Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 23 maggio 2012 n. 8095. La mancanza di una o più pagine nella copia dell’atto processuale notificato è rilevante solo se impedisce al destinatario la comprensione dell’atto e quindi se compromette in concreto le garanzie della difesa e del contraddittorio.

8

 

 


Il testo integrale[1]

Aprire il seguente collegamento

 

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 23 maggio 2012 n. 8095

Così deciso dalla S.C.

Difatti la Corte di appello ha fatto corretta applicazione di questo principio ritenendo – avuto riguardo sia alla sua provenienza che all’oggetto della domanda – che l’atto di riassunzione dell’opposizione fosse comprensibile.

 

Sorrento, 24 maggio 2012.

Avv. Renato D’Isa