Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 20 marzo 2013 n. 12923. Omicidio colposo per il medico di famiglia che sbaglia la diagnosi

9

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 20 marzo 2013 n. 12923[1]

L’esistenza del nesso causale richiede una condicio sine qua non, un antecedente senza il quale l’evento non si sarebbe verificato, da valutare sulla base del criterio della elevata credibilità razionale o probabilità logica, conformemente all’insegnamento delle Sezioni unite.

Dunque, secondo la Corte territoriale se l’imputato avesse operato in maniera diversa, si sarebbero evitate le conclusioni infauste


[1] Testo scaricabile e consultabile dal portale giuridico del Sole24Ore – Guida al Diritto
http://www.diritto24.ilsole24ore.com/guidaAlDiritto/penale/sentenzeDelGiorno/2013/03/omicidio-colposo-per-il-medico-di-famiglia-che-sbaglia-la-diagnosi-sulla-polmonite.html

 Archivio sentenze ordinanze

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2011/

  sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2012/

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2013/

 

     Studio legale D’Isa

@AvvRenatoDIsa

     renatodisa.com