Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 11 febbraio 2013 n. 6571. Dosi elevate di stupefacenti rinvenute nella disponibilità di una persona non bastano a provare che questa è dedita ad attività di spaccio

3

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 11 febbraio 2013 n. 6571[1]

 

Il superamento dei limiti tabellari non può neanche rappresentare una presunzione relativa, nel senso che, superato il limite delle tabelle, sia l’imputato a dovere offrire la prova insuperabile della destinazione ad uso personale. Nella norma non vi è alcuna finalità di invertire le regole in tema della prova della responsabilità penale: tale prova secondo i criteri ordinari, dovrà essere fornita dall’accusa, che potrà certamente valorizzare, ma nello specifico contesto fattuale, i parametri citati quali indizi ed utilizzare le tabelle per la corretta individuazione del numero di dosi utili che possano essere ricavate dalle varie e numerose sostanze inserite nell’elenco delle sostanze stupefacenti


[1] Testo scaricabile e consultabile dal portale giuridico del Sole24Ore – Guida al Diritto
http://www.diritto24.ilsole24ore.com/guidaAlDiritto/penale/sentenzeDelGiorno/2013/02/lo-spaccio-va-sempre-provato-non-si-puo-desumere-dalle-dosi-elevate.html

 Archivio sentenze ordinanze

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2011/

   sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2012/

  sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2013/

 

     Studio legale D’Isa

@AvvRenatoDIsa

     renatodisa.com