Privazione del possesso di un immobile e risarcimento del danno

27

Corte di Cassazione, sezione sesta (seconda) civile, Ordinanza 4 dicembre 2018, n. 31353.

La massima estrapolata:

La privazione del possesso conseguente all’occupazione di un immobile altrui costituisce un fatto potenzialmente causativo di effetti pregiudizievoli ed idoneo a legittimare la pronunzia di condanna generica al risarcimento del danno, ben potendo il giudice successivamente liquidare in concreto il detto danno per mezzo di una valutazione equitativa ex art. 1226 c.c. che tenga conto, quale parametro di quantificazione, del valore reddituale del bene.

Per un maggior approfondimento sul possesso aprire il seguente collegamento on-line

Possesso, usucapione e le azioni a tutela

Ordinanza 4 dicembre 2018, n. 31353

Data udienza 21 marzo 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere

Dott. FALASCHI Milena – rel. Consigliere

Dott. ABETE Luigi – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 25633-2016 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA piazza Cavour presso la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 344/2016 della CORTE D’APPELLO di MESSINA, depositata il 09/06/2016;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 21/03/2018 dal Consigliere Dott. MILENA FALASCHI.

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Premesso che con sentenza n. 86/2006 (OMISSIS) veniva condannata a reintegrare l’ex marito, (OMISSIS), nel possesso dell’immobile precedentemente destinato quale casa coniugale, nonche’ al risarcimento dei danni da liquidarsi in separato giudizio, il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, adito per la determinazione dei danni, con sentenza n. 88 del 2012, rigettava la domanda di risarcimento danni proposta dallo stesso (OMISSIS).
A seguito di appello proposto dal (OMISSIS), con sentenza n. 344 del 2016, la Corte di appello di Messina, riformando la sentenza di primo grado, condannava la (OMISSIS) a risarcire l’appellante del danno subito dall’illegittimo spossessamento, liquidandolo nella meta’ del valore locativo dell’immobile. Avverso la sentenza della Corte di appello di Messina, la (OMISSIS) propone ricorso per cassazione, fondato su un unico motivo.
(OMISSIS) resiste con controricorso.
Ritenuto che il ricorso potesse essere rigettato, con la conseguente definibilita’ nelle forme di cui all’articolo 380 bis c.p.c., in relazione all’articolo 375 c.p.c., comma 1, n. 5), su proposta del relatore, regolarmente comunicata ai difensori delle parti, il presidente ha fissato l’adunanza della camera di consiglio.
Atteso che:
– con l’unico motivo la ricorrente denuncia, ex articolo 360 c.p.c., n. 3, la violazione e falsa applicazione degli articoli 1223, 1226, 2043, 2056, 2727 e 2729 c.c., in materia di risarcimento del danno extracontrattuale. Ad avviso di parte ricorrente, la sentenza della Corte d’appello sarebbe viziata nella parte in cui avrebbe riconosciuto, a favore del (OMISSIS), l’esistenza del danno derivante dall’illegittimo spossessamento, da parte della (OMISSIS), dall’immobile precedentemente destinato a casa coniugale, senza che vi fosse stata la prova del danno subito.
La censura non puo’ trovare ingresso.
Premesso che la sentenza di condanna generica al risarcimento del danno non esclude la possibilita’ di verificare, in sede di liquidazione, la reale esistenza del danno risarcibile (Cass. n. 9043 del 2012), in tema di tutela di possesso ove sia accertato, con sentenza passata in giudicato, l’illecito consistente nell’illegittima privazione del possesso, tale limitazione si traduce in un concreto pregiudizio di carattere patrimoniale, perdurante fino al ripristino dello “status quo ante”. Ne consegue che il giudice, a fronte dell’obiettiva difficolta’ di determinazione del “quantum”, deve fare ricorso ad una valutazione equitativa, ai sensi dell’articolo 1226 c.c., adottando eventualmente, quale adeguato parametro di quantificazione, quello correlato ad una percentuale del valore reddituale dell’immobile, la cui fruibilita’ sia stata temporaneamente esclusa.
Nella specie, la Corte di merito ha fatto buon governo dei principi suesposti, facendo discendere la prova dell’esistenza del danno dallo spossessamento del suddetto immobile da parte della (OMISSIS), dalla conseguente indisponibilita’ e non fruibilita’ dello stesso da parte del (OMISSIS), che ne aveva provato un assiduo utilizzo anche per ragioni di lavoro, nonche’ dalla prova, tramite testimoni, dell’avvenuta locazione da parte della (OMISSIS) della parte di abitazione del cui possesso aveva spogliato il (OMISSIS), nonche’ dall’idoneita’ dell’immobile all’uso abitativo e dalla sua posizione geografica; ha poi quantificato il danno sulla base del valore locativo dell’immobile.
In definitiva, si deve ritenere che la Corte abbia chiaramente indicato quali erano gli elementi di prova che accertavano il danno subito dal (OMISSIS) dall’illegittimo spossessamento dell’immobile.
In conclusione il ricorso deve pertanto essere rigettato.
Le spese processuali, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza. Poiche’ il ricorso e’ stato proposto successivamente al 30 gennaio 2013 ed e’ rigettato, sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, (Disp. per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – L. di stabilita’ 2013), che ha aggiunto al testo unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater – della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso;
condanna la ricorrente alla rifusione delle spese processuali in favore della controricorrente che liquida in complessivi Euro 5.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre al rimborso forfettario e agli accessori come per legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

Avv. Renato D’Isa