In tema di attività professionale svolta dagli avvocati

12

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|31 marzo 2021| n. 8863.

In tema di attività professionale svolta dagli avvocati, mentre la procura “ad litem” costituisce un negozio unilaterale soggetto a forma scritta, con il quale il difensore viene investito del potere di rappresentare la parte in giudizio, il contratto di patrocinio costituisce un negozio bilaterale, non soggetto a vincoli di forma, con il quale il professionista viene incaricato, secondo lo schema del mandato e del contratto d’opera, di svolgere la sua opera professionale in favore della parte, sicché la circostanza di aver dato l’incarico al professionista può formare oggetto di prova per testimoni.

Ordinanza|31 marzo 2021| n. 8863

Data udienza 26 gennaio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Responsabilità professionale – Equo indennizzo – Durata irragionevole dei processi – Mancata esecuzione dell’incarico – Risarcimento danni – Presupposti – Articoli 1703 e 2725 cc – Elementi probatori – Dichiarazioni testimoniali – Valutazione del giudice di merito – Articoli 1325 e 1392 cc

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 32078-2019 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliata presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentata e difesa dall’Avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
e contro
(OMISSIS);
– intimato –
avverso la sentenza n. 202/2019 della CORTE D’APPELLO di CALTANISSETTA, depositata il 28/03/2019;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 26/01/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE CRICENTI.

RITENUTO

che:
La ricorrente, (OMISSIS), ha agito in giudizio nei confronti dell’avocato (OMISSIS) sostenendo di avere incaricato quest’ultimo di intraprendere un giudizio per avere l’indennizzo da irragionevole durata di un procedimento conclusosi davanti al TAR dopo nove anni dal suo inizio; di avere appreso pero’ che il suddetto avvocato (OMISSIS), pur incaricato del procedimento, non aveva mai dato corso all’incarico, facendo cosi’ perdere la possibilita’ di avere l’indennizzo previsto dalla legge.
La ricorrente ha dunque prospettato una responsabilita’ professionale del difensore per non avere eseguito l’incarico conferito. Il Tribunale di Caltanissetta ha rigettato la domanda ritenendo non provata la procura alle liti: in quel giudizio la ricorrente aveva formulato una prova testimoniale per dimostrare di aver rilasciato procura al difensore, ma il Tribunale aveva ritenuto inammissibile la prova orale stante il divieto di cui all’articolo 2725 c.c..
La ricorrente ha proposto appello che e’ stato rigettato dalla corte di secondo grado sulla base delle medesime ragioni che hanno portato al rigetto da parte del Tribunale.
Ricorre (OMISSIS) con un motivo. Non v’e’ costituzione dell’intimato.

CONSIDERATO

che:
Con l’unico motivo di ricorso si denuncia violazione degli articoli 1703, 1325, 1392 e 2725 c.c..
Secondo la ricorrente la corte di appello avrebbe errato nel ritenere che per provare la responsabilita’ del professionista debba essere fornita la prova scritta della procura e non gia’ la prova orale del mandato, in quanto provato quest’ultimo e’ provata quella.
Comunque sia, secondo la ricorrente la prova della procura serve solo ad opporre l’incarico a terzi, ossia a dimostrare ai terzi che e’ stato conferito un mandato, ma non vale nei rapporti interni tra difensore e cliente.
Il motivo e’ fondato.
Invero, la ricorrente non agiva per la dimostrazione della procura, atto soggetto a prova scritta, ma semplicemente della circostanza, di mero fatto, di aver dato un incarico al difensore.
Vero e’ che mandato e procura sono atti distinti: mentre la procura “ad litem” costituisce un negozio unilaterale con il quale il difensore viene investito del potere di rappresentare la parte in giudizio, il mandato sostanziale costituisce un negozio bilaterale (cosiddetto contratto di patrocinio) con il quale il professionista viene incaricato, secondo lo schema negoziale che e’ proprio del mandato, di svolgere la sua opera professionale in favore della parte (Cass. n. 13963 del 2006; Cass. n. 14276 del 2017).
Ma e’ anche vero che la ricorrente chiedeva di provare di avere dato incarico al difensore, non potendo del resto provare di aver rilasciato procura, che e’ atto che rimane nella disponibilita’ dell’avvocato.
Del resto, la dimostrazione di un incarico (ossia del contratto d’opera) e’ sufficiente a far sorgere obbligo del difensore di fornire assistenza, dovendo costui poi provvedere a farsi rilasciare procura ad agire, con la conseguenza che il cliente e’ sufficiente che dimostri di aver dato incarico ad agire (contratto d’opera) e questa dimostrazione era qui chiesta, e non aveva bisogno di allegazione di prova scritta ad subiustantiam, e dunque non v’erano i limiti di prova testimoniale previsti per quest’ultima.
Il ricorso va dunque accolto.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte di Appello di Caltanissetta in diversa composizione, anche per le spese.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui