Il notaio incaricato dalla redazione e autenticazione di un contratto per la compravendita

177

Corte di Cassazione, civile, Sentenza|16 marzo 2021| n. 7283.

Il notaio incaricato dalla redazione e autenticazione di un contratto per la compravendita di un immobile non può limitarsi a procedere al mero accertamento della volontà delle parti e a sovraintendere alla compilazione dell’atto, occorrendo che egli si interessi dell’attività, preparatoria e successiva, necessaria ad assicurare la serietà e la certezza degli effetti tipici dell’atto medesimo e del risultato pratico perseguito ed esplicitato dalle parti stesse, rientrando tra i suoi doveri anche quello di consiglio ovvero di dissuasione consistente nell’avvertire le parti degli effetti dell’esistenza di una trascrizione o iscrizione pregiudizievole sul bene oggetto di trasferimento.

Sentenza|16 marzo 2021| n. 7283

Data udienza 27 ottobre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Professioni – Notaio – Responsabilità – Risarcimento del danno a favore del cliente – Fattispecie: notaio che non verifica il grado di stabilità della sentenza di primo grado

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere

Dott. FIECCONI Francesca – rel. Consigliere

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso 16395/2018 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;
– ricorrenti –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;
– controricorrenti –
e contro
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) SPA;
– intimati –
avverso la sentenza n. 7376/2017 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 23/11/2017;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 27/10/2020 dal Consigliere Dott. FRANCESCA FIECCONI;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CARDINO Alberto.
SVOLGIMENTO IN FATTO
1. Avverso la sentenza della Corte d’appello di Roma n. 737672017, pubblicata il 23.11.2017, (OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 21 maggio 2018, affidato ad un unico motivo illustrato da successiva memoria. Ha resistito il notaio (OMISSIS) notificando controricorso il 3.7.2018, illustrato da successiva memoria. Con ordinanza interlocutoria n. 11305/2020, nella Camera di consiglio del 17/1/2020, il Collegio ha rinviato la causa a nuovo ruolo affinche’ fosse fissata la discussione in pubblica udienza ritenendo la questione di diritto di particolare rilevanza ai sensi dell’articolo 375 c.p.c..
2. La vicenda qui in esame riguarda un atto di compravendita immobiliare, stipulato in data 20/6/2003 con atto notarile del notaio (OMISSIS), tra (OMISSIS) e (OMISSIS), nelle more del giudizio di appello avviato dagli eredi di (OMISSIS) avverso la sentenza con cui il Tribunale di Roma aveva accolto la domanda del (OMISSIS) volta a far accertare l’acquisto dell’immobile per usucapione. Dalla vicenda sono nati due paralleli giudizi, in seguito riuniti: l’uno, instaurato dagli eredi di (OMISSIS) per chiedere l’inefficacia nei loro confronti dell’atto dispositivo; l’altro, instaurato dalla (OMISSIS) per chiedere l’inefficacia nei suoi confronti della sentenza della Corte di appello e, in subordine, la condanna del venditore (OMISSIS) e del Notaio al risarcimento del danno. In particolare quest’ultima ha chiesto di accertare la responsabilita’ professionale del notaio, oltre a quella del venditore suo dante causa, per non avere egli effettuato le opportune indagini sul titolo dell’immobile, acquistato per usucapione dal suo dante causa in forza di una sentenza di primo grado che, per quanto trascritta, era stata oggetto di impugnazione e, dunque, non portava l’attestazione di cancelleria circa il suo passaggio in giudicato; deduceva che, comunque, il notaio non aveva ottemperato al dovere di consiglio in ordine alla natura del titolo originario del suo dante causa. Il Tribunale di Roma, una volta dichiarata inefficace la vendita nei confronti degli eredi di (OMISSIS) ha accolto la domanda della (OMISSIS) nei confronti del (OMISSIS), condannandolo al risarcimento del danno, nella misura di Euro 159.000,00. Per converso, ha rigettato la domanda risarcitoria proposta nei confronti del notaio a titolo di responsabilita’ professionale.
3. Limitatamente al capo che riguarda la responsabilita’ del notaio, la (OMISSIS) ha interposto appello dinanzi alla Corte d’Appello di Roma che, con la pronuncia qui impugnata, ha confermato la sentenza di primo grado sull’assunto che l’atto d’appello avverso la pronuncia di accertamento della usucapione non risultava trascritto e che, inoltre, il dovere di consiglio non possa estendersi sino a ricomprendere circostanze di fatto il cui accertamento rientri nella normale prudenza delle parti. In particolare, la Corte di merito ha rilevato che:
i) il notaio aveva dato atto (articolo 2 del contratto di compravendita) del fatto che il (OMISSIS) (parte venditrice) aveva acquistato il proprio diritto per usucapione in forza di una sentenza del Tribunale di Roma;
ii) la sentenza de qua era stata regolarmente trascritta presso la conservatoria dei R.R.II. di Roma circa due anni prima dell’intervenuta vendita;
iii) il professionista non era tenuto ad informare la (OMISSIS) (parte acquirente) della possibile precarieta’ di detto titolo di acquisto o a svolgere ulteriori ricerche in proposito, costituendo fatto notorio, alla portata di una persona di media diligenza, che una sentenza di primo grado possa non avere acquistato efficacia definitiva.
4. Nella valutazione la Corte di merito ha dato anche rilievo al fatto che la pendenza del giudizio di appello non fosse stata trascritta e che l’acquirente non avesse dimostrato la sussistenza di un nesso causale tra l’evento (mancata informazione) ed il dedotto danno, dando prova che – se resa edotta del rischio – si sarebbe astenuta dall’acquisto.
RAGIONI DELLA DECISIONE
1. Con un unico motivo di ricorso si deduce la “Violazione o falsa applicazione dell’articolo 1176 c.p.c. (in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5)” per non avere la Corte d’Appello valutato correttamente la diligenza richiesta al notaio nell’espletamento dell’incarico professionale conferitogli. La ricorrente deduce che la Corte d’Appello, pur avendo dato atto del cd. dovere di consiglio gravante sul notaio, avrebbe erroneamente affermato che l’acquirente fosse in possesso delle competenze tecniche necessarie per percepire il carattere definitivo o meno della sentenza attestante l’acquisto a titolo originario, per usucapione, del bene oggetto di compravendita, come tale, non rientrante nelle nozioni note a chiunque, ma nelle specifiche conoscenze del professionista. Cio’ deduce non solo in ragione dell’articolo 1176 c.c., comma 2, ma anche con riguardo agli articoli 42 e 50 del codice deontologico notarile che impongono al professionista di informare le parti sulle possibili conseguenze della prestazione richiesta e di qualificare correttamente la fattispecie. Argomenta, inoltre, che dalle stesse visure effettuate dal notaio sull’immobile, la sentenza dichiarativa del diritto di usucapione maturato dal sig. (OMISSIS) non risultava passata in giudicato, difettando della relativa formula, talche’ il notaio – anche in assenza della trascrizione dell’atto di appello – avrebbe dovuto verificare presso i registri di cancelleria se la sentenza di primo grado relativa all’acquisto per usucapione dell’immobile fosse passata in giudicato o, in alternativa, avrebbe dovuto pretendere dal venditore (OMISSIS) l’esibizione dell’attestato circa il passaggio in giudicato della sentenza, mentre nessun accertamento in tal senso risultava essere stato fatto dal notaio, ne’ sollecitato alle parti. Il notaio quindi – per espletare diligentemente il proprio mandato – avrebbe dovuto accertare e segnalare all’acquirente la precarieta’ del titolo di acquisto del venditore, indicando alla (OMISSIS) che l’accertamento contenuto nella sentenza del Tribunale non aveva carattere definitivo.
1.1. Il giudice di secondo grado ha ritenuto che il dovere di consiglio del notaio ha ad oggetto esclusivamente questioni tecniche, ovverosia problematiche che una persona non dotata di competenza specifica non sarebbe in grado di percepire; diversamente, esso non puo’ essere esteso fino a comprendere anche il controllo di circostanze di fatto il cui accertamento rientra nella normale prudenza (citando, in proposito, Cass. n. 7707/07 e n. 25270/09), in esso compresi anche i rischi economici del contratto medesimo, la cui valutazione e’ rimessa al prudente apprezzamento delle parti (citando in proposito, Cass. n. 11665/15). Tanto premesso, con riferimento al caso di specie, la Corte di merito ha osservato che il notaio aveva informato la (OMISSIS) della provenienza del bene, come si evince dall’articolo 2 del contratto di compravendita e che, dunque, la stessa era consapevole del fatto che il venditore aveva ottenuto la proprieta’ del bene in forza di sentenza dichiarativa del suo diritto di usucapione. Di conseguenza, ha ritenuto inverosimile che, in presenza di tale informazione, il notaio (OMISSIS) non si fosse preoccupato di fornire delucidazioni o che la stessa (OMISSIS) non avesse chiesto ulteriori informazioni in merito. Per tali ragioni, al notaio non poteva essere ascritta alcuna responsabilita’, in considerazione del fatto che nell’atto di compravendita era indicata la provenienza del titolo del venditore da una sentenza di primo grado che, come noto, ben puo’ essere oggetto di riforma e la cui definitivita’ costituiva un accertamento non gravante sul professionista, anche in considerazione del fatto che la pendenza del giudizio di appello non era stata oggetto di trascrizione. Infine, il giudice di merito ha rilevato che non era stato allegato, ne’ provato dalla parte appellante il nesso causale tra la mancata informazione e il danno, non avendo la stessa dimostrato che se essa fosse stata in concreto edotta non si sarebbe determinata all’acquisto del bene (pp. 7-9 della sentenza impugnata).
1.2. Il motivo e’ fondato. Anzitutto, occorre sottolineare la validita’ dell’indirizzo giurisprudenziale, richiamato dalla Corte di merito, secondo cui il notaio incaricato dalla redazione e autenticazione di un contratto per la compravendita di un immobile non puo’ limitarsi a procedere al mero accertamento della volonta’ delle parti e a sovraintendere alla compilazione dell’atto, occorrendo che egli si interessi dell’attivita’, preparatoria e successiva, necessaria ad assicurare la serieta’ e la certezza degli effetti tipici dell’atto medesimo e del risultato pratico perseguito ed esplicitato dalle parti stesse, rientrando tra i suoi doveri anche quello di consiglio ovvero di dissuasione consistente nell’avvertire le parti degli effetti dell’esistenza di una trascrizione o iscrizione pregiudizievole sul bene oggetto di trasferimento (cfr. Cass., Sez. 3 -, Sentenza n. 11296 del 12/06/2020; Sez. 3 -, Ordinanza n. 20297 del 26/7/2019; Sez. 3 -, Sentenza n. 12482 del 18/5/2017).
1.3. Quanto agli obblighi gravanti sul notaio deve farsi riferimento, inoltre, al precedente segnalato da ultimo da questa Corte (Cass., Sez. 3 -, Ordinanza n. 8497 del 6/5/2020), la’ dove ha statuito che “il notaio e’ tenuto ad adempiere con la diligenza qualificata ex articolo 1176 c.c., comma 2 e articolo 2236 c.c. (cfr. Cass., 29/8/2019, n. 21775) ed e’ tenuto al dovere di consiglio (cfr. Cass., 18/5/2017, n. 12482). Tale obbligo trova invero fondamento, non gia’ nella diligenza professionale qualificata (in tal senso v. invero Cass., 14/2/2017, n. 3768), bensi’ nella clausola generale (nell’applicazione pratica e in dottrina indicata anche come “principio” o come “criterio”) di buona fede oggettiva o correttezza ex articoli 1175 c.c. (cfr. Cass., 20/8/2015, n. 16990; Cass., 2/30/2012, n. 16754; Cass., 11/5/2009, n. 10741). Come osservato anche in dottrina, oltre che regola di comportamento (articoli 1337, 1358, 1375 e 1460 c.c.) (quale dovere di solidarieta’, fondato sull’articolo 2 Cost. (v. Cass., 10/11/2010, n. 22819; Cass., 22/1/2009, n. 1618; Cass., Sez. Un., 25/11/2008, 28056), che trova applicazione a prescindere dalla sussistenza di specifici obblighi contrattuali, in base al quale il soggetto e’ tenuto a mantenere nei rapporti della vita di relazione un comportamento leale, specificantesi in obblighi di informazione e di avviso, nonche’ volto alla salvaguardia dell’utilita’ altrui nei limiti dell’apprezzabile sacrificio, dalla cui violazione conseguono profili di responsabilita’: v. Cass., 27/4/2011, n. 9404; Cass., Sez. Un., 25/11/2008, n. 28056; Cass., 24/7/2007, n. 16315; Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 27/10/2006, n. 23273; Cass., 20/2/2006, n. 3651. V. altresi’ Cass., 24/9/1999, n. 10511; Cass., 20/4/1994, n. 3775), e regola di interpretazione del contratto (articolo 1366 c.c.) (v. Cass., Sez. Un., 8/3/2019, n. 6882; Cass., 6/5/2015, n. 9006; Cass., 23/10/2014, n. 22513; Cass., 23/5/2011, n. 11295; Cass., Sez. Un., 18/2/2010, n. 3947; Cass., 25/5/2007, n. 12235; Cass., 20/5/2004, n. 9628), la buona fede oggettiva o correttezza e’ infatti anche criterio di determinazione della prestazione contrattuale, costituendo invero fonte – altra e diversa sia da quella eteronoma suppletiva ex articolo 1374 c.c. (in ordine alla quale v. la citata Cass., 27/11/2012, n. 20991) che da quella cogente ex articolo 1339 c.c. (in relazione alla quale cfr. Cass., 10/7/2008, n. 18868; Cass., 26/1/2006, n. 1689; Cass., 22/5/2001, n. 6956. V. altresi’ Cass., 9/11/1998, n. 11264) – di integrazione del comportamento dovuto (v. Cass., 30/10/2007, n. 22860), la’ dove impone di compiere quanto necessario o utile a salvaguardare gli interessi della controparte, nei limiti dell’apprezzabile sacrificio (che non si sostanzi cioe’ in attivita’ gravose o eccezionali o tali da comportare notevoli rischi o rilevanti sacrifici (v. Cass., 30/3/2005, n. 6735; Cass., 9/2/2004, n. 2422), come ad esempio in caso di specifica tutela giuridica, contrattuale o extracontrattuale, non potendo considerarsi implicare financo l’intrapresa di un’azione giudiziaria (v. Cass., 21/8/2004, n. 16530), anche a prescindere dal rischio della soccombenza (v. Cass., 15/1/1970, n. 81)). L’impegno imposto dall’obbligo di buona fede oggettiva o correttezza va quindi correlato alle condizioni del caso concreto, alla natura del rapporto, alla qualita’ dei soggetti coinvolti (v. Cass., 30/10/2007, n. 22860). L’obbligo di buona fede oggettiva o correttezza e’ infatti da valutarsi alla stregua della causa concreta dell’incarico conferito al professionista dal committente, e in particolare al notaio (cfr. Cass., Sez. Un., 31/7/2012, n. 13617. V. anche Cass., 28/1/2003, n. 1228; Cass., 13/6/2002, n. 8470. Per il riferimento alla serieta’ e certezza dell’atto giuridico da rogarsi e alla sua attitudine ad assicurare il conseguimento dello scopo tipico di esso e del risultato pratico voluto dalle parti partecipanti alla stipula dell’atto medesimo cfr. altresi’ Cass., 28/11/2007, n. 24733, e, conformemente, Cass., 5/12/2011, n. 26020), e cioe’ con lo scopo pratico dalle parti perseguito mediante la stipulazione, o, in altre parole, con l’interesse che l’operazione contrattuale e’ propriamente volta a soddisfare (cfr. Cass., Sez. Un., 11/11/2008, n. 26973; Cass., 7/10/2008, n. 24769; Cass., 24/4/2008, n. 10651; Cass., 20/12/2007, n. 26958; Cass., 11/6/2007, n. 13580; Cass., 22/8/2007, n. 17844; Cass., 24/7/2007, n. 16315; Cass., 27/7/2006, n. 17145; Cass., 8/5/2006, n. 10490; Cass., 14/11/2005, n. 22932; Cass., 26/10/2005, n. 20816; Cass., 21/10/2005, n. 20398; v. altresi’ Cass., 7/5/1998, n. 4612; Cass., 16/10/1995, n. 10805; Cass., 6/8/1997, n. 7266; Cass., 3/6/1993, n. 3800. Da ultimo v. Cass., 25/2/2009, n. 4501; Cass., 12/11/2009, n. 23941; Cass., Sez. Un., 18/2/2010, n. 3947; Cass., 18/3/2010, n. 6538; Cass., 9/3/2011, n. 5583; Cass., 23/5/2011, n. 11295, nonche’ la citata Cass., 27/11/2012, n. 20991). L’obbligo di effettuare le visure ipocatastali incombe allora senz’altro sul notaio officiato della stipulazione di un contratto di trasferimento immobiliare anche in caso di utilizzazione della forma della scrittura privata autenticata (v. Cass., 20/8/2015, n. 16990; Cass., 1/12/2009, n. 25270; Cass., 31/5/2006, n. 13015; Cass., 16/3/2006, n. 5868)” (Cass., Sez. 3 -, Ordinanza n. 8497 del 6/5/2020, pp. 5-7).
1.4. Peraltro, in linea con quanto sopra, si e’ anche affermato che il principio di diritto sopra richiamato non possa spingersi, pena la violazione del reciproco dovere della buona fede gravante sui contraenti, sino a richiedere al notaio il dovere di rappresentare agli stipulanti circostanze non esistenti all’epoca del rogito e relative a fatti, atti, ovvero ad azioni giudiziarie ancora non proposte (quali l’impugnazione del testamento esperita dopo l’azione di petizione ereditaria), e comunque non prevedibili al momento della stipula. Deve difatti ritenersi estraneo all’obbligo di diligenza relativo all’attivita’ esercitata dal notaio quello di fornire informazioni o consigli non basati sullo stato degli atti a disposizione del professionista e sulle circostanze di fatto specificamente esistenti, note o comunque prevedibili, dovendosi valutare la diligenza del notaio ex ante e non ex post, e dunque giammai sulla base di circostanze future e meramente ipotetiche (cfr. Cass. Sez. 3 -, Ordinanza n. 20297 del 26/07/2019, che ha ritenuto come circostanza futura, non prevedibile, ad esempio, la proposizione di una querela di falso avverso il testamento olografo nell’ambito di un giudizio di petizione ereditaria avanzata da un erede non legittimario, caratterizzata dalla chiara indicazione nel rogito, da parte del notaio, dell’esistenza di una trascrizione pregiudizievole sugli immobili in argomento).
1.5. Pertanto, l’estensione del suddetto principio di diritto non vale fino al punto da ricomprendere tra gli obblighi di informativa e di consulenza, cui e’ tenuto il notaio al momento del rogito, tutti gli ipotetici ed eventuali scenari di rischio correlati a una trascrizione o iscrizione pregiudizievole, quantunque essi non siano ad essa direttamente collegati, proprio per la posizione di equidistanza dagli interessi delle parti contraenti che si richiede al notaio a tutela di un corretto e imparziale presidio del traffico di negozi giuridici (Cass. Sez. 3 -, Ordinanza n. 20297 del 26/07/2019, conformemente a Cass., Sez. 3 -, Sentenza n. 12482 del 18/5/2017; Sez. 3, Sentenza n. 15726 del 2/7/2010; Sez. 3, Sentenza n. 24733 del 28/11/2007).
1.6. Tanto premesso, in merito alla fattispecie concreta per cui e’ causa, per il notaio si e’ trattato, invero, non tanto di prefigurare alle parti possibili scenari futuri circa l’evoluzione del titolo di acquisto, ma di svolgere un accertamento, di natura tecnica ed essenzialmente giuridica, riguardante la stabilita’ o meno nel tempo del titolo giudiziale trascritto (non avente all’epoca efficacia di giudicato) e, di conseguenza, di informare le parti in ordine ad ogni aspetto che potesse incidere sull’efficacia dell’atto e sul risultato divisato dalle parti.
1.7. Orbene, l’obbligo di informazione e consiglio costituisce, per giurisprudenza di legittimita’ costante (sopra citata), il contenuto essenziale della prestazione professionale del notaio in considerazione del grado di diligenza qualificata richiesta dell’articolo 1176 c.c., comma 2. Difatti, l’informazione circa la definitivita’ o meno del titolo di acquisto portato in una sentenza di primo grado, nel caso specifico dichiarativa dell’intervenuta usucapione di un immobile, diversamente da quanto ritenuto dalla Corte romana, non e’ affatto una nozione alla portata di tutti, ma presuppone conoscenze tecniche e annotazioni specifiche sul titolo giudiziario, non potendo l’uomo medio prefigurarsi il “rischio giuridico” connesso all’acquisto di un immobile usucapito con sentenza non passata in giudicato. Tra gli obblighi del notaio e’ quindi certamente incluso quello di acquisire informazioni, presso la conservatoria dei registri immobiliari, circa il carattere definitivo o meno del titolo giudiziale ivi trascritto poiche’, anche in assenza di pubblicita’ immobiliare dell’atto di appello, nel caso specifico non trascritto, il professionista puo’ e deve verificare se la sentenza di primo grado sia passata in giudicato, in ragione del fatto che copia della sentenza viene depositata presso l’ufficio dei registri immobiliari ai sensi degli articoli 2657 e 2658 c.c. e chiunque ha diritto di prenderne visione ai sensi dell’articolo 2673 c.c..
1.8. In particolare, il notaio era tenuto a verificare il grado di stabilita’ della sentenza di primo grado o, quantomeno, a dare prova dell’informativa offerta alle parti circa il significato da darsi alla assenza di una trascrizione dell’atto di appello a fronte della trascrizione di una sentenza di primo grado priva dell’attestazione di cancelleria circa il suo passaggio in giudicato, non potendosi – tout court – ritenere verosimile che il professionista avesse adempiuto a tale obbligo, essendo questa una circostanza da provare quanto all’informativa rilasciata alle parti.
1.9. Nel caso di specie, poi, non assume rilievo la statuizione della Corte di merito in ordine alla mancata prova del nesso causale tra fatto addebitabile al notaio e danno conseguente, la’ dove la Corte di merito ha riferito che la appellante non ha dimostrato che, se resa edotta del rischio, non avrebbe stipulato l’atto, e che comunque l’atto di appello non risultava essere stato trascritto. Nel contesto del motivo, infatti, e’ arguibile una censura anche con riguardo alla affermazione di una mancata dimostrazione del collegamento causale tra l’evizione subita che costituisce un danno per l’acquirente, al risarcimento del quale tra l’altro e’ stato condannato il venditore, e l’inadempimento del notaio. Inoltre, come correttamente rilevato dal P.M., non e’ prevista alcuna formale trascrizione delle impugnazioni, ma solo della citazione relativa al giudizio di primo grado, per modo che gli effetti della trascrizione della domanda rimangono fermi anche nel caso in cui la domanda sia stata rigettata in primo grado ed accolta solo in appello, senza necessita’ di trascrizione anche dell’atto di impugnazione (Cass. Sez. 2, 4352/2000): nozione tecnica che avrebbe dovuto mettere in ulteriore allerta il notaio preposto a garantire certezza e stabilita’ nei passaggi di proprieta’, anche in funzione anti-contenziosa.
2. Per le suesposte ragioni, il ricorso merita accoglimento con cassazione della sentenza e rinvio alla Corte d’Appello di Roma, in diversa composizione, anche per le spese del presente procedimento.

P.Q.M.

La Corte, accoglie il ricorso; per l’effetto, cassa la sentenza con rinvio alla Corte d’Appello di Roma, in diversa composizione, anche per le spese del presente procedimento.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui