E’ affetto da nullità il decreto di espulsione

92

Corte di Cassazione, civile,
Ordinanza|5 gennaio 2021| n. 19.

E’ affetto da nullità il decreto di espulsione, traslato solo nella lingua veicolare inglese, per la mancata traduzione nella lingua conosciuta dal destinatario di origine bengalese, non giustificata dall’Amministrazione, se non vagamente con argomentazione standardizzata, da una circostanziata impossibilità di reperimento di un traduttore in tale lingua, neppure rara per la presenza sul territorio di una comunità di bengalesi, non rilevando neppure il fatto che il destinatario sia in grado di parlare e comprendere la lingua italiana.

Ordinanza|5 gennaio 2021| n. 19

Data udienza 9 settembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Immigrazione – Protezione internazionale – Riconoscimento dello status di rifugiato – Credibilità del racconto del ricorrente fondato su univoci e concordanti motivi relativi alla privazione della titolarità dell’esercizio dei diritti umani – Accoglimento

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIA Lucia – Presidente

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere

Dott. LORITO Matilde – Consigliere

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 7021-2020 proposto da:
(OMISSIS), domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS), (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
PREFETTURA DI CATANIA, QUESTURA DI CATANIA;
– intimate –
avverso l’ordinanza del GIUDICE DI PACE di CATANIA, depositata il 18/12/2019 r.g.n. 3961/2019;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 09/09/2020 dal Consigliere Dott. ADRIANO PIERGIOVANNI PATTI.

RILEVATO

CHE:
1. con ordinanza 18 dicembre 2019, il Giudice di Pace di Catania rigettava il ricorso proposto da (OMISSIS), cittadino del (OMISSIS), avverso il decreto di espulsione 3 aprile 2019 del Prefetto di Catania per infondatezza della doglianza di sua mancata traduzione nella lingua a lui conosciuta, siccome in grado di parlare e comprendere la lingua italiana (pure scelta per la notificazione degli atti), in ogni caso non piu’ comportante nullita’ dell’atto, ma eventuale rimessione in termini per la sua impugnazione;
2. il primo giudice dava anche conto dell’avvenuto rigetto dal Tribunale di Bologna del ricorso dello straniero avverso la reiezione nel 2017 dalla Commissione Territoriale della sua domanda di protezione internazionale, con provvedimento non impugnato per cassazione e pertanto definitivo;
3. con atto notificato il 19 febbraio 2020, lo straniero ricorreva per cassazione con tre motivi; la Prefettura di Catania e il Ministero dell’Interno restavano intimati.

CONSIDERATO

CHE:
1. il ricorrente deduce violazione o falsa applicazione del Decreto Legislativo n. 286 del 1998, articolo 13, comma 7 per nullita’ del decreto di espulsione per la sua mancata traduzione in lingua bengalese, non giustificata, se non vagamente con argomentazione standardizzata, da una circostanziata impossibilita’ di reperimento di un traduttore in tale lingua, neppure rara per la presenza sul territorio di una comunita’ di bengalesi; la comunicazione del contenuto del decreto in lingua italiana e in inglese (una delle tre lingue veicolari) non essendo stata accompagnata pertanto da una spiegazione plausibile (primo motivo);
2. esso e’ fondato;
3. infatti, e’ nullo il provvedimento di espulsione tradotto in lingua veicolare per l’affermata irreperibilita’ immediata di traduttore nella lingua conosciuta dallo straniero, salvo che l’amministrazione non affermi, ed il giudice ritenga plausibile, l’impossibilita’ di predisporre un testo nella lingua conosciuta dallo straniero per la sua rarita’ ovvero l’inidoneita’ di tale testo alla comunicazione della decisione in concreto assunta (Cass. 8 marzo 2012, n.:3676; Cass. 14 luglio 2015, n. 14733; Cass. 6 febbraio 2018, n. 2865, con specifico riferimento a cittadino bengalese);
3.1. nel caso di specie, il provvedimento espulsivo, non tradotto nella lingua conosciuta dallo straniero, risulta traslato solo nella lingua veicolare, senza che l’amministrazione abbia affermato (ed il giudice ritenuto plausibile), l’impossibilita’ di predisporre un testo nella lingua conosciuta dal destinatario dell’atto;
4. il ricorrente deduce poi violazione dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per omissione di una pronuncia sugli altri due motivi di doglianza, con una palese carenza istruttoria (secondo motivo); violazione o falsa applicazione dell’articolo 112 c.p.c. e Decreto Legislativo n. 286 del 1998, articolo 19, comma 1 per non avere il Giudice di Pace pronunciato su tutta la domanda ed in particolare sul motivo relativo al principio di non respingimento, alla luce della situazione di grave insicurezza del Bangladesh, documentata da recenti e molteplici reports, con esposizione ad un pericolo concreto per la propria incolumita’ (terzo motivo);
5. essi sono assorbiti;
6. pertanto il ricorso deve,essere accolto, con la cassazione dell’ordinanza impugnata e, con decisione ai sensi dell’articolo 384 c.p.c., non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la pronuncia della sua nullita’ e di annullamento del decreto prefettizio, con la regolazione delle spese del giudizio di merito e di legittimita’ secondo il regime di soccombenza (senza alcuna “conseguente statuizione anche in ordine alla richiesta di ammissione al gratuito patrocinio”, posto che questa Corte non ne ha la competenza, riservata nei processi civili, in relazione al giudizio di cassazione, al giudice del rinvio ovvero, per le ipotesi di definizione del giudizio diverse dalla cassazione con rinvio, al giudice che ha pronunciato il provvedimento impugnato: Cass. s.u. 20 febbraio 2020, n. 4315).

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa il decreto del Giudice di Pace e, decidendo nel merito, lo dichiara nullo e annulla il decreto del Prefetto di Catania; condanna la Prefettura alla rifusione, in favore del ricorrente, delle spese di giudizio, che liquida: per il giudizio di merito in Euro 100,00 per esborsi e Euro 1.500,00 per compensi professionali e per il giudizio di legittimita’ in Euro 200,00 per esborsi e Euro 2.200,00 per compensi professionali; entrambi oltre rimborso per spese generali 15% e accessori di legge.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui