In tema di risarcimento dei danni da responsabilità civile

142

Corte di Cassazione, sezione sesta (terza) civile, Ordinanza 23 aprile 2020, n. 8058.

La massima estrapolata:

In tema di risarcimento dei danni da responsabilita’ civile, il danneggiato, a fronte di un unitario fatto illecito, lesivo di cose e persone, non puo’ frazionare la tutela giudiziaria, agendo separatamente innanzi al giudice di pace e al tribunale in ragione delle rispettive competenze per valore, neppure mediante riserva di far valere ulteriori e diverse voci di danno in altro procedimento, trattandosi di condotta che aggrava la posizione del danneggiante-debitore, ponendosi in contrasto al generale dovere di correttezza e buona fede e risolvendosi in un abuso dello strumento processuale

Ordinanza 23 aprile 2020, n. 8058

Data udienza 16 gennaio 2020

Tag – parola chiave: Responsabilità da circolazione stradale – Risarcimento dei danni non patrimoniali derivanti dal sinistro stradale – Genericità ed apoditticità dei motivi di censura – Inammissibilità

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE TERZA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco – Presidente

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 28274-2018 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS) presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) SPA, in persona del Procuratore pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
contro
(OMISSIS);
– intimato –
avverso la sentenza n. 993/2018 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI, depositata il 28/02/2018;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 16/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa PELLECCHIA ANTONELLA.

RILEVATO

che:
Il 02/12/2009 (OMISSIS) conveniva in giudizio (OMISSIS) e la (OMISSIS) s.p.a., al fine di ottenere la condanna al risarcimento dei danni non patrimoniali derivanti dal sinistro stradale avvenuto il 16 ottobre 2005, allorquando, mentre percorreva la strada provinciale 9 in Vallata a bordo del suo motoveicolo, veniva tamponato dal motociclo del convenuto, cadendo rovinosamente al suolo.
Il Tribunale di Napoli, sezione distaccata di Tarano, con sentenza n. 341 del 14.06.2013 dichiarava improcedibile la domanda per abuso del processo, sul presupposto che l’attore aveva illegittimamente frazionato la pretesa creditoria, avendo gia’ proposto domanda innanzi al giudice di pace per ottenere il risarcimento dei danni al motociclo derivanti dal medesimo incidente.
(OMISSIS) proponeva appello, lamentando l’erroneita’ della pronuncia, in quanto il Tribunale non aveva considerato che il procedimento innanzi al Giudice di Pace gli avrebbe consentito di ottenere in tempi molto piu’ brevi il risarcimento del danno, necessario per poter ripartire il mezzo incidentato.
2. La Corte d’appello di Napoli, con sentenza n. 993/2018 del 28 febbraio 2018. rigettava il gravame proposto, compensando le spese.
La corte territoriale, ponendo alla base della sua decisione Cass. Sez. U. n. 4090 del 2017, ha ritenuto che, nel caso di specie, non sussistesse un interesse oggettivamente valutabile che giustificasse la scelta dell’attore di frazionare la sua pretesa risarcitoria, proposta dapprima dinanzi al Giudice di Pace per il danno patrimoniale e poi al Tribunale per il danno alla persona. Infatti, l’interesse all’immediato ristoro del danno alla cosa andava considerato piuttosto in un’ottica soggettivistica dello stesso, che nulla aveva a che fare con una necessita’ derivante dal sistema generale di tutela processuale dei diritti e dunque non era tale da giustificare il frazionamento.
Difatti, la tutela assicurata da un Giudice di pace al danneggiato di un sinistro stradale non poteva in astratto ritenersi piu’ efficace e piu’ rapida di quella chiesta ad un tribunale, operando in entrambi le medesime regole processuali.
Peraltro, la Corte ha ritenuto non sussistere, nel caso di specie, i presupposti per la condanna ai sensi dell’articolo 96 c.p.c., comma 3, non risultando l’iniziativa giudiziale connotata dalla mala fede o dalla colpa grave: ed ha accolto limitatamente al relativo capo l’appello dell’odierno ricorrente.
3. Avverso tale pronuncia (OMISSIS) ricorre in cassazione, sulla base di un unico motivo. (OMISSIS) s.p.a. resiste con controricorso.
4. E’ stata depositata in cancelleria ai sensi dell’articolo 380-bis c.p.c., e regolarmente notificata ai difensori delle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza, la proposta di inammissibilita’ del ricorso. La controricorrente ha depositato memoria.

CONSIDERATO

che:
5. Con l’unico motivo di ricorso, parte ricorrente lamenta la “violazione e falsa applicazione del divieto dell’abuso del processo, corrispondente al principio di diritto nomofilattico espresso della Corte Suprema, e degli articoli 2 e 111 Cost., articolo 1175 c.c., articolo 1375 c.c., articolo 100 c.p.c., nonche’ della disciplina del procedimento innanzi al giudice di pace: articoli 311- 322 c.p.c. in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3.”.
La Corte sarebbe incorsa in errore laddove avrebbe affermato che il procedimento davanti al giudice di pace non ha caratteristiche strutturali previste per renderlo piu’ veloce rispetto a quello dinanzi al Tribunale.
Al contrario, infatti, il procedimento dinanzi al giudice di pace sarebbe improntato a garantire una maggiore celerita’ rispetto al processo dinanzi al tribunale. Pertanto, il frazionamento del credito con una duplice domanda, di cui una proposta innanzi al giudice di pace per ottenere la condanna per i danni a cose in tempi piu’ rapidi di quelli che sarebbero stati necessari al tribunale, non costituirebbe abuso ma, al contrario, un uso del processo che, avuto riguardo all’interesse del creditore, sarebbe addirittura migliore.
6. Il ricorso e’ manifestamente infondato e, pertanto, inammissibile ai sensi dell’articolo 360-bis, n. 1, c.p.c..
Infatti la Corte d’appello di Napoli ha fatto corretta applicazione dei principi di questa Corte Suprema, richiamando la pronuncia a SS.UU. n. 4090/2017.
Invero, ancor piu’ nello specifico, “in tema di risarcimento dei danni da responsabilita’ civile, il danneggiato, a fronte di un unitario fatto illecito produttivo di danni a cose e persone, non puo’ frazionare la tutela giudiziaria, agendo separatamente per il risarcimento dei relativi danni, neppure mediante riserva di farne valere ulteriori e diversi in altro procedimento, trattandosi di condotta che aggrava la posizione del danneggiante-debitore, ponendosi in contrasto con il generale dovere di correttezza e buona fede e risolvendosi in un abuso dello strumento processuale, salvo che risulti in capo all’attore un interesse oggettivamente valutabile alla tutela processuale frazionata (in applicazione di questo principio la S.C. ha confermato la decisione impugnata che aveva ritenuto illegittima la condotta processuale dell’attore il quale, dopo aver proposto una prima azione di risarcimento per i danni materiali subiti in occasione di un sinistro stradale, ne aveva proposta una seconda per quelli alla persona, nonostante che alla data dell’esercizio della prima azione l’intero panorama delle conseguenze dannose fosse pienamente emerso)(Cfr. Cass. ord. 26089/2019; Cass. 6591/2019; Cass. ord. n. 17019/2018).
Ora, nel caso di specie, appare pienamente condivisibile il ragionamento seguito dai giudici del merito nel non ritenere sussistente “un interesse oggettivamente valutabile”. Infatti, una generica possibilita’ di ottenere una piu’ rapida remunerazione del danno patrimoniale patito, di per se’ sola considerata, non permette di valutare tale interesse come oggettivo, ma piuttosto come una mera aspirazione soggettiva. Andrebbe invero, in ogni caso, operata anche solo in astratto una considerazione comparativa delle esigenze di tutela di tutte le parti e di non esposizione del debitore ai costi eccessivi e superflui indotti proprio dal frazionamento o dalla moltiplicazione delle iniziative giudiziarie. E la prodotta memoria non offre elementi idonei a superare tali argomenti.
In linea con tale conclusione, Cass. n. 21318/2015 ha affermato che, “in tema di risarcimento dei danni da responsabilita’ civile, il danneggiato, a fronte di un unitario fatto illecito, lesivo di cose e persone, non puo’ frazionare la tutela giudiziaria, agendo separatamente innanzi al giudice di pace e al tribunale in ragione delle rispettive competenze per valore, neppure mediante riserva di far valere ulteriori e diverse voci di danno in altro procedimento, trattandosi di condotta che aggrava la posizione del danneggiante-debitore, ponendosi in contrasto al generale dovere di correttezza e buona fede e risolvendosi in un abuso dello strumento processuale (in applicazione dell’enunciato principio, la S.C. ha confermato la sentenza di merito, che aveva ritenuto improponibile la domanda di risarcimento dei danni alla persona subiti dall’attore in occasione di un sinistro stradale, nel quale lo stesso aveva subito altresi’ danni materiali, oggetto di separato giudizio innanzi al giudice di pace)”.
7. In conclusione, la qui gravata sentenza – corretta anche in ordine all’esclusione dei presupposti, ben piu’ gravi rispetto a quelli del frazionamento in se’ solo considerato, di applicabilita’ dell’articolo 96, comma 3, c.p.c. ed alla conseguente sussistenza di quelli per la compensazione delle spese – si sottrae alle censure mosse con il ricorso in esame, il quale va pertanto rigettato.
8. Le spese del giudizio di legittimita’ seguono la soccombenza.
9. Va infine dato atto – mancando ogni discrezionalita’ al riguardo (tra le prime: Cass. 14/03/2014, n. 5955; tra moltissime altre: Cass. Sez. U. 27/11/2015, n. 24245) – della sussistenza dei presupposti processuali per l’applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, in tema di contributo unificato eventualmente dovuto per i gradi o i giudizi di impugnazione e per il caso di reiezione integrale, in rito o nel merito.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento, in favore della controricorrente, delle spese del giudizio di legittimita’ che liquida in Euro 5.600,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200, ed agli accessori di legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma del citato articolo 13, comma 1-bis.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui