L’intervenuta acquisizione del bene al patrimonio comunale

44

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 28 aprile 2020, n. 13147.

Massima estrapolata:

L’intervenuta acquisizione del bene al patrimonio comunale non è ostativa all’emissione dell’ordine giudiziale di demolizione, in quanto anche lo scopo dell’acquisizione è quello di provvedere all’eliminazione del manufatto abusivo, a meno che il consiglio comunale abbia manifestato la volontà di non procedere alla demolizione per l’esistenza di prevalenti interessi pubblici. Pertanto, anche nel caso di acquisizione del bene al patrimonio comunale, il giudice penale ha il potere di eseguire la demolizione del manufatto abusivo, disposto dalla sentenza di condanna ex art. 31 del dPR 6 giugno 2001 n. 380, fatto salvo dall’eventuale contrasto con il potere amministrativo di prevalenti interessi pubblici.

Sentenza 28 aprile 2020, n. 13147

Data udienza 19 febbraio 2020

Tag – parola chiave: EDILIZIA ED URBANISTICA – DEMOLIZIONE

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NICOLA Vito – Presidente

Dott. RAMACCI Luca – rel. Consigliere

Dott. LIBERATI Giovanni – Consigliere

Dott. SEMERARO Luca – Consigliere

Dott. CORBETTA Stefano – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
avverso l’ordinanza del 02/05/2019 del TRIBUNALE di CATANIA;
udita la relazione svolta dal Consigliere RAMACCI LUCA;
lette le conclusioni del PG, chiede l’inammissibilita’ del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Il Tribunale di Catania, quale giudice dell’esecuzione, con ordinanza del 2 maggio 2019 ha rigettato l’istanza di revoca o sospensione dell’ordine di demolizione n. 101/2011, emesso dal Pubblico Ministero il 20 novembre 2017 in esecuzione della sentenza n. 44/2011 del Tribunale di Catania – Sezione distaccata di Belpasso del 28 aprile 2011, irrevocabile il 27 giugno 2011, con la quale (OMISSIS) era stato condannato alla pena di sei mesi di arresto ed Euro 20.000,00 di ammenda.
Avverso tale pronuncia il predetto propone ricorso per cassazione tramite il proprio difensore di fiducia, deducendo i motivi di seguito enunciati.
2. Con un primo motivo di ricorso deduce l’impossibilita’ di eseguire l’ordine di demolizione in quanto, prima ancora della sentenza di condanna, sarebbe intervenuta l’acquisizione del bene al patrimonio del comune a seguito di inottemperanza di ingiunzione alla demolizione.
3. Con un secondo motivo di ricorso deduce l’impossibilita’ di eseguire l’ordine di demolizione in quanto la sentenza di condanna non puo’ avere efficacia di giudicato nei confronti di soggetti diversi dall’imputato.
Assume, a tale proposito, che l’esecuzione dell’ordine di demolizione pregiudicherebbe i diritti della moglie del ricorrente, comproprietaria del terreno rimasta estranea al processo e dei figli, divenuti proprietari a seguito del decesso della madre.
4. Con un terzo motivo di ricorso deduce la prescrizione dell’ordine di demolizione dopo cinque anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna.
Insiste, pertanto, per l’accoglimento del ricorso.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso e’ inammissibile.
2. Occorre rilevare, con riferimento al primo motivo di ricorso, come la giurisprudenza di questa Corte abbia avuto modo di precisare, in piu’ occasioni, che l’intervenuta acquisizione del bene al patrimonio comunale non e’ ostativa all’emissione dell’ordine giudiziale di demolizione, in quanto anche lo scopo dell’acquisizione e’ quello di provvedere all’eliminazione del manufatto abusivo, a meno che il consiglio comunale abbia manifestato la volonta’ di non procedere alla demolizione per l’esistenza di prevalenti interessi pubblici, circostanza, questa, che non risulta in alcun modo documentata (cosi’ Sez. 3, n. 26149 del 9/6/2005, Barbadoro, Rv. 231941. Conf. Sez. 3, n. 37120 del 8/7/2003, Bommarito, Rv. 226321. V. anche Sez. 3, n. 41051 del 15/9/2015, Fantaccini, Rv. 264976).
3. Quanto al secondo motivo di impugnazione, va ricordato come si sia stabilito che l’esecuzione dell’ordine di demolizione, impartito dal giudice a seguito dell’accertata edificazione in violazione di norme urbanistiche, non e’ escluso dall’alienazione del manufatto abusivo a terzi, anche se intervenuta anteriormente all’ordine medesimo, cio’ in quanto tale ordine, avendo carattere reale, ricade direttamente sul soggetto che e’ in rapporto con il bene a prescindere dagli atti traslativi intercorsi, con la sola conseguenza che l’acquirente, se estraneo all’abuso, potra’ rivalersi nei confronti del venditore a seguito dell’avvenuta demolizione (cfr., da ultimo, Sez. 3 n. 45848 del 1/10/2019, Cannova, Rv. 277266 cui si rinvia per i richiami ai precedenti).
Per la sua natura, dunque, l’ordine di demolizione dell’immobile abusivo e’ legittimamente adottato nei confronti del proprietario dell’immobile indipendentemente dall’essere egli stato anche autore dell’abuso e, come pure e’ stato affermato, esso spiega i suoi effetti anche nei confronti degli eredi del condannato (Sez. 3, n. 40675 del 20/5/2016, Marranzini, non massimata; Sez. 3 n. 42699 del 7/7/2015, Curcio, Rv. 265193; Sez. 3, n. 12976 del 17/12/2014 (dep. 2015), Russolillo, non massimata; Sez. 3 n. 12976 del 7/7/2015, Renis, non massimata; Sez. 3, n. 16687 del 5/3/2009, Romano, Rv. 243405; Sez. 3, n. 3720 del 24/11/1999 (dep. 2000), Barbadoro, Rv. 215601).
4. Per cio’ che concerne, infine, la dedotta soggezione a prescrizione dell’ordine di demolizione di cui tratta il terzo motivo di ricorso, si e’ gia’ affermato che la demolizione del manufatto abusivo, anche se disposta dal giudice penale ai sensi dell’articolo 31, comma 9, qualora non sia stata altrimenti eseguita, ha natura di sanzione amministrativa che assolve ad un’autonoma funzione ripristinatoria del bene giuridico leso, configura un obbligo di fare, imposto per ragioni di tutela del territorio, non ha finalita’ punitive ed ha carattere reale, producendo effetti sul soggetto che e’ in rapporto con il bene, indipendentemente dall’essere stato o meno quest’ultimo l’autore dell’abuso. Per tali sue caratteristiche, la demolizione non puo’ ritenersi una “pena” nel senso individuato dalla giurisprudenza della Corte EDU e non e’ soggetta alla prescrizione stabilita dall’articolo 173 c.p. (Sez. 3, n. 49331 del 10/11/2015, P.M. in proc. Delorier, Rv. 265540).
A tale decisione, che richiama i numerosi precedenti conformi, ha fatto seguito altra pronuncia che, nel pervenire alle medesime conclusioni, ha ritenuto manifestamente infondata la questione di legittimita’ costituzionale, per violazione degli articoli 3 e 117 Cost., del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, articolo 31, per mancata previsione di un termine di prescrizione dell’ordine di demolizione del manufatto abusivo disposto con la sentenza di condanna, ribadendo che le caratteristiche di detta sanzione amministrativa – che assolve ad una funzione ripristinatoria del bene leso, configura un obbligo di fare per ragioni di tutela del territorio, non ha finalita’ punitive ed ha carattere reale, producendo effetti sul soggetto che si trova in rapporto con il bene, anche se non e’ l’autore dell’abuso – non consentono di ritenerla “pena” nel senso individuato dalla giurisprudenza della Corte EDU e, pertanto, e’ da escludere sia la irragionevolezza della disciplina che la riguarda rispetto a quella delle sanzioni penali soggette a prescrizione, sia una violazione del parametro interposto di cui all’articolo 117 Cost. (Sez. 3, n. 41475 del 3/5/2016, Porcu, Rv. 267977. Conf. Sez. 3 n. 3979 del 21/9/2018 (dep.2019), Cerra, Rv. 275850).
Di tali indirizzi interpretativi ha correttamente tenuto conto il Tribunale, mentre il ricorrente non si confronta minimamente con le argomentazioni sviluppate nell’impugnato provvedimento, limitandosi a proporre del tutto apoditticamente censure manifestamente infondate.
5. Il ricorso, conseguentemente, deve essere dichiarato inammissibile e alla declaratoria di inammissibilita’ consegue l’onere delle spese del procedimento, nonche’ quello del versamento, in favore della Cassa delle ammende, della somma, equitativamente fissata, di Euro 2.000,00.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del procedimento e della somma di Euro 2.000,00 (duemila) in favore della Cassa delle ammende.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui