Pignoramento e risarcimento del danno per responsabilità aggravata

124

Corte di Cassazione, civile, Sentenza|12 ottobre 2021| n. 27689.

Pignoramento e risarcimento del danno per responsabilità aggravata.

Per la configurabilità del risarcimento del danno da responsabilità processuale aggravata ai sensi dell’art. 96, comma 2, c.p.c., in ipotesi di esecuzione della sentenza di primo grado successivamente riformata, occorre che il creditore inizi l’azione esecutiva o la porti a compimento senza la normale prudenza, sicché è sufficiente che egli abbia avviato l’azione esecutiva nonostante, in concreto, l’accoglimento del gravame (con l’annullamento o la riforma della sentenza posta in esecuzione) fosse sufficientemente probabile e prevedibile, spettando in ogni caso la relativa valutazione al giudice di merito, oppure che egli stesso abbia proseguito e portato a termine l’intero procedimento, pur non essendo in possesso di un valido titolo esecutivo.

Sentenza|12 ottobre 2021| n. 27689. Pignoramento e risarcimento del danno per responsabilità aggravata

Data udienza 18 maggio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Pignoramento – Sussistenza del titolo esecutivo – Esclusione del risarcimento del danno per responsabilità aggravata – Rigetto – Pignoramento e risarcimento del danno per responsabilità aggravata

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. VALLE Cristiano – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso n. 24132/2018 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente a se’ stessa;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– controricorrenti –
e contro
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS);
– intimati –
avverso la sentenza n. 3285/2018 della CORTE d’APPELLO di MILANO, depositata il 24/04/2018;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/05/2021 dal Consigliere relatore Dott. Cristiano Valle;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale SOLDI Anna Maria, che ha concluso per la rimessione del ricorso alle Sezioni Unite e, in subordine per il rigetto dello stesso;
udito l’Avvocato (OMISSIS), per la ricorrente e l’Avvocato (OMISSIS), per la parte controricorrente;
osserva quanto segue.

Pignoramento e risarcimento del danno per responsabilità aggravata

FATTI DI CAUSA

1) L’avvocato (OMISSIS) impugna, con ricorso affidato a tre motivi, la sentenza della Corte di Appello di Milano, n. 3285 del 24/04/2018, che, in riforma di ordinanza del 19/11/2015 del Tribunale della stessa sede, riqualificata dalla stessa Corte territoriale quale sentenza, ha dichiarato la nullita’ del pignoramento eseguito il 12/05/2015 per sopraggiunto venire meno del titolo esecutivo e ha rigettato la domanda di risarcimento danni ai sensi dell’articolo 96 c.p.c., comma 2, formulata dalla stessa (OMISSIS), avvocato, nei confronti della controparte pignorante ossia di (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) e (OMISSIS).
1.1) Resistono con controricorso (OMISSIS) e (OMISSIS).
1.2) (OMISSIS) e (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) (quali eredi di (OMISSIS)), (OMISSIS) e (OMISSIS) sono rimasti intimati.
1.3) Il P.G. ha presentato conclusioni scritte e ha concluso per la rimessione del ricorso alle Sezioni Unite di questa Corte o, in subordine, per il rigetto del ricorso.
1.4) Entrambe le parti hanno depositato le rispettive memorie nel termine di legge.
1.5) All’esito dell’udienza pubblica del 18 maggio 2021, svoltasi nella modalita’ disciplinata dal Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 137, articolo 23, comma 8 bis, convertito con modificazioni dalla L. 18 dicembre 2020, n. 176, sulle conclusioni scritte del Pubblico Ministero e sentiti i difensori delle parti, che si sono riportati ai rispettivi scritti difensivi, il Collegio ha trattenuto il ricorso in decisione.

RAGIONI DELLA DECISIONE

2) In via preliminare, e al fine di fugare qualsivoglia ulteriore dubbio, sebbene non vi sia alcun motivo di impugnazione che si incentri sulla valida costituzione del giudice, rileva il Collegio che la sentenza della Corte di Appello di Milano n. 3285 del 2018, impugnata in questa sede di legittimita’, e’ stata resa con la partecipazione di un giudice aggregato, che ha redatto la motivazione e ha, in veste di estensore, sottoscritto la sentenza unitamente al presidente del Collegio, senza che cio’ comporti nullita’ della sentenza per illegittima costituzione dell’organo giudicante. Il ricorso relativo alla controversia in oggetto e’ stato, infatti, trattenuto in decisione da questa Corte all’udienza del 18/05/2021, alla quale era gia’ stata depositata la sentenza della Corte Costituzionale n. 41 del 17/03/2021, pubblicata in G.U. del 17/03/2021 n. 11, che ha ritenuto, tuttora, legittima la partecipazione dei giudici aggregati ai collegi delle Corti di Appello (sulla base del principio di cd. “tollerabilita’ costituzionale”), e cio’ fino al 31 ottobre 2025 e, pertanto, a tenore della detta pronuncia del Giudice costituzionale, il Collegio decidente della Corte d’Appello di Milano doveva, al momento del passaggio della causa in decisione, ritenersi validamente costituito, con conseguente piena scrutinabilita’ della decisione della Corte territoriale.
3) I motivi di ricorso censurano come segue la sentenza d’appello.
3.1) Il primo mezzo deduce: violazione e falsa applicazione degli articoli 92 e 112 c.p.c., in relazione all’articolo 360, comma 1, n. 4, ossia errores in procedendo, nonche’ errata interpretazione della domanda giudiziale, violazione del principio della domanda e della corrispondenza tra chiesto e pronunciato.
3.2) Il secondo motivo censura la sentenza della Corte territoriale per violazione e falsa applicazione dell’articolo 96 c.p.c., comma 2, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, nonche’ contrasto della decisione con i principi affermati da questa Corte segnatamente con l’ordinanza n. 26515 del 09/11/2017.
3.3) Il terzo, e ultimo, motivo, deduce violazione e falsa applicazione degli articoli 92 e 91 c.p.c. e dell’articolo 24 Cost., comma 1 e articolo 111 Cost., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, nonche’ contrasto con la giurisprudenza di questa Corte (segnatamente: Cass. del 15/05/2018, n. 11792 e n. 09532 del 12/04/2017).
4) Nella memoria depositata per l’udienza di discussione la ricorrente avvocato (OMISSIS) ha eccepito la nullita’ della notifica del controricorso, per violazione del termine di quaranta giorni, in quanto notificato il 18/09/2018 a fronte di una notifica del ricorso avvenuta il 24/07/2018 e non applicandosi, nella specie, la sospensione feriale dei termini, trattandosi di causa di opposizione all’esecuzione.
4.1) L’avvocato (OMISSIS) ha dedotto in memoria che l’originario difensore officiato dai controricorrenti, l’avvocato (OMISSIS), le aveva comunicato, dopo avere ricevuto la notifica del ricorso per cassazione, di essere stata cancellata dall’albo degli avvocati dal 05/07/2018, con la conseguenza che ella aveva dovuto procedere a nuova notifica del ricorso che si perfezionava, come sopra evidenziato, il 24/07/2018.
4.2) L’eccezione di tardivita’ della notifica del controricorso e’ infondata, dovendosi applicare la giurisprudenza di questa Corte, nella sua massima espressione nomofilattica (Sez. U. n. 03702 del 13/02/2018) che afferma che, nell’ipotesi di cancellazione del difensore della parte dall’albo degli avvocati, deve privilegiarsi un’interpretazione costituzionalmente orientata dell’articolo 301 c.p.c., che porti ad includere la cancellazione volontaria tra le cause di interruzione del processo, con la conseguenza che il termine d’impugnazione non riprende a decorrere fino al relativo suo venire meno o fino alla sostituzione del difensore che, come nella fattispecie in esame, si sia volontariamente cancellato.
4.3) L’eccezione di cui alla memoria difensiva dell’avvocato (OMISSIS) deve, pertanto, essere rigettata.
3.1.1) Il primo motivo e il secondo motivo di ricorso possono essere congiuntamente scrutinati, in quanto strettamente connessi. 3.1.2) Essi sono infondati.
La sentenza della Corte di Appello di Milano ha affermato che al momento in cui gli esecutanti agivano, ossia notificavano il pignoramento, essi erano muniti di titolo esecutivo costituito dalla sentenza del Tribunale di Milano provvisoriamente esecutiva e dopo l’inizio dell’esecuzione, che era stata necessaria a causa del mancato pagamento delle spese da parte dell’avvocato (OMISSIS), quando il titolo era venuto meno perche’ oggetto di riforma in appello, gli esecutanti avevano offerto in sede giudiziale (cd. offerta banco judicis) le somme fino a quel momento da essi riscosse.
3.1.3) La motivazione offerta dalla Corte territoriale, laddove esclude il radicarsi di responsabilita’ risarcitoria ai sensi dell’articolo 96 comma 2, c.p.c., sul punto e’ concisa ma, comunque, essa non incorre nelle censure di cui all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4, che le vengono mosse dall’avvocato (OMISSIS) e coglie il senso del disposto dell’articolo 96 c.p.c., comma 2.
3.1.4) Alla stregua delle richiamate circostanze fattuali, che verosimilmente non possono formare oggetto di apprezzamento in questa sede di legittimita’, in quanto ricadenti nell’ambito del giudizio di fatto demandato al giudice di merito il primo motivo e il secondo del ricorso dell’avvocato (OMISSIS) – che si inserisce in un contenzioso pluriennale (approdato gia’ almeno tre volte in sede di legittimita’, con esiti alterni, come risulta dalle sentenze della Sez. 2 di questa Corte, tutte richiamate dalla difesa del condominio in controricorso) avente origine dal condominio o supercondominio di (OMISSIS) – debbano essere rigettati, non potendosi ipotizzare, fondatamente, con prognosi ex ante, l’accoglimento dell’impugnazione avverso la sentenza del Tribunale di Milano, cosi’ come affermato dalla giurisprudenza di questa Corte formatasi in relazione al disposto dell’articolo 96 c.p.c., comma 2 (cfr.: Cass. n. 15551 del 17/10/2003 Rv. 567496 – 01): “Per la configurabilita’ del risarcimento del danno da responsabilita’ processuale aggravata ai sensi dell’articolo 96 c.p.c., comma 2, in ipotesi di esecuzione della sentenza di primo grado iniziata o compiuta senza normale prudenza, e’ sufficiente che il creditore abbia fatto ricorso al procedimento esecutivo benche’ nella specifica situazione l’accoglimento del gravame con l’annullamento o la riforma della sentenza posta in esecuzione fosse in concreto sufficientemente probabile e prevedibile; la relativa valutazione spetta al giudice di merito, che deve adeguatamente motivare in ordine alla sussistenza o meno di tale elemento soggettivo”.
Inoltre e’ necessario, secondo la giurisprudenza di questa Corte, alla quale il Collegio presta adesione e intende ribadire, che il creditore procedente abbia agito senza la normale prudenza e abbia proseguito l’intero processo esecutivo senza titolo esecutivo (Cass. n. 17523 del 23/08/2011 Rv. 619216 – 01).
3.2) Il terzo motivo verte sull’ulteriore questione della compensazione delle spese da parte della Corte di Appello.
3.2.1) Il motivo e’ infondato: la Corte territoriale ha affermato che la compensazione delle spese giudiziale era giustificata dalla reciproca soccombenza, in quanto a fronte dell’esito favorevole per l’avvocato (OMISSIS) in ordine alla nullita’ del pignoramento la stessa era soccombente sulla domanda risarcitoria ai sensi dell’articolo 96 c.p.c., comma 2.
5) In conclusione, il ricorso, nel riscontro di ipotesi di infondatezza dei motivi, deve essere rigettato.
6) Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo, tenuto conto del valore della causa e dell’attivita’ processuale espletata.
6.1) Deve esserne disposta distrazione in favore dell’avvocato di parte resistente, che ha reso la dichiarazione di cui all’articolo 93 c.p.c..
7) Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, deve darsi atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis, se eventualmente dovuto (Sez. U. n. 04315 del 20/02/2020).

P.Q.M.

Rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese di lite, che liquida in Euro 5.600,00, oltre Euro 200,00 per esborsi, oltre rimborso forfetario al 15%, oltre CA e IVA per legge, con distrazione in favore dell’avvocato (OMISSIS).
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui