Mantenimento della confisca diretta del denaro anche se il reato è prescritto

21

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 11 febbraio 2019, n. 6348.

La massima estrapolata:

Sì al mantenimento della confisca diretta del denaro – e non di quella per equivalente – anche se reato è prescritto, ma va valutato l’adempimento anche parziale successivo alla disposizione della misura cautelare. Inoltre, per individuare il risparmio di spesa conseguente all’evasione fiscale e quindi il denaro confiscabile da libretti e conti correnti rileva il momento in cui l’imposta era dovuta.

Sentenza 11 febbraio 2019, n. 6348

Data udienza 4 ottobre 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACETO Aldo – Presidente

Dott. DI STASI Antonella – Consigliere

Dott. REYNAUD Gianni Filippo – Consigliere

Dott. CIRIELLO Antonella – Consigliere

Dott. ZUNICA Fabio – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nata a (OMISSIS);
avverso la sentenza del 16-11-2017 della Corte di appello dell’Aquila;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Fabio Zunica;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. MOLINO Pietro, che ha concluso per l’annullamento con rinvio della sentenza impugnata, in accoglimento del terzo motivo del ricorso;
udito per la ricorrente l’avvocato (OMISSIS), sostituto processuale dell’avvocato (OMISSIS), che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza del Tribunale di Teramo del 26 settembre 2014, (OMISSIS), all’esito di rito abbreviato, veniva condannata alla pena, condizionalmente sospesa, di mesi 4 di reclusione in ordine al reato di cui al Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 10 ter, perche’, quale amministratore della societa’ (OMISSIS) s.r.l., con sede legale in (OMISSIS), non versava l’imposta sul valore aggiunto dovuta in base alla dichiarazione annuale del 2007, pari a Euro 257.477,00, entro il termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo di imposta successivo, fatto commesso in (OMISSIS) il (OMISSIS). Con la medesima sentenza, veniva altresi’ disposta la confisca di quanto in sequestro.
Con sentenza del 16 novembre 2017, la Corte di appello dell’Aquila, in parziale riforma della sentenza di primo grado, dichiarava non doversi procedere nei confronti dell’imputata in ordine al reato a lei ascritto, in quanto estinto per prescrizione, e revocava parzialmente la confisca dei beni sequestrati, limitatamente ai soli beni immobili, ordinando la restituzione degli stessi in favore dell’imputata e confermando nel resto.
2. Avverso la sentenza della Corte di appello abruzzese, la (OMISSIS), tramite il difensore, ha proposto ricorso per cassazione, sollevando tre motivi.
Con il primo motivo, la difesa deduce la violazione degli articoli 240 e 322 ter c.p.p., L. n. 244 del 2007, articolo 1, comma 143, e Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 10 ter, osservando che la Corte di appello, qualificando come suscettibili di confisca diretta le provviste di denaro giacenti sui conti correnti e libretti di deposito nella titolarita’ dell’imputata, aveva omesso di stabilire cosa dovesse intendersi per profitto del reato, derivante dall’omesso versamento dell’iva alla scadenza del 27 dicembre 2008, non essendo stato compiuto alcun accertamento volto a chiarire se le somme di denaro sequestrato sui conti correnti nella disponibilita’ della (OMISSIS) nell’agosto 2012 corrispondessero a quelle esistenti alla data del 27 dicembre 2008, o comunque se, a quest’ultima data, i relativi conti presentassero e in che misura dei saldi attivi, non potendosi qualificare come profitto diretto l’accrescimento di liquidita’ che si manifesti in un momento successivo al termine di versamento dell’imposta, cio’ in coerenza con i principi affermati da questa Corte (Sez. 3, sentenza n. 28223 del 09/02/2016).
La difesa osserva che, ove i giudici di appello avessero compiuto la verifica prima indicata, avrebbero accertato che, alla data del 30 settembre 2008, il saldo attivo del conto corrente dell’imputato ammontava a Euro 6.592,97, mentre le somme rinvenute sul conto corrente al momento del sequestro (24 agosto 2012) non potevano provenire da risorse finanziarie dell’azienda, posto che il 30 aprile 2009, poco dopo la scadenza del termine per il versamento dell’iva, la societa’ (OMISSIS) aveva presentato istanza di ammissione al concordato preventivo.
Con il secondo motivo, la ricorrente lamenta la violazione degli articolo 597 c.p.c., comma 3, e articolo 603 c.p.p., comma 3, rilevando che la Corte di appello aveva indebitamente riqualificato la tipologia di confisca adottata, ritenendola come diretta, sebbene la stessa sia stata disposta per equivalente, senza che sul punto il Tribunale di Teramo sia intervenuto a modificare la natura del sequestro; la diversa qualificazione giuridica operata dalla Corte di appello e’ invece avvenuta senza alcuna assunzione di prove volte a definire la natura dei beni mobili confiscati e peraltro in presenza della declaratoria di estinzione del reato e in difetto di alcuna prova circa la corrispondenza numeraria tra il profitto del reato e le somme di cui e’ stata disposta la confisca, non risultando dimostrata in particolare la sovrapponibilita’ tra il saldo attivo al momento del sequestro (agosto 2012) e quello all’epoca della consumazione del reato (dicembre 2008).
Con il terzo motivo, infine, viene censurata la violazione del Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 12 bis, e l’omessa e contraddittoria motivazione circa la residualita’ di risparmio fiscale qualificabile come profitto del reato, contestandosi l’affermazione della sentenza impugnata che ha ritenuto irrilevante, ai fini della revoca della confisca, che fosse stata restituita nella sede fallimentare l’imposta evasa, dovendosi riconoscere efficacia liberatoria anche al ripianamento del debito erariale in pendenza del fallimento, mentre la Corte territoriale anche in tal caso non ha specificato se e in che misura la somma in sequestro appartenga effettivamente al genus del profitto del reato nel senso prima chiarito.

CONSIDERATO IN DIRITTO

La sentenza impugnata deve essere annullata limitatamente alla confisca, con rinvio per nuovo esame alla Corte di appello di Perugia.
1. Premesso che i primi due motivi di ricorso possono essere trattati unitariamente, riguardando, sotto profili distinti ma sovrapponibili, la statuizione sulla confisca, occorre preliminarmente richiamare le coordinate interpretative tracciate dalla giurisprudenza di legittimita’ in tema di confisca nei reati tributari. Al riguardo, deve innanzitutto rilevarsi che, a seguito dell’introduzione della L. 24 dicembre 2007, n. 244, articolo 1, comma 14, anche rispetto ai reati tributari e’ divenuto applicabile l’istituto della confisca per equivalente di cui all’articolo 322 ter c.p., originariamente introdotto dalla L. 29 settembre 2000, n. 300, articolo 31, per il solo delitto di corruzione ex articolo 321 c.p.. Ora la previsione del 2007, che era formulata attraverso la tecnica del richiamo all’articolo 322 ter c.p., ha trovato autonoma collocazione nel Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 12 bis, (inserito dal Decreto Legislativo n. 158 del 2015, articolo 10), il cui primo comma dispone che “nel caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell’articolo 444 c.p.p., per uno dei delitti previsti dal presente decreto, e’ sempre ordinata la confisca dei beni che ne costituiscono il profitto o il prezzo, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero, quando essa non e’ possibile, la confisca di beni, di cui il reo ha la disponibilita’, per un valore corrispondente a tale prezzo o profitto”.
Dunque, come ribadito da questa Corte (cfr. Sez. 3, n. 55482 del 20/07/2017, Rv. 271987), la confisca per equivalente deve essere obbligatoriamente disposta con la sentenza di condanna o di patteggiamento, anche in mancanza di sequestro, senza che cio’ comporti alcuna violazione del diritto di difesa, potendo il destinatario ricorrere al giudice dell’esecuzione qualora si ritenga pregiudicato dai criteri adottati dal Pubblico Ministero nella selezione dei cespiti da confiscare. Deve tuttavia precisarsi che l’applicabilita’ della confisca per equivalente incontra un limite nell’eventuale declaratoria di estinzione del reato per prescrizione.
Le Sezioni Unite di questa Corte (con la sentenza 31617 del 26/06/2015, Rv. 264437, ric. Lucci), hanno infatti affermato il principio secondo cui il giudice, nel dichiarare l’estinzione del reato per intervenuta prescrizione, puo’ applicare, a norma dell’articolo 240 c.p., comma 2, n. 1, la confisca del prezzo del reato e, a norma dell’articolo 322 ter c.p., la confisca del prezzo o del profitto del reato, sempre che si tratti di confisca diretta e vi sia stata una precedente pronuncia di condanna, rispetto alla quale il giudizio di merito permanga inalterato quanto alla sussistenza del reato, alla responsabilita’ dell’imputato e alla qualificazione del bene da confiscare come profitto o prezzo del reato.
All’esito di un articolato percorso argomentativo, contraddistinto da un costante confronto con la giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo (sentenze Varvara e Sud Fondi c. Italia in particolare) e della Corte costituzionale (sentenza n. 49 del 2015), le Sezioni Unite hanno infatti evidenziato che la confisca diretta del profitto desunto dal reato non presenta, nel caso disciplinato dall’articolo 322 ter c.p., natura giuridica diversa dalla confisca del prezzo del reato, che a sua volta non presenta connotazioni di tipo punitivo, dal momento che in tal caso il patrimonio dell’imputato non viene intaccato in misura eccedente il pretium sceleris, direttamente desunto dal fatto illecito, e rispetto al quale l’interessato non avrebbe neppure titolo civilistico alla ripetizione, essendo frutto di un negozio contrario a norme imperative; al provvedimento di ablazione fa dunque difetto una finalita’ tipicamente repressiva, posto che l’acquisizione all’Erario finisce per riguardare una res che l’ordinamento ritiene non possa essere trattenuta dal suo avente causa, in quanto, per un verso, rappresentando la retribuzione per l’illecito, non e’ mai legalmente entrata a far parte del patrimonio del reo, mentre, sotto altro e corrispondente profilo, proprio per la specifica illiceita’ della causa negoziale da cui essa origina, assume i connotati della pericolosita’ intrinseca, non diversa dalle cose di cui e’ in ogni caso imposta la confisca, ai sensi dell’articolo 240 c.p., comma 2, n. 2.
La logica che coinvolge e giustifica l’obbligatoria confisca del prezzo del reato in base alla generale previsione dettata dall’articolo 240 c.p., comma 2, e’ stata ritenuta non dissimile da quella che ha indotto il legislatore a introdurre previsioni speciali di confisca obbligatoria anche del profitto del reato, venendo in rilievo il comune profilo del lucro desunto dal reato, inteso come vantaggio economico ottenuto in via diretta e immediata dalla commissione del reato, e quindi legato da un rapporto di pertinenzialita’ diretta con l’illecito penale.
Si giustifica in tal modo l’attrazione, accanto al prezzo, anche del profitto del reato, all’interno di un nucleo unitario di finalita’ rispristinatoria dello status quo ante, secondo la medesima prospettiva volta a sterilizzare, in funzione essenzialmente preventiva, tutte le utilita’ che il reato, a prescindere dalle relative forme e dal relativo titolo, puo’ aver prodotto in capo al suo autore.
Di qui la conclusione che il concetto di “condanna” necessario e sufficiente per procedere alla confisca anche nell’ipotesi in cui sia successivamente intervenuta la prescrizione del reato, deve essere “modulato”, per entrambe le figure di ablazione, in termini fra loro del tutto sovrapponibili, occorrendo cioe’ che l’accertamento della responsabilita’ confluisca in una pronuncia che, non solo sostanzialmente, ma anche formalmente, la dichiari, con la conseguenza che l’esistenza del reato, la circostanza che l’autore dello stesso abbia conseguito un vantaggio patrimoniale e che questo abbia rappresentato il prezzo o il profitto del reato stesso, devono aver formato oggetto di una condanna, i cui termini essenziali non abbiano, nel corso del giudizio, subito mutazioni quanto alla sussistenza di un accertamento “al di la’ di ogni ragionevole dubbio”.
L’intervento della prescrizione, dunque, per poter consentire il mantenimento della confisca, deve rivelarsi quale formula terminativa del giudizio anodina in punto di responsabilita’, finendo in tal modo per “confermare” la preesistente (e necessaria) pronuncia di condanna, secondo una prospettiva non dissimile da quella tracciata dall’articolo 578 c.p.p., in tema di decisione sugli effetti civili nel caso di sopravvenuta declaratoria di estinzione del reato per prescrizione.
Un discorso diverso vale invece per la confisca per equivalente, che assolve una funzione sostanzialmente ripristinatoria della situazione economica, modificata in favore del reo dalla commissione del fatto illecito, mediante l’imposizione di un sacrificio patrimoniale di corrispondente valore a carico del responsabile ed e’ pertanto connotata dal carattere afflittivo e da un rapporto consequenziale alla commissione del reato proprio della sanzione penale, mentre esula dalla stessa qualsiasi funzione di prevenzione che costituisce la finalita’ principale delle misure di sicurezza, essendo in definitiva la confisca di valore parametrata al profitto o al prezzo dell’illecito solo da un punto di vista “quantitativo”, per cui la stessa non puo’ che essere disposta solo all’esito di un giudizio di condanna, dovendosi appunto declinare la funzione della misura in chiave marcatamente sanzionatoria.
2. Cio’ posto, assume dunque particolare rilievo l’individuazione dell’ambito di confiscabilita’ del profitto nei reati tributari, inteso come qualsivoglia vantaggio patrimoniale conseguito alla consumazione del reato, che puo’ consistere anche in un “risparmio di spesa”, corrispondente cioe’ al mancato decremento del patrimonio del debitore che non adempie tempestivamente all’obbligazione tributaria (cfr. Sez. Un., n. 18374 del 31/01/2013, Rv. 255036, ric. Adami).
Ed invero, premesso che il profitto e’ confiscabile sia in forma diretta, ai sensi della generale previsione di cui all’articolo 240 c.p., che per equivalente (Sez. 3, n. 23108 del 23/04/2013, Rv. 255446), e’ stato affermato che la confisca diretta del profitto di reato e’ comunque istituto ben distinto dalla confisca per equivalente (Sez. Un., n. 10561 del 30/01/2014, Rv. 258648, ric. Gubert).
La distinzione assume importanza soprattutto con riferimento al sequestro del denaro, bene fungibile per eccellenza, rispetto al quale si pone il problema di stabilire se lo stesso sia suscettibile di confisca diretta o per equivalente e di verificare, di conseguenza, se lo stesso possa essere oggetto di apprensione senza dover dimostrare l’esistenza di un nesso pertinenziale tra bene e reato, ovvero una relazione diretta tra il bene sequestrato e il reato del quale costituiva il profitto illecito, inteso quale utilita’ acquisita mediante la condotta criminosa.
A fronte di una pluralita’ di orientamenti che pervenivano a differenti conclusioni, vi e’ stato anche in materia l’intervento delle Sezioni Unite di questa Corte (con la gia’ citata sentenza n. 31617 del 26/06/2015, Rv. 264437) che, sviluppando un concetto invero gia’ espresso dalla sentenza n. 10561 del 30/01/2014, ric. Gubert, hanno evidenziato che, ove il profitto o il prezzo del reato sia rappresentato da una somma di denaro, questa, non soltanto si confonde automaticamente con le altre disponibilita’ economiche dell’autore del fatto, ma perde, per il fatto stesso di essere ormai divenuta una appartenenza del reo, qualsiasi connotato di autonomia quanto alla relativa identificabilita’ fisica.
Non avrebbe infatti alcuna ragione d’essere, ne’ sul piano economico ne’ su quello giuridico, la necessita’ di accertare se la massa monetaria percepita quale profitto o prezzo dell’illecito sia stata spesa, occultata o investita: cio’ che conta e’ che le disponibilita’ monetarie del percipiente si siano accresciute di quella somma, legittimando, dunque, la confisca in forma diretta del relativo importo, ovunque o presso chiunque custodito nell’interesse del reo, per cui a rilevare e’ la prova della percezione illegittima della somma, non la sua materiale destinazione. Soltanto quindi nelle ipotesi in cui sia impossibile la confisca di denaro, sorge la eventualita’ di dare luogo a una confisca degli altri beni di cui disponga l’imputato e per un valore corrispondente a quello del prezzo o del profitto del reato, giacche’ in tal caso si avrebbe quella necessaria novazione soggettiva che costituisce il naturale presupposto per poter procedere alla confisca di valore.
Nel solco dei principi elaborati dalle Sezioni Unite, il tema e’ stato ulteriormente approfondito da due successive pronunce di questa Corte (Sez. 3, n. 28223 del 09/02/2016 non mass. e Sez. 3, n. 8995 del 30/10/2017, Rv. 272353), con le quali, applicando a contrario i principi sopra richiamati, si e’ anche precisato che la natura fungibile del denaro non consente pero’ la confisca diretta delle somme depositate su conto corrente bancario del reo, ove si abbia la prova che le stesse non possano in alcun modo derivare dal reato e costituire, pertanto, profitto dell’illecito, come ad esempio nel caso in cui le predette somme siano corrispondenti a rimesse effettuate da terzi successivamente alla scadenza del termine per il versamento delle ritenute in esecuzione di un concordato preventivo, di talche’ le stesse neppure possono, evidentemente, rappresentare il risultato della mancata decurtazione del patrimonio quale conseguenza del mancato versamento delle imposte (in altri termini del “risparmio di imposta”). In quest’ottica, ipotizzando che il contribuente sia titolare di un rapporto di conto corrente bancario o postale che, alla scadenza del termine per il pagamento dell’imposta, presenti un saldo negativo, e’ chiaro che il denaro versato successivamente non puo’ essere ritenuto “profitto” del reato, ma unita’ di misura equivalente al debito tributario scaduto e non onorato. Qualora invece il conto bancario o postale presenti, alla scadenza, saldi attivi, il profitto dell’omesso versamento dell’imposta equivale al correlativo mancato decremento del saldo. In definitiva, la natura fungibile del denaro non e’ sufficiente in questi casi a qualificare di per se’ come “profitto” l’oggetto del sequestro, essendo necessario anche provare che la disponibilita’ della somma successivamente sequestrata costituisca essa stessa risparmio di spesa conseguito con il mancato versamento dell’imposta o che si tratti di liquidita’ rimasta nella disponibilita’ del contribuente. Tali puntualizzazioni, come detto, non si pongono in contrasto con i principi elaborati dalle Sezioni Unite con le sentenze n. 10561 del 2014 (ric. Gubert) e n. 31617 del 2015 (ric. Lucci), ma al contrario ne costituiscono un’applicazione, riferita in particolare alla peculiare tipologia dei reati tributari contraddistinti, come nel caso del Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articoli 10 bis e 10 ter, dall’omesso versamento di imposte dovute in base a specifiche dichiarazioni del contribuente.
3. Orbene, alla stregua di tali premesse condivise ermeneutiche, possono essere ora affrontati i primi due motivi di ricorso.
Al riguardo, precisato che la sentenza impugnata, confrontandosi con le censure difensive in punto di responsabilita’ dell’imputata, ha dichiarato l’estinzione per prescrizione del reato (omesso versamento dell’iva) per cui la (OMISSIS) era stata condannata in primo grado, deve ritenersi innanzitutto corretta la decisione della Corte territoriale di revocare parzialmente la confisca dei beni sequestrati con decreto del G.I.P. di Teramo il 24 agosto 2012, limitatamente ai beni immobili, risultando questi ultimi inquadrabili nello schema della confisca per equivalente.
Alla luce dei principi elaborati dalle Sezioni Unite con la sentenza n. 31617 del 2015 (ric. Lucci), non sarebbe stato infatti possibile il mantenimento della confisca in caso di declaratoria di estinzione del reato per prescrizione.
Viceversa, stante la sostanziale conferma del giudizio di colpevolezza della (OMISSIS), deve ritenersi consentita la sola confisca diretta del profitto del reato.
Ribadita la correttezza di tale affermazione, occorre tuttavia verificare se, nel caso di specie, la qualificazione come profitto del reato degli altri beni sequestrati (in particolare del denaro), con conseguente operativita’ della confisca diretta, sia stata compiuta in coerenza con i canoni interpretativi in precedenza individuati. Come detto, infatti, per accertare se il denaro costituisce profitto, cioe’ risparmio di spesa, del reato di omesso versamento (e sia quindi aggredibile in via diretta), e’ necessario avere riguardo esclusivamente alle disponibilita’ liquide giacenti sui conti del contribuente al momento della scadenza del termine previsto per il pagamento del debito tributario, avuto riguardo ovviamente non all’identita’ fisica delle somme, ma al loro valore numerarlo, che potra’ essere oggetto di sequestro (e poi di confisca) in via diretta, solo se di segno positivo sia al momento della scadenza del termine per il versamento dell’imposta, che del sequestro, con l’ulteriore conseguenza che il profitto non puo’ essere mai considerato “diretto” per la parte eccedente il saldo alla data della scadenza del termine di pagamento, anche se non corrispondente all’ammontare dell’imposta evasa.
Orbene, tale verifica e’ del tutto mancata nella sentenza impugnata, avendo i giudici di appello operato solo un generico richiamo alla nozione di profitto del reato tributario, senza tuttavia alcun riferimento ne’ alla tipologia dei beni mobili sequestrati, ne’ alla loro consistenza alla scadenza del termine per onorare il debito tributario (27 dicembre 2008) e al successivo momento del sequestro.
In definitiva, se puo’ ritenersi corretta la conferma della confisca unicamente rispetto ai beni sequestrati in via diretta e non per equivalente, non ravvisandosi peraltro alcuna violazione del diritto di difesa sul punto, trattandosi di una legittima opzione ermeneutica riservata ai giudici di merito e di per se’ inidonea a concretizzare alcuna reformatio in peius, deve viceversa ritenersi carente la motivazione della sentenza impugnata, relativamente alla qualificazione come confisca diretta del profitto del reato rispetto agli altri beni mobili sequestrati, essendo mancata al riguardo un’adeguata valutazione di merito, nei limiti che sono stati sin qui esposti, in ordine all’entita’ dei beni oggetto di cautela reale e alla loro effettiva disponibilita’ (e all’ammontare) sia al momento della scadenza del termine per il versamento dell’imposta dovuta, sia alla data del sequestro.
4. Ulteriore profilo di criticita’ del provvedimento impugnato deve essere infine individuato nella parte in cui e’ stato ritenuto irrilevante il successivo versamento dell’iva non versata nell’anno di imposta contestato (2007).
Al riguardo deve infatti evidenziarsi che il Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 12 bis, dopo aver ribadito al comma 1, in una veste piu’ organica rispetto all’originario L. n. 244 del 2007, articolo 1, comma 143, l’applicabilita’ dell’istituto della confisca per equivalente nell’ambito dei reati tributari, ha introdotto al comma 2, l’ulteriore previsione secondo cui “la confisca non opera per la parte che il contribuente si impegna a versare all’Erario anche in presenza di sequestro. Nel caso di mancato versamento la confisca e’ sempre disposta”.
Non puo’ quindi affermarsi che il sopravvenuto versamento dell’imposta sia privo di rilievo ai fini del mantenimento della confisca, tanto piu’ ove si consideri che la norma sopra indicata non contiene un espresso riferimento agli interessi e alle sanzioni, dovendosi solo precisare che, come gia’ evidenziato da questa Sezione (sentenze n. 28225 del 09/02/2016, Rv. 267334 e n. 5728 del 14/01/2016, Rv. 266037), la previsione di cui al Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 12 bis, si riferisce alle assunzioni di impegno nei termini riconosciuti e ammessi dalla legislazione tributaria di settore, come l’accertamento con adesione, la conciliazione giudiziale, la transazione fiscale, l’attivazione di procedure di rateizzazione automatica o a domanda, procedure queste nelle quali il computo e l’onere di versamento di sanzioni e interessi possono venire anche calibrati diversamente. Ne’ comunque appare pertinente il richiamo della sentenza alla necessita’ di considerare “la totalita’ del credito vantato dall’Erario”, contemplando la predetta norma un meccanismo di non operativita’ della confisca ricollegabile potenzialmente anche a versamenti parziali del debito tributario (“la confisca non opera per la parte che il contribuente si impegna a versare all’Erario…”).
Anche sotto tale aspetto, al di la’ delle considerazioni in precedenza formulate circa la qualificazione giuridica dei beni eventualmente suscettibili di confisca diretta, la sentenza impugnata non si sottrae pertanto alle censure difensive.
5. In conclusione, alla luce di quanto sinora esposto, la sentenza impugnata deve essere annullata limitatamente alla statuizione sulla confisca, con rinvio per nuovo giudizio sul punto alla Corte di appello di Perugia.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata limitatamente alla confisca e rinvia per nuovo giudizio sul punto alla Corte di appello di Perugia.

Per aprire la mia pagina facebook @avvrenatodisa
cliccare qui