Sanzioni amministrative connesse alla guida in stato di ebbrezza

12

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|23 giugno 2021| n. 17999.

In tema di sanzioni amministrative connesse alla guida in stato di ebbrezza, la sospensione della patente di guida ex art. 186 del codice della strada consegue a titolo di sanzione accessoria del reato ed è disposta dal giudice penale, anche se applicata in concreto dal prefetto, mentre la sospensione cautelare/preventiva disposta dal prefetto ai sensi dall’art. 223 del medesimo codice – la quale deve intervenire entro un tempo ragionevole, la cui valutazione in concreto è rimessa al giudice del merito – risponde alla necessità di impedire che, nell’immediato, il destinatario possa continuare a tenere una condotta pericolosa. (Nella specie la S.C. ha cassato la decisione di merito, che aveva ritenuto legittima l’applicazione della sospensione cautelare a distanza di 19 mesi dall’accertamento del fatto, senza tuttavia chiarire le ragioni per le quali il provvedimento doveva considerarsi adottato in tempo ragionevole).

Ordinanza|23 giugno 2021| n. 17999. Sanzioni amministrative connesse alla guida in stato di ebbrezza

Data udienza 24 novembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Circolazione stradale – Patente di guida – Sospensione – Guida in stato di ebbrezza – Irrogazione dal giudice penale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente

Dott. GORJAN Sergio – Consigliere

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere

Dott. PICARONI Elisa – rel. Consigliere

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 5076/2017 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura a margine del ricorso;
– ricorrente –
contro
PREFETTURA DI LATINA, in persona del Prefetto pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 1462/2016 del TRIBUNALE di LATINA, depositata il 14/07/2016;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 24/11/2020 dal Consigliere Dott. ELISA PICARONI.

Sanzioni amministrative connesse alla guida in stato di ebbrezza

FATTI DI CAUSA

1. Oggetto del ricorso e’ la sentenza del Tribunale di Latina, pubblicata il 14 luglio 2016, che ha rigettato l’appello proposto da (OMISSIS) avverso la sentenza del Giudice di pace di Latina n. 248 del 2014, e nei confronti della Prefettura di Latina.
1.1. Il Giudice di Pace aveva rigettato l’opposizione proposta dal (OMISSIS) avverso l’ordinanza prot. LT2018336J/2013 con cui il Prefetto di Latina gli aveva sospeso la patente di guida per due anni e ordinato di sottoporsi a visita medica presso la ASL per accertare l’idoneita’ alla guida.
Il provvedimento di sospensione era stato emesso a seguito del verbale di contestazione della violazione dell’articolo 186 C.d.S., comma 2, lettera c), per avere il (OMISSIS) guidato in stato di ebbrezza (tasso alcolico accertato in struttura ospedaliera pari a 1,74 g/l).
2. Il Tribunale ha confermato la pronuncia di primo grado.
2.1. Dopo avere evidenziato che nella specie non vi era stata declaratoria di incompetenza per materia del Giudice di pace in relazione all’oggetto specifico dell’opposizione, il Tribunale ha rilevato che la sospensione della patente di guida era stata legittimamente disposta a fini cautelari.
3. (OMISSIS) ricorre per la cassazione della sentenza sulla base di tre motivi, ai quali resiste con controricorso la Prefettura di Latina.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo e’ denunciata violazione o falsa applicazione dell’articolo 7 c.p.c., Decreto Legislativo n. 507 del 1999, articolo 98, articoli 186 e 223 C.d.S. e si contesta l’errore in cui sarebbe incorso il Tribunale nel ritenere che il primo giudice non avesse dichiarato la propria incompetenza per materia.
1.1. Il motivo e’ privo di fondamento.
Come evidenziato nella sentenza impugnata, il Giudice di pace non si e’ affatto dichiarato incompetente ma si e’ limitato a ad osservare, in motivazione, che mentre l’accertamento del reato di guida in stato di ebbrezza spettava al tribunale, l’oggetto dell’opposizione era circoscritto alla verifica delle condizioni legittimanti l’applicazione della misura cautelare della sospensione della patente di guida.
2. Con il secondo motivo di ricorso e’ denunciata violazione o falsa applicazione degli articoli 186, 201 C.d.S. e articolo 223 C.d.S., commi 1 e 2 e si contesta la tardivita’ della notificazione dell’ordinanza prefettizia, assumendosi tra l’altro che la ritenuta natura cautelare della sospensione della patente di guida sarebbe incompatibile con l’adozione del provvedimento a notevole distanza di tempo dall’accertamento della guida in stato di ebbrezza (nella specie, 19 mesi), cosi’ vanificando le esigenze di immediatezza e di prevenzione.
3. Con il terzo motivo di ricorso si denuncia omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che e’ stato oggetto di discussione tra le parti; omessa o insufficiente motivazione in relazione all’articolo 2697 c.c. e alla L. n. 39 del 1997, articolo 5, nonche’ nullita’ della sentenza per violazione degli articoli 132 e 156 c.p.c. e articolo 118 disp. att. c.p.c..
Il ricorrente contesta la mancata esposizione delle norme di legge e dei principi di diritto applicati, poiche’ in entrambe le sentenze di merito i giudici non avrebbero provveduto a statuire su alcuni punti decisivi della controversia, riguardanti principalmente i vizi di forma dell’ordinanza che, se adeguatamente considerati, avrebbero comportato la sua nullita’.
4. Il secondo motivo di ricorso e’ fondato e assorbe il terzo motivo.
4.1. Si deve richiamare in premessa la distinzione da tempo enucleata dalla giurisprudenza di questa Corte (tra le altre, Cass. n. 21447 del 2010), secondo cui la sospensione della patente di guida ex articolo 186 C.d.S., consegue a titolo di sanzione accessoria del reato, ed e’ quindi disposta dal giudice penale pur se applicata in concreto dal prefetto, mentre la sospensione cautelare/preventiva disposta dal prefetto ai sensi dell’articolo 223 C.d.S., risponde alla finalita’ di impedire che, nell’immediatezza del fatto, il soggetto possa continuare a tenere una condotta pericolosa per la pubblica incolumita’.
4.2. Con riferimento specifico alla sospensione cautelare, questa Corte a Sezioni Unite (sentenza n. 13226 del 2007) ha affermato che il suddetto provvedimento deve intervenire entro un tempo ragionevole – la cui valutazione e’ in concreto rimessa la giudice del merito – in considerazione delle finalita’ del provvedimento stesso.
Si tratta di principio enucleato a composizione di un contrasto, che risulta di applicazione costante e ormai consolidata (tra le altre, Cass. n. 7731 del 2009; Cass. n. 24111 del 2014).
5. Nella fattispecie in esame, il Tribunale ha ritenuto che il provvedimento di sospensione della patente di guida avesse finalita’ cautelari senza chiarire le ragioni per cui lo stesso sarebbe intervenuto entro un tempo ragionevole dal fatto, laddove il riferimento alla mancata presentazione del (OMISSIS) alla visita medica e’ privo di riscontro.
Per un verso, infatti, il provvedimento di sospensione non contiene riferimenti alla mancata sottoposizione del (OMISSIS) a visita medica, e, per altro verso, neppure risultano indicati altri atti a sostegno di tale rilievo, atti che, tra l’altro, neppure avrebbero potuto essere acquisiti stante la contumacia della Prefettura in entrambi i giudizi di merito.
6. All’accoglimento del secondo motivo di ricorso, con assorbimento del terzo motivo, segue la cassazione della sentenza impugnata limitatamente al motivo accolto ed il rinvio al giudice designato in dispositivo per un nuovo esame della domanda. Il giudice di rinvio provvedera’ anche a liquidare le spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, assorbito il terzo motivo e rigettato il primo motivo, cassa la sentenza impugnata limitatamente al motivo accolto e rinvia, anche per le spese del giudizio di legittimita’, al Tribunale di Latina, in persona di diverso magistrato.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui