Il titolo fondante l’esecuzione e l’opposizione avverso un d.i.

72

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|26 agosto 2021| n. 23500.

Il titolo fondante l’esecuzione e l’opposizione avverso un d.i..

Qualora sia integralmente respinta l’opposizione avverso un decreto ingiuntivo non esecutivo con sentenza che non pronunci sulla sua esecutività, il titolo fondante l’esecuzione non è quest’ultima, bensì – quanto a sorte capitale, accessori e spese da quello recati – il decreto stesso, la cui esecutorietà è collegata, appunto, alla sentenza, in forza della quale viene sancita indirettamente, con attitudine al giudicato successivo, la piena sussistenza del diritto azionato, nell’esatta misura e negli specifici modi in cui esso è stato posto in azione nel titolo, costituendo, invece, la sentenza titolo esecutivo solo per le eventuali ulteriori voci di condanna in essa contenute.

Ordinanza|26 agosto 2021| n. 23500. Il titolo fondante l’esecuzione e l’opposizione avverso un d.i.

Data udienza 27 maggio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: IGIENE E SANITA’ – AZIENDE SANITARIE LOCALI – Il titolo fondante l’esecuzione e l’opposizione avverso un d.i.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere

Dott. SCALIA Laura – Consigliere

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere

Dott. CARADONNA Lunella – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso n. 4506/2016 proposto da:
Azienda Sanitaria Locale n. (OMISSIS), Avezzano, Sulmona, L’Aquila (gia’ Azienda U.S.L. di Avezzano Sulmona), nella persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dal Prof. Avv. (OMISSIS), e elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’Avv. (OMISSIS), in virtu’ di procura stesa a margine del ricorso per cassazione.
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) s.r.l., nella persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli Avv.ti (OMISSIS), e (OMISSIS), ed elettivamente domiciliata presso lo studio dell’Avv. (OMISSIS), in (OMISSIS), giusta procura speciale rilasciata a margine del controricorso.
– controricorrente –
avverso la sentenza della Corte di appello di L’Aquila n. 994/2015, pubblicata il 6 agosto 2015, non notificata;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 27/05/2021 dal Consigliere Dott. Lunella Caradonna.

Il titolo fondante l’esecuzione e l’opposizione avverso un d.i.

RILEVATO

Che:
1. Con la sentenza impugnata, la Corte d’appello di L’Aquila ha rigettato l’appello proposto dall’Azienda Sanitaria Locale di Avezzano, Sulmona e L’Aquila avverso la sentenza del Tribunale di Avezzano n. 104/2010 del 4 marzo 2010, che aveva rigettato l’opposizione a decreto ingiuntivo, con il quale era stato intimato il pagamento della somma di Euro 1.366.470,05, a titolo di compenso per le prestazioni di fisioterapia domiciliare erogate, in regime di convenzione, nel corso dell’anno 2006.
2. I giudici di secondo grado hanno affermato che i giusti motivi previsti dall’articolo 641 c.p.c, ai fini della riduzione del termine per la proposizione dell’impugnazione erano stati specificati dal ricorrente e, pertanto, il primo giudice aveva correttamente disatteso l’eccezione di nullita’ del decreto ingiuntivo; che la convenzione conclusa dalle parti il 7 luglio 1993 per il servizio di fisioterapia domiciliare in favore dei soggetti minorati fisici aveva durata annuale e che la clausola che prevedeva la rinnovazione tacita della convenzione, in difetto di disdetta tre mesi prima della scadenza, era nulla ai sensi della L. n. 537 del 1993, articolo 6, comma 1; che l’appellata aveva stipulato, ai sensi del Decreto Legislativo n. 502 del 1992, articolo 8 quinquies, in data 30 marzo 2005, in qualita’ di struttura transitoriamente accreditata, in quanto convenzionata alla data del primo gennaio 1993, un contratto con la Regione Abruzzo, Ufficio Unico degli Acquisti, in nome e per conto delle Aziende sanitarie locali della Regione stessa, avente ad oggetto le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale esterna, che aveva fissato il budget di spesa relativo agli anni 2005, 2006 e 2007; che poteva dirsi, quindi, sussistente (diversamente da quanto ritenuto dal primo giudice) un valido titolo idoneo a fondare il pagamento stesso; che non sussisteva il difetto di legittimazione passiva dedotto dalla Regione perche’ il contratto era stato stipulato dall’Ufficio Unico Acquisti della Regione Abruzzo in nome e per conto delle Aziende sanitarie della Regione, il pagamento delle prestazioni fatturate era eseguito dalla societa’ (OMISSIS) ancora per conto delle medesime Aziende, cui le fatture erano comunque comunicate ai fini contabili; l’Ufficio Acquisti era stato investito da leggi regionali della competenza a stipulare i contratti per la fornitura di beni e servizi in nome e per conto delle Aziende Sanitarie; i moduli di richiesta di trattamento domiciliare sottoscritti dal responsabile dell’Azienda sanitaria e in cui era specificato che l’onere di spesa era a carico dell’Azienda sanitaria medesima documentavano il credito azionato; che correttamente il giudice aveva rigettato l’opposizione e, previa conferma del decreto ingiuntivo, condannato l’opponente al pagamento di sorte, accessori e spese, senza che cio’ determinasse una duplicazione del titolo di spesa.
3. L’Azienda Sanitaria Locale n. (OMISSIS), Avezzano, Sulmona, L’Aquila ha impugnato la sentenza della Corte d’appello di L’Aquila con ricorso per cassazione affidato a quattro motivi.
4. La societa’ (OMISSIS) s.r.l. ha resistito con controricorso.
5. L’Azienda Sanitaria Locale n. (OMISSIS), Avezzano, Sulmona, L’Aquila ha depositato memoria.

 

Il titolo fondante l’esecuzione e l’opposizione avverso un d.i.

CONSIDERATO

Che:
1. Con il primo motivo si lamenta la violazione e falsa applicazione del Decreto Legislativo n. 502 del 1992, articolo 8 quinquies, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, avendo la Corte di appello ritenuto che il titolo di pagamento discendesse dal Decreto Legislativo n. 502 del 1992, articolo 8 quinquies e non avendo considerato che gli accordi tra Aziende sanitarie e case di cura prevedevano un limite di spesa annuale, che nel caso in esame non era stato rispettato.
1.1 Il motivo e’ in parte infondato e in parte inammissibile.
1.2 I giudici di merito, infatti, dopo avere affermato che la convenzione, conclusa dalla parti il 7 luglio 1993, non poteva costituire il titolo negoziale sul quale fondare la pretesa monitoria perche’ aveva durata annuale e la clausola che prevedeva la rinnovazione tacita della convenzione, in difetto di disdetta tre mesi prima della scadenza, era nulla ai sensi della L. n. 537 del 1993, articolo 6, comma 1, hanno evidenziato che l’appellata aveva stipulato, ai sensi del Decreto Legislativo n. 502 del 1992, articolo 8 quinquies, in data 30 marzo 2005, in qualita’ di struttura transitoriamente accreditata, in quanto convenzionata alla data del primo gennaio 1993, un contratto con la Regione Abruzzo, Ufficio Unico degli Acquisti, in nome e per conto delle Aziende sanitarie locali della Regione stessa, avente ad oggetto le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale esterna, che aveva fissato il budget di spesa relativo agli anni 2005, 2006 e 2007.
I giudici di secondo grado hanno, quindi, ritenuto che il titolo negoziale, che fondava il credito azionato in sede monitoria era il contratto del 30 marzo 2005 stipulato dalla Regione Abruzzo, Ufficio Unico degli Acquisti, in nome e per conto di tutte le Aziende sanitarie locali della Regione stessa, e la societa’ (OMISSIS) s.r.l., contratto che prevedeva, per l’appunto, il budget di spesa relativo anche all’anno 2006.
E’ inammissibile, invece, il profilo di censura che attiene al mancato rispetto del limite annuale previsto per l’anno 2006 nel contratto del 20 marzo 2005 perche’ questione nuova proposta per la prima volta in questa sede e che non risulta in alcun modo esaminata nella decisione impugnata (Cass., 13 giugno 2018, n. 15430).
2. Con il secondo motivo si lamenta la violazione e falsa applicazione dell’articolo 2697 c.c. e conseguentemente dell’articolo 633 c.p.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, avendo la Corte di appello ritenute sufficientemente provate le prestazioni di cui si chiedeva il rimborso sulla base di alcune prescrizioni mediche non protocollate e comunque non vidimate dalla Azienda sanitaria, spettando l’onere della prova al convenuto in senso formale del giudizio di opposizione, attore sostanziale.
3. Con il terzo motivo si lamenta, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, l’omesso esame della idoneita’ probatoria dei moduli di richiesta di trattamento domiciliare, che in realta’ erano sottoscritti da un medico, che non era il responsabile dell’Azienda sanitaria e che comunque non aveva il potere di impegnarla finanziariamente, e del potere di controllo che gravava sulla struttura in ordine alla verifica della compatibilita’ della spesa con i fondi stanziati dalla Regione (nel 2006 pari a soli Euro 167.159,85).
3.1 I motivi, che vanno trattati unitariamente, perche’ connessi, sono inammissibili.
3.2 Ed invero, la violazione del precetto di cui all’articolo 2697 c.c., si configura soltanto nell’ipotesi in cui il giudice abbia attribuito l’onere della prova ad una parte diversa da quella che ne e’ gravata secondo le regole dettate dalla norma; non anche quando, a seguito di una incongrua valutazione delle acquisizioni istruttorie, il giudice abbia ritenuto assolto tale onere, poiche’ in questo caso vi e’ soltanto un erroneo apprezzamento sull’esito della prova, sindacabile in sede di legittimita’ solo per il vizio di cui all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (Cass., 5 settembre 2006, n. 19064; Cass., 10 febbraio 2006, n. 2935).
3.3 In realta’, con le denunciate violazioni l’Azienda ricorrente intende ottenere – lungi dal denunciare l’erronea ricognizione della fattispecie concreta a mezzo delle risultanze di causa in quella astratta recata da una norma di legge o l’omesso esame di fatti decisivi – una diversa ricostruzione dei fatti di causa, censurando la negata congruita’ dell’interpretazione fornita dalla Corte territoriale del contenuto rappresentativo degli elementi di prova acquisiti, che correttamente ha ritenuto provato il credito monitorio sulla base dei moduli di richiesta di trattamento domiciliati prodotti dalla parte appellata, affermando non solo che gli stessi erano stati sottoscritti dal responsabile dell’Azienda sanitaria appellante, ma anche (con ragioni del decidere che non sono state minimamente censurate dall’Azienda ricorrente) che negli stessi si specificava che l’onere della spesa era a carico dell’Azienda medesima e che i moduli riscontravano che le prestazioni era state richieste ed autorizzate dalla Azienda sanitaria e sottoscritti dai medici responsabili del servizio riabilitazione dell’Azienda sanitaria locale Avezzano – Sulmona.
Si tratta, pertanto, di argomentazioni critiche con evidenza diretta a censurare una erronea ricognizione della fattispecie concreta, di necessita’ mediata dalla contestata valutazione delle risultanze probatorie di causa, che non costituiscono vizio di violazione di legge (Cass., 19 agosto 2020, n. 17313).
3.4 Inoltre, con specifico riguardo al profilo di censura di cui all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, va rilevato che il vizio non puo’ consistere in un apprezzamento dei fatti e delle prove in senso difforme da quello preteso dalla parte, spettando soltanto al giudice di merito di individuare le fonti del proprio convincimento, controllare l’attendibilita’ e la concludenza delle prove, scegliere tra le risultanze probatorie quelle ritenute idonee a dimostrare i fatti in discussione dando liberamente prevalenza all’uno o all’altro dei mezzi di prova (Cass., 3 ottobre 2018, n. 24035; Cass., 8 ottobre 2014, n. 21152; Cass., 23 maggio 2014, n. 11511); ne’ la Corte di cassazione puo’ procedere ad un’autonoma valutazione delle risultanze degli atti di causa (Cass., 7 gennaio 2014, n. 91; Cass., sez. U., 25 ottobre 2013, n. 24148).
4. Con il quarto motivo si lamenta la violazione e falsa applicazione dell’articolo 653 c.p.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, avendo errato la Corte di appello a condannare l’attore-opponente all’adempimento, dovendo piuttosto confermare il decreto ingiuntivo opposto e cio’ al fine di evitare la duplicazione del titolo di pagamento.
4.1 Il motivo e’ infondato.
La Corte, sul punto, ha affermato che la statuizione del giudice di primo grado non determinava la duplicazione del titolo esecutivo, facendo corretta applicazione del principio affermato da questa Corte e pure richiamato dai giudici di secondo grado, secondo cui in caso di rigetto dell’opposizione a decreto ingiuntivo, il titolo esecutivo e’ comunque costituito dal decreto ingiuntivo e non dalla sentenza di rigetto dell’opposizione, se non limitatamente alle spese del giudizio di opposizione con essa liquidate (Cass., Sez. U., 22 febbraio 2010, n. 4071).
Ed ancor piu’ di recente, questa Corte ha precisato che, qualora sia integralmente respinta l’opposizione avverso un decreto ingiuntivo non esecutivo, con sentenza che non pronunci sulla sua esecutivita’, il titolo fondante l’esecuzione non e’ quest’ultima, bensi’, quanto a sorte capitale, accessori e spese da quello recati, il decreto stesso, la cui esecutorieta’ e’ collegata, appunto, alla sentenza, in forza della quale viene sancita indirettamente, con attitudine al giudicato successivo, la piena sussistenza del diritto azionato, nell’esatta misura e negli specifici modi in cui esso e’ stato posto in azione nel titolo, costituendo, invece, la sentenza titolo esecutivo solo per le eventuali, ulteriori voci di condanna in essa contenute (Cass., 27 agosto 2013, n. 19595).
5. In conclusione, il ricorso va rigettato e l’Azienda ricorrente va condannata al pagamento delle spese processuali, sostenute dalla societa’ controricorrente e liquidate come in dispositivo, nonche’ al pagamento dell’ulteriore importo, previsto per legge e pure indicato in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna l’Azienda ricorrente al pagamento, in favore della societa’ controricorrente, delle spese del giudizio di legittimita’, che liquida in Euro 12.000,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dell’Azienda ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui