In materia di garanzia per i vizi della cosa venduta

19

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|19 novembre 2020| n. 26350.

In materia di garanzia per i vizi della cosa venduta di cui all’art. 1490 cod. civ., il compratore che esercita le azioni di risoluzione del contratto o di riduzione del prezzo di cui all’articolo 1492 c.c. è gravato dell’onere di offrire la prova dell’esistenza dei vizi

Ordinanza|19 novembre 2020| n. 26350

Data udienza 3 marzo 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Vendita – Pagamento del prezzo – Decreto ingiuntivo – Opposizione – Inadempimento contrattuale – Restituzione somme – Risarcimento danni – Presupposti – Articoli 1495 e 1497 cc – Onere della prova – Articoli 1460 e 2697 cc – Motivazione del giudice di merito

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 3490/2016 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), (OMISSIS);
– intimati –
avverso la sentenza n. 1800/2014 della Corte d’appello di Catanzaro, depositata il 09/12/2014;
Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 03/03/2020 dal Consigliere Dott. Annamaria Casadonte.

RILEVATO

che:
– il presente giudizio trae origine dalla domanda di pagamento del saldo della vendita di olive provenienti da agricoltura biologica ed articolata dal venditore (OMISSIS) con decreto ingiuntivo nei confronti dell’acquirente (OMISSIS);
– a sostegno dell’opposizione (OMISSIS) eccepiva che le olive erano state consegnate prive della certificazione di prodotto biologico come prevista dai regolamenti comunitari;
– in ragione di cio’ chiedeva l’accertamento dell’inesistenza del credito monitoriamente azionato e la condanna del venditore alla restituzione della somma indebitamente percepita a titolo di acconto oltre all’accertamento dell’inadempimento contrattuale dello stesso ed al risarcimento dei danni;
– all’esito della costituzione dell’opposto e dell’integrazione del contraddittorio per effetto della chiamata in garanzia da quest’ultimo svolta nei confronti del produttore delle olive (OMISSIS) (rimasto contumace), il tribunale respingeva l’opposizione ritenendo che il difetto redibitorio denunciato dall’opponente non fosse stato tempestivamente denunciato;
– avverso la sentenza del giudice di prime cure ha proposto gravame l’opponente soccombente deducendo l’erronea sussunzione della fattispecie nell’istituto della vendita di cosa viziata e non in quella di vendita di aliud pro alio, errore che aveva comportato l’erronea pattuizione di accoglimento della eccezione di tardivita’ della denuncia dei vizi dal momento che la mancanza di qualita’ essenziali risultava essere stata tempestivamente denunciata con la missiva del 14 febbraio 2009;
– si costituiva nel giudizio di impugnazione l’appellato (OMISSIS) che eccepiva, per quanto di interesse, l’inammissibilita’ dell’appello per la novita’ della sussunzione della fattispecie nell’aliud pro alio; si costituiva, altresi’, il produttore che formulava istanze istruttorie e chiedeva il rigetto della appello;
– la Corte d’appello di Catanzaro ha confermato la sentenza di primo grado;
– in particolare, la corte ha accolto l’eccezione dell’appellato (OMISSIS) argomentando che l’aliud pro alio ha contenuto diverso dal vizio redibitorio e che l’eccezione non era stata proposta in primo grado ed era, pertanto, nuova statuendone l’inammissibilita’;
– la corte territoriale ha, peraltro, confermato la sentenza gravata esaminando nel merito la fondatezza della deduzione proposta dall’appellante di aliud pro alio ed ha argomentato che la mancanza di certificazione di prodotto biologico non rende le olive incommercializzabili;
– la cassazione della sentenza d’appello e’ chiesta dal (OMISSIS) con tempestivo ricorso affidato a tre motivi;
– non hanno svolto attivita’ difensiva ne’ il venditore (OMISSIS) ne’ il produttore (OMISSIS).

CONSIDERATO

che:
– con il primo motivo si denuncia, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione dell’articolo 345, comma 2, dell’articolo 112 c.p.c., nonche’ degli articolo 1497 e 1495 c.c., per avere la corte territoriale dichiarato inammissibile in quanto nuova l’eccezione di nullita’ della vendita delle olive per aliud pro alio;
– la censura e’ inammissibile per difetto di interesse, dal momento che la corte territoriale ha esaminato l’allegato aliud pro alio, a prescindere dalla fondatezza o meno dell’eccezione di inammissibilita’ dello stesso;
– con il secondo motivo il ricorrente lamenta, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione degli articolo 1497, 2697 e 1460 c.c., per non avere la corte territoriale ravvisato la violazione da parte del venditore dell’onere di dimostrare attraverso il rilascio della relativa certificazione, la qualita’ biologica delle olive (cfr. Cass. 14865/2000);
– il motivo e’ infondato;
– va premesso che la corte territoriale ha rilevato che l’opponente ha allegato la mancata consegna della certificazione e non la natura non biologica delle olive (sul presupposto che la prova della non biologicita’ incombesse sull’acquirente);
– cio’ posto, costituisce principio consolidato e recentemente riaffermato dalle Sezioni Unite di questa Corte nella sentenza n. 11.748 del 2019 che in materia di garanzia per i vizi della cosa venduta, ai sensi dell’articolo 1490 c.c., il compratore che esercita le azioni di risoluzione del contratto o di riduzione del prezzo in applicazione dell’articolo 1492 c.c., e’ gravato dall’onere di offrire la prova dell’esistenza dei vizi;
– poiche’ nel caso di specie la mancanza della qualita’ biologica delle olive non risulta provata dall’acquirente su cui gravava il relativo onere, non sussiste il vizio denunciato;
– con il terzo motivo si lamenta, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’articolo 1495 c.c., per avere la corte territoriale erroneamente indicato il momento di decorrenza della decadenza dalla denuncia che ad avviso di parte ricorrente doveva identificarsi con quello del perfezionamento della scoperta del vizio, costituito dalla non biologicita’ delle olive vendutegli, attesa la natura occulta del vizio;
– il motivo e’ infondato;
– la corte territoriale ha ritenuto che nel caso di specie ricorre la fattispecie della vendita di olive prive della certificazione della qualita’ biologica, ma non di olive non adatte al consumo alimentare e che la mancanza di certificazione della qualita’ biologica delle olive e’ fattispecie diversa dalla vendita di olive inidonee al commercio alimentare, circostanza di cui non e’ stata fornita la prova, con la conseguenza che, vertendosi in ipotesi di vizio redibitorio, era parte acquirente a dover provare di averlo tempestivamente denunciato entro 8 giorni dalla scoperta, in tal caso coincidenti con la consegna delle olive;
– tale prova non e’ comunque stata fornita dalla parte acquirente, sicche’ la contestazione dell’errata applicazione dell’articolo 1495 c.c., e’ destituita di fondamento;
– l’esito sfavorevole di tutti i motivi giustifica il rigetto del ricorso;
– nulla va disposto sulle spese atteso il mancato svolgimento di attivita’ difensiva da parte degli intimati;
– ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, si da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui