in termini, da ultimo, Cass. n. 22798 del 2020);
il principio e’ stato applicato anche in caso di accertata illegittimita’ della cessione di ramo d’azienda, per cui le retribuzioni corrisposte dal destinatario della cessione, che abbia utilizzato la prestazione del lavoratore successivamente alla messa a disposizione di questi delle energie lavorative in favore dell’alienante, non producono un effetto estintivo, in tutto o in parte, dell’obbligazione retributiva gravante sul cedente che rifiuti, senza giustificazione, la controprestazione lavorativa, argomentandosi anche l’inoperativita’ dell’articolo 1180 c.c. (tra molte: Cass. n. 17784 e n. 21158 del 2019); sancita la natura retributiva e non risarcitoria delle somme da erogarsi ai lavoratori da parte dell’inadempiente, non trova applicazione il principio della “compensatio lucri cum damno” su cui si fonda la detraibilita’ di quanto altrimenti percepito (Cass. n. 21160 del 2019);
neanche soccorre la tesi di parte ricorrente il passaggio della sentenza delle Sezioni unite citata in cui, ai fini dell’incidenza liberatoria del pagamento effettuato da un terzo, si richiamano le disposizioni contenute nel Decreto Legislativo n. 276 del 2003, laddove all’articolo 27, comma 2 (previsto in materia di somministrazione irregolare ma richiamato anche dall’articolo 29, comma 3-bis, in tema di appalto illecito), si stabilisce che: “tutti i pagamenti effettuati dal somministratore, a titolo retributivo o di contribuzione previdenziale, valgono a liberare il soggetto che ne ha effettivamente utilizzato la prestazione dal debito corrispondente fino a concorrenza della somma effettivamente pagata”; ma la disposizione si riferisce evidentemente ai “pagamenti” effettuati dal soggetto somministratore o appaltatore rispetto al quale e’ stata accertata la somministrazione irregolare ovvero l’appalto illecito e non ai pagamenti effettuati dal qualsiasi altro datore di lavoro che abbia retribuito il dipendente in adempimento di una obbligazione propria, restando irrilevanti, stante l’inoperativita’ del principio della compensatio lucri cum damno”, le somme eventualmente percepite dal lavoratore per rapporti di lavoro diversi da quello con il soggetto appaltatore che era parte dell’appalto dichiarato illecito;
pertanto, la pretesa della ricorrente di detrarre dall’importo dovuto a titolo di retribuzioni le somme percepite per il lavoro prestato dal (OMISSIS) alle dipendenze di altro datore di lavoro e non dal soggetto rispetto al quale e’ stato accertato l’appalto illecito e’, come ritenuto dalla Corte territoriale, infondata;
5. conclusivamente il ricorso deve essere respinto, con spese che seguono la soccombenza liquidate come da dispositivo;
occorre dare atto della sussistenza dei presupposti processuali di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, come modificato dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17 (Cass. SS. UU. n. 4315 del 2020).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese liquidate in Euro 2.500,00, oltre Euro 200,00 per esborsi, spese generali nella misura del 15% e accessori di legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello per il ricorso a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui