Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 17 settembre 2013 n. 38129. l datore di lavoro è passibile di condanna per omicidio colposo per la morte del dipendente ubriaco se, nell’affidargli dei compiti, non ha tenuto conto della loro “salute” oltre che della loro “sicurezza”

3

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 17 settembre 2013 n. 38129[1]

La condizione di ubriachezza del lavoratore sul luogo di lavoro non è circostanza eccezionale e quindi non prevedibile dal datore di lavoro, con l’ulteriore effetto della riconducibilità al medesimo dell’infortunio occorso, pure in presenza di uno stato di ebbrezza alcolica del lavoratore rimasto vittima


[1] Testo scaricabile e consultabile dal portale giuridico del Sole24Ore – Guida al Diritto
http://www.diritto24.ilsole24ore.com/guidaAlDiritto/penale/sentenzeDelGiorno/2013/09/il-datore-risponde-di-omicidio-colposo-per-la-morte-del-dipendente-ubriaco.html

 Archivio sentenze ordinanze

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2011/

  sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2012/

 sentenze-ordinanze/cassazione-penale-2013/

 

     Studio legale D’Isa

@AvvRenatoDIsa

     renatodisa.com