Rapporto di agenzia e l’istituto del preavviso

23

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|6 ottobre 2021| n. 27098.

Rapporto di agenzia e l’istituto del preavviso.

In tema di rapporto di agenzia, l’istituto del preavviso riguarda unicamente il recesso dal contratto di agenzia a tempo indeterminato, e non può essere esteso al contratto di agenzia a tempo determinato, ancorché, in mancanza di allegazione e prova della loro simulazione, si siano succeduti, senza soluzione di continuità, più contratti a termine

Ordinanza|6 ottobre 2021| n. 27098. Rapporto di agenzia e l’istituto del preavviso

Data udienza 14 maggio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Contratto di agenzia – Rapporto di agenzia e l’istituto del preavviso – Errore della preponente nel calcolo delle provvigioni – Oggettiva riconoscibilità da parte dell’agente – Rifiuto ingiustificato di restituire le provvigioni erogate in eccedenza – Lesione del vincolo fiduciario – Recesso – Rigetto

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GORJAN Sergio – Presidente

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso iscritto al n. 26561/2016 R.G. proposto da:
(OMISSIS) S.A.S (OMISSIS), in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dall’avv. (OMISSIS), e dall’avv. (OMISSIS), con domicilio eletto in (OMISSIS).
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) S.P.A., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dall’avv. (OMISSIS), con domicilio in (OMISSIS).
– controricorrrente –
avverso la sentenza della Corte d’appello di Milano n. 2835/2016, depositata in data 5.7.2016.
Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 14.5.2021 dal Consigliere Dott. Giuseppe Fortunato.

Rapporto di agenzia e l’istituto del preavviso

FATTI DI CAUSA

La (OMISSIS) s.a.s ha convenuto in giudizio la (OMISSIS) s.p.a. dinanzi al tribunale di Milano, esponendo di aver operato, su mandato della convenuta, come agente commerciale per la zona del Triveneto a far data dal 21.4.1999.
Ha altresi’ dedotto che, con comunicazione del 28.5.2006, la preponente aveva segnalato che, a causa di un non corretto utilizzo del software aziendale, erano state corrisposte provvigioni indebite ed aveva chiesto la restituzione Euro 56.903,78, ottenendo il riaccredito della minor somma di Euro 25.000,00. Pertanto, in data 16.6.2006, la (OMISSIS) aveva esercitato il recesso per giusta causa, sostenendo che l’agente era a conoscenza dell’errore di contabilizzazione.
La (OMISSIS) ha quindi chiesto di dichiarare la risoluzione del rapporto per fatto imputabile alla controparte, con condanna di quest’ultima al pagamento dell’indennita’ sostituiva del preavviso, dell’indennita’ di fine rapporto e dell’indennita’ suppletiva di clientela, delle somme non versate al FIRR, delle provvigioni maturante e maturande e di quelle dovute per forniture direttamente eseguite dalla convenuta nella zona riservata all’agente, con il risarcimento del danno all’immagine.
Si e’ costituita la (OMISSIS), sostenendo che la condotta dell’agente, consapevole di aver percepito provvigioni indebite, aveva leso il vincolo fiduciario, rendendo impossibile la prosecuzione del rapporto. All’esito, il tribunale ha accolto la domanda principale e ha condannato la convenuta al pagamento di Euro 166.199,22 per indennita’ sostitutiva del preavviso e di Euro 266.427,79 per indennita’ da cessazione del rapporto, oltre accessori e spese di lite.
Proposta impugnazione dalla (OMISSIS), la Corte distrettuale, in integrale riforma della decisione di primo grado, ha ritenuto giustificato il recesso della preponente, rilevando che quest’ultima provvedeva a trasmettere periodicamente a tutti gli agenti i riepiloghi delle vendite ed il dettaglio delle provvigioni, comprese le informazioni (percentuale applicata, importi delle somme accreditate) non contenute nelle fatture, chiedendo di verificare la correttezza dei dati e di segnalare eventuali anomalie.
Le suddette informazioni consentivano di rilevare eventuali errori di calcolo e quindi, nello specifico, di avvedersi che le provvigioni erano state calcolate nella misura piu’ alta sul prodotto con lo sconto maggiore, con un ingiusto incremento del fatturato. L’aver consapevolmente ed indebitamente percepito somme di cospicua entita’, rifiutandone l’integrale restituzione, era – secondo il giudice territoriale – condotta idonea a pregiudicare il vincolo fiduciario.
La sentenza ha infine respinto la domanda di pagamento dell’indennita’ di fine rapporto, poiche’ il rapproto era stato risolto per fatto dell’agente, nonche’ l’indennita’ di preavviso, sull’assunto che il contratto di agenzia era a tempo determinato.
La cassazione della sentenza e’ chiesta dalla (OMISSIS) s.a.s. con ricorso in tre motivi, illustrati con memoria.
La (OMISSIS) s.p.a. resiste con controricorso e con memoria ex articolo 380 bis.1 c.p.c..

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo denuncia la violazione degli articoli 112, 115 e 116 c.p.c., e l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 4 e 5.
Si assume che la Corte distrettuale avrebbe dovuto far ricorso alla prova logica ed escludere che l’agente potesse avvedersi del non corretto funzionamento del software in uso alla (OMISSIS), nonche’ considerare che il mancato invio delle fatture aveva reso impossibile il controllo sul calcolo delle provvigioni.
Il secondo motivo deduce la violazione dell’articolo 2119 c.c., articolo 1455 c.c. e l’errata o omessa valutazione del comportamento dell’agente, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5. Secondo la ricorrente, occorreva valutare la gravita’ dei fatti contestati tenendo conto che l’errore di contabilizzazione delle provvigioni non era di facile percezione e che la stessa preponente, che vi aveva dato causa, non si era avveduta del non corretto funzionamento del software. In ogni caso, il recesso non era giustificato, essendo in discussione la mancata restituzione di somme di contenuta entita’.
I due motivi, che possono esaminarsi congiuntamente, sono infondati.
La oggettiva riconoscibilita’ dell’errore in cui era incorsa la preponente risulta logicamente dedotta dalla sentenza sulla base del fatto che la (OMISSIS) trasmetteva periodicamente i riepiloghi delle vendite e il dettaglio delle provvigioni, con le percentuali e gli importi spettanti agli agenti, indicando separatamente il prezzo netto e lo sconto applicato sulle merci elencate nei riepiloghi.
Secondo la pronuncia, l’agente era in possesso di tutte le informazioni necessarie per rilevare che le provvigioni erano state calcolate – nella misura piu’ alta – al prodotto con lo sconto maggiore, incrementando fittiziamente il fatturato.
Peraltro, la (OMISSIS) aveva spontaneamente provveduto ad una restituzione solo parziale degli accrediti ricevuti, a conferma della possibilita’ di effettuare le doverose verifiche sulla base delle informazioni di cui aveva disponibilita’, non occorrendo – a tal fine anche l’invio delle fatture, una volta accertata, secondo il convincimento del giudice distrettuale, la riconoscibilita’ dell’errore di accredito delle provvigioni sulla base dei dati inviati all’agente.
Detta omissione non presenta, quindi, carattere di decisivita’.
Neppure puo’ imputarsi al giudice di non aver fatto ricorso alla prova logica, la cui utilita’ era gia’ esclusa dalla possibilita’ dell’agente di rilevare le problematiche segnalate dalla controparte: tale opzione era – in ogni caso – rimessa alle valutazioni insindacabili del giudice di merito.
Neppure il secondo motivo merita accoglimento, sollecitando un diverso apprezzamento della rilevanza e gravita’ della condotta dell’agente, su cui la Corte di merito ha correttamente posto in rilievo che nel rapporto di agenzia, la giusta causa di recesso, pur rievocando l’analoga nozione che viene in considerazione nel lavoro subordinato, deve esser valutata con maggiore severita’ – alla luce della maggiore autonomia di gestione dell’attivita’ da parte dell’agente, per luoghi, tempi, modalita’ e mezzi, in funzione del conseguimento delle finalita’ aziendali.
Ai fini della legittimita’ del recesso, e’ percio’ sufficiente un fatto di minore consistenza, secondo una valutazione rimessa al giudice di merito insindacabile in sede di legittimita’, se adeguatamente e correttamente motivata (Cass. 14771/2008; Cass. 11728/2014; Cass. 29290/2019).
L’accertata riconoscibilita’ dell’errore da parte delle agenti e l’ingiustificato rifiuto di restituire le provvigioni erano – in definitiva – condotte capaci di pregiudicare l’affidamento nella regolarita’ dell’ulteriore sviluppo del rapporto, alla luce delle usuali modalita’ operative delle parti e della doverosa osservanza – da parte degli agenti – degli obblighi di cooperazione nella fase di regolazione delle rispettive pretese economiche. In tale contesto, la lesione del vincolo fiduciario non poteva dipendere solo dall’entita’ del danno e delle somme indebitamente erogate, comunque risultate di cospicuo ammontare.
2. Il terzo motivo denuncia la violazione dell’articolo 1750 c.c., articolo 1362, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, sostenendo che, pur essendo il contratto a tempo determinato, ne era prevista la rinnovazione tacita e pertanto, data l’intervenuta conversione in rapporto a tempo indeterminato, l’agente aveva diritto all’indennita’ di preavviso.
Il motivo e’ infondato.
La conversione del contratto di agenzia a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato si produce solo se – alla scadenza del termine – il contratto continui in via di fatto ad essere eseguito. Ove – come nella specie – sia prevista una clausola di rinnovo automatico, l’esecuzione ha luogo non a rapporto scaduto, ma nella piena efficacia del rapporto rinnovato.
La tesi formulata in ricorso condurrebbe, invece, ad escludere la stessa possibilita’ di rinnovazione del contratto sottoposto a termine, che, ove ne sia proseguita l’esecuzione, anche se in virtu’ del rinnovo, finirebbe per convertirsi sempre in rapporto a tempo indeterminato.
Va – invece – data continuita’ all’insegnamento di questa Corte secondo cui l’istituto del preavviso riguarda unicamente il recesso dal contratto di agenzia a tempo indeterminato, e non puo’ essere esteso al contratto di agenzia a tempo determinato, ancorche’, in mancanza di allegazione e prova della loro simulazione, si siano succeduti, senza soluzione di continuita’, piu’ contratti a termine (Cass. 3595/2011; Cass. 20265/2005).
Il ricorso e’ quindi respinto, con aggravio di spese secondo soccombenza.
Si da’ atto, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali, pari ad Euro 7300,00 per compenso ed 200,00 per
esborsi, oltre ad iva, c.p.a. e rimborso forfettario delle spese generali, in misura del 15%.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui